Ucraina: mons. Shevchuk, nostro Natale tra lacrime e sangue

(ANSA) - ROMA, 07 GEN - "Quest'anno, quando nel cielo ucraino il nemico con i suoi missili e le sue bombe sta cercando di oscurare il bagliore della stella di Natale, dovremmo prestare attenzione non al calendario, non ai fenomeni astronomici, ma al fatto che Cristo è venuto oggi per essere nato nel corpo dell'Ucraina martoriata, crocifissa e ferita. Forse suona paradossale, ma la nostra vittoria in questa guerra non avverrà con la forza dei potenti di questo mondo, ma con la potenza del Figlio di Dio appena nato". E' quanto afferma il Capo della Chiesa greco-cattolica ucraina, Sviatoslav Shevchuk, nel messaggio di Natale che i cattolici di rito bizantino celebrano oggi. "Celebrare il Natale significa non avere paura della gioia celeste in mezzo a un mare di lacrime e di sangue. Far entrare la gioia del Natale nei nostri cuori è garanzia della nostra stabilità e invincibilità, della nostra capacità di superare tutte le sfide della vita", prosegue mons. Shevchuk. "Ora, durante la guerra, dobbiamo celebrare il Natale nel modo più che mai solenne e aperto, cantando con gioia sia in casa e nelle chiese parrocchiali sia per le strade dei nostri paesi e villaggi", è l'appello dell'arcivescovo maggiore di Kiev. (ANSA).



Gallerie

Ammazzato di botte: sulla 'sua' panchina fiori e biglietti

(ANSA) - ROMA, 20 GIU - Frederich, l'uomo senza tetto morto ieri per le percosse ricevute a Pomigliano d'Arco, era amato dai residenti della zona, che da stamani stanno lasciando fiori, qualche cero e biglietti sulla panchina antistante il supermercato dove chiedeva l'elemosina. "Sei libero da tutto - scrive un cittadino - vola felice con gli angeli". E davanti al supermercato, molti si fermano per raccontare di quanto fosse dolce e gentile con tutti. "Aveva il vizio di bere - racconta una donna - ma non faceva male a nessuno. Ricordava i nomi, e augurava a tutti una buona giornata, che gli dessero qualcosa o meno". Anche i dipendenti del supermercato conoscevano Frederich: "Stava sempre con noi - spiegano - mangiava qualcosa, ci chiamava amici, my friend, ci mancherà". Qualche residente racconta che l'uomo era solito augurare "buona scuola" ai bambini della zona che lo incrociavano. "Non è possibile arrivare a tanto - afferma una donna - come si può essere così cattivi. Picchiare senza un motivo una persona così gentile. Ci vergogniamo, che il Signore ci perdoni". (ANSA).

Scontri con Israele in Cisgiordania, 3 i palestinesi uccisi

(ANSA) - TEL AVIV, 19 GIU - E' salito a tre il numero dei palestinesi morti dopo essere stati feriti questa mattina in violenti scontri con l'esercito israeliano nel campo profughi di Jenin in Cisgiordania. Lo ha confermato il ministero della Sanità locale citato dalla Wafa che ha identificato i morti in Khaled Azzam Darwish (21 anni), Ahmed Yusef Saqr (15) e Qassam Faisal Abu Sariya (29). Secondo la stessa fonte il bilancio dei feriti è salito a 29, di cui almeno sei giudicati gravi. (ANSA).

Ambasciatrice italiana a cerimonia per l'appello de Gaulle

(ANSA) - PARIGI, 18 GIU - L'Ambasciatrice d'Italia a Parigi Emanuela D'Alessandro ha partecipato oggi alla cerimonia di commemorazione dell'83/o anniversario dell'appello alla Resistenza del generale de Gaulle del 18 giugno 1940, presieduta da Emmanuel Macron. Alla cerimonia, che si è svolta in mattinata al Mont Valérien, vicino a Parigi, erano presenti fra gli altri la prima ministra Elisabeth Borne, il ministro della Difesa Sébastien Lecornu, la ministra dell'Europa e degli Esteri Catherine Colonna. In occasione della cerimonia è stata annunciata l'entrata nel Pantheon di Missak Manouchian, partigiano di origine armena che creò la formazione nota come "gruppo Manouchian". La fortezza di Mont-Valérien dal 1941 al 1944 fu uno dei principali luoghi di esecuzione per fucilazione dell'Ile-de-France durante l'occupazione tedesca. Il 18 giugno 1960 Charles de Gaulle vi inaugurò il "Memoriale della Francia combattente". Oltre mille combattenti della resistenza e ostaggi furono uccisi in questo luogo dalle truppe naziste. Tra questi anche moltissimi stranieri, anche italiani. Lo scorso 22 novembre, in occasione della sua visita a Parigi, il ministro della Giustizia Carlo Nordio aveva visitato, prima delegazione istituzionale italiana a farlo, il sito del Mont Valérien per rendere omaggio ai martiri della Resistenza francese uccisi nella Seconda guerra mondiale. In quell'occasione, i nomi dei caduti italiani erano stati letti accanto al sacrario, dove il ministro aveva deposto un cuscino di fiori e aveva infine firmato il libro d'oro istituito da de Gaulle e firmato, al termine della cerimonia di oggi, anche dal presidente Macron. (ANSA).

Bimba scomparsa: maxi ispezione carabinieri in ex hotel

(ANSA) - FIRENZE, 18 GIU - E' da poco partita la nuova grande ispezione da parte dei carabinieri all'interno dell'ex hotel Astor di Firenze, sgomberato ieri, nell'ambito delle ricerche della piccola Kataleya, la bambina peruviana di 5 anni scomparsa dal 10 giugno che abitava con la famiglia nello stabile occupato. E' prevista anche l'ispezione da parte di tecnici del Gruppo d'intervento speciale (Gis) dei carabinieri. Sul posto anche il pm Christine von Borries che sta coordinando l'ispezione dei carabinieri all'interno dell'ex hotel Astor. Alle ricerche partecipano anche un team dei Gis, composto da quattro tecnici, e un altro del Ros che utilizzano apparecchiature ad alta tecnologia, anche adatte a individuare intercapedini o cavità nelle mura. Impegnati anche 8 carabinieri del Sis, fra il sopralluogo e le analisi di laboratorio. Don Roberto Turco, parroco della parrocchia del Preziosissimo Sangue che dista pochi metri dallo stabile occupato, ha annunciato nell'omelia una preghiera per il ritrovamento della piccola Kata. (ANSA).

Bimba scomparsa: maxi ispezione carabinieri in ex hotel

Oggi nuova grande ispezione da parte dei carabinieri all'interno dell'ex hotel Astor di Firenze, sgomberato ieri, nell'ambito delle ricerche della piccola Kataleya, la bambina peruviana di 5 anni scomparsa dal 10 giugno che abitava con la famiglia nello stabile occupato. Si prosegue domani. Alle ricerche partecipano anche un team dei Gis, composto da quattro tecnici, e un altro del Ros che utilizzano apparecchiature ad alta tecnologia, anche adatte a individuare intercapedini o cavità nelle mura. Impegnati anche 8 carabinieri del Sis

M5s: Conte, questa è la piazza della maggioranza del Paese

(ANSA) - ROMA, 17 GIU - "Una piazza così affollata va al di là delle aspettative. Oggi è una giornata di sole, di caldo. La gente poteva andare al mare e invece viene qui a manifestare tutto il disagio sociale che il Movimento non vuole ascoltare. Questa non è la piazza del Movimento 5 Stelle, ma è la piazza della maggioranza del Paese che vede che il governo non ha soluzioni ma guarda solo ad alcuni interessi dei soliti ricchi e potenti". Lo dichiara il presidente del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte nel corso del corteo a Roma. (ANSA).

Bimba scomparsa, via allo sgombero del palazzo occupato

(ANSA) - FIRENZE, 17 GIU - E' in atto lo sgombero dell'ex hotel Astor, lo stabile occupato in via Maragliano a Firenze da dove sabato scorso è scomparsa la piccola Kata, la bambina peruviana di 5 anni che nel palazzo abita con la famiglia. Sul posto numerose le forze dell'ordine tra polizia, carabinieri, guardia di finanza e municipale. Il tratto della strada dove si affaccia l'ex hotel e la strada laterale, via Boccherini sono bloccate al traffico. Il palazzo era stato occupato nel settembre scorso, vi abitano per lo più famiglie di origine peruviana e romena. (ANSA).

Putin riceve il presidente degli Emirati a San Pietroburgo

(ANSA) - ROMA, 16 GIU - Il presidente russo Vladimir Putin ha ricevuto oggi a San Pietroburgo il suo omologo degli Emirati arabi uniti, Mohammed bin Zayed al Nahyan, ringraziandolo tra l'altro per avere favorito gli scambi di prigionieri nel conflitto in Ucraina. Da parte sua il presidente degli Emirati si è detto pronto a cercare di facilitare una soluzione di pace. Lo riferiscono le agenzie russe. L'incontro si è svolto a margine del Forum economico internazionale di San Pietroburgo. (ANSA).









Scuola & Ricerca



In primo piano