Bicentenario geroglifici, al Museo Egizio il Papiro dei Re

(ANSA) - TORINO, 27 SET - Nel giorno in cui il mondo dell'egittologia, celebra il bicentenario della decifrazione dei geroglifici ad opera di Jean François Champollion, il Museo Egizio accende i riflettori su uno dei papiri della sua collezione più celebre al mondo, noto all'estero con il nome di 'Turin King List'. Si tratta dell'unica lista reale d'epoca faraonica scritta a mano su papiro che sia giunta fino a noi. Sarà esposto fino al 21 novembre, dopo un'opera di ricerca e restauro, frutto di una collaborazione tra Torino, Copenaghen e Berlino. Sarà protagonista di un allestimento dedicato: un'installazione interattiva e un'infografica narrano l'evoluzione del manoscritto, giunto a Torino nel 1824 con la collezione Drovetti e composto da circa 300 frammenti, assemblati in circa 200 anni. "È una giornata speciale. Il Museo Egizio si conferma crocevia di studi internazionali e di ricerca, un'istituzione in continua evoluzione. Il nostro sguardo è proiettato al 2024, quando a celebrare il bicentenario sarà proprio il Museo Egizio, il più antico al mondo nel suo genere", ha detto la presidente del Museo Egizio, Evelina Christillin. "Riunire a Torino alcuni tra i migliori talenti internazionali della ricerca egittologica e del restauro per portare a nuova vita il Papiro dei Re è un modo per celebrare il bicentenario della nascita dei geroglifici e dell'Egittologia", sottolinea il direttore del Museo Egizio, Christian Greco. (ANSA).







Gallerie

Bicentenario geroglifici, al Museo Egizio il Papiro dei Re

(ANSA) - TORINO, 27 SET - Nel giorno in cui il mondo dell'egittologia, celebra il bicentenario della decifrazione dei geroglifici ad opera di Jean François Champollion, il Museo Egizio accende i riflettori su uno dei papiri della sua collezione più celebre al mondo, noto all'estero con il nome di 'Turin King List'. Si tratta dell'unica lista reale d'epoca faraonica scritta a mano su papiro che sia giunta fino a noi. Sarà esposto fino al 21 novembre, dopo un'opera di ricerca e restauro, frutto di una collaborazione tra Torino, Copenaghen e Berlino. Sarà protagonista di un allestimento dedicato: un'installazione interattiva e un'infografica narrano l'evoluzione del manoscritto, giunto a Torino nel 1824 con la collezione Drovetti e composto da circa 300 frammenti, assemblati in circa 200 anni. "È una giornata speciale. Il Museo Egizio si conferma crocevia di studi internazionali e di ricerca, un'istituzione in continua evoluzione. Il nostro sguardo è proiettato al 2024, quando a celebrare il bicentenario sarà proprio il Museo Egizio, il più antico al mondo nel suo genere", ha detto la presidente del Museo Egizio, Evelina Christillin. "Riunire a Torino alcuni tra i migliori talenti internazionali della ricerca egittologica e del restauro per portare a nuova vita il Papiro dei Re è un modo per celebrare il bicentenario della nascita dei geroglifici e dell'Egittologia", sottolinea il direttore del Museo Egizio, Christian Greco. (ANSA).

immagini

Gwyneth Paltrow compie 50 anni: "Mi accetto come sono"

A 40 anni era nella disperazione, a 50 si sente davvero bene. Un'altra star di Hollywood arriva al traguardo del mezzo secolo: si tratta di Gwyneth Paltrow, che il 27 settembre spegnerà le candeline felice di essere così com'è e accettando tutti gli effetti che l'invecchiamento comporta. E lo dice forte e chiaro in un post su Instagram in cui si mostra in piena forma mentre salta in bikini. 'Riflessioni su una tappa fondamentale', si legge nella didascalia dello scatto. Segue poi una sorta di saggio in cui riflette sulla sua condizione fisica e mentale alla soglia dei 50 anni. Racconta di non avere stranamente alcuna percezione del tempo che è passato, anche se il suo corpo è meno 'eterno'. "Il mio corpo - spiega - è una cartina della prova di tutti questi giorni... Una raccolta dei segni e irregolarità che fanno orecchie ai capitoli. Cicatrici dalle scottature da forno, un dito frantumato nel vetro di una finestra tanto tempo fa, la nascita di un figlio. Capelli bianchi e piccole rughe". L'attrice, nel 1999 premio Oscar e Golden Globe come migliore attrice per il film 'Shakespeare in Love', continua poi spiegando che fa il possibile per essere in buona salute e per avere la longevità, per prevenire il rilassamento muscolare e le ossa che si indeboliscono. "Ho un mantra - dice - inserisco in quei pensieri pericolosi che cercano di mandarmi fuori strada: Lo accetto" (di Gina Di Meo / Ansa)

immagini

I 50 anni di Gwyneth Paltrow: "Mi accetto come sono"

A 40 anni era nella disperazione, a 50 si sente davvero bene. Un'altra star di Hollywood arriva al traguardo del mezzo secolo: si tratta di Gwyneth Paltrow, che il 27 settembre spegnerà le candeline felice di essere così com'è e accettando tutti gli effetti che l'invecchiamento comporta. E lo dice forte e chiaro in un post su Instagram in cui si mostra in piena forma mentre salta in bikini. 'Riflessioni su una tappa fondamentale', si legge nella didascalia dello scatto. Segue poi una sorta di saggio in cui riflette sulla sua condizione fisica e mentale alla soglia dei 50 anni. Racconta di non avere stranamente alcuna percezione del tempo che è passato, anche se il suo corpo è meno 'eterno'. "Il mio corpo - spiega - è una cartina della prova di tutti questi giorni... Una raccolta dei segni e irregolarità che fanno orecchie ai capitoli. Cicatrici dalle scottature da forno, un dito frantumato nel vetro di una finestra tanto tempo fa, la nascita di un figlio. Capelli bianchi e piccole rughe". L'attrice, nel 1999 premio Oscar e Golden Globe come migliore attrice per il film 'Shakespeare in Love', continua poi spiegando che fa il possibile per essere in buona salute e per avere la longevità, per prevenire il rilassamento muscolare e le ossa che si indeboliscono. "Ho un mantra - dice - inserisco in quei pensieri pericolosi che cercano di mandarmi fuori strada: Lo accetto" (di Gina Di Meo / Ansa)

Musica: Ligabue all'Arena di Verona con sette concerti

(ANSA) - VERONA, 26 SET - Dopo il successo dell'evento "30 anni in un giorno", da domani, Luciano Ligabue torna sulle scene live con 7 concerti all'Arena di Verona, già tutti spola out, fino al 6 ottobre. Il cantante reggiano è un habitué dell'Arena, dove torna da ormai da anni con numerose date che registrano sempre il tutto esaurito. "Non cambierei questa vita con nessun'altra" (Warner Music) è l'ultimo brano di Ligabue. Dopo Verona Ligabue sarà protagonista di un. Tour europeo a Barcellona, Bruxelles, Parigi e Londra. (ANSA).

Stefano De Martino, amo la tv "un passo indietro"

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Il direttore dei programmi di intrattenimento prima serata della Rai, Stefano Coletta, lo ha definito "l'uomo di punta di Rai2". Lui sorride. "Non mi ci sento. Penso che tutti insieme formiamo una bella squadra, ma, certo, fa piacere ricevere tanta fiducia". Trentatré anni il prossimo 3 ottobre (e già più di dieci in tv), dopo un'estate al ritmo di Tim Summer Hits in coppia con Andrea Delogu, Stefano De Martino è pronto a tornare in onda con tre programmi tutti suoi, a partire, lunedì 26 settembre dall'Auditorium Rai di Napoli, proprio da quella "creatura" che lo ha laureato conduttore: Stasera tutto è possibile, il comedy show realizzato in collaborazione con Endemol Shine Italy, che promette una nuova stagione di giochi scherzi e risate. "Trentatré anni? Non lo so se sono tanti o sono pochi - riflette De Martino con l'ANSA -. E' un'età in cui si comincia a formare una bozza di consapevolezza. Non ha più la smania di raggiungere l'obiettivo di quando ne avevi 20. E puoi cominciare a goderti quello che stai costruendo". Anche quest'anno a Stasera tutto è possibile sono confermati ospiti fissi Biagio Izzo, Francesco Paolantoni e l'imitatore Vincenzo De Lucia. "Ai quali abbiamo affiancato personaggi inattesi, da Arisa a Rocco Siffredi", anticipa il conduttore, tutti pronti a cimentarsi in giochi come la Stanza inclinata, diventata ormai icona del programma, "classici" come Segui il labiale, Mimo senza fili, Rumori di mimo, Step Burger e, nuovo, La stanza buia, visibile solo grazie alle telecamere a infrarossi. "Tutti giochi che in realtà sono un pretesto per improvvisare e mettersi alla prova - prosegue De Martino -. A me piace partecipare, ridere, ma restando un passo indietro, un po' come nella tv di un tempo. Sì - prosegue - sono un conduttore più 'tradizionale', non un rivoluzionario. Mi piace, è una cifra che mi si addice". Novità di quest'anno, poi, un tema diverso a puntata a partire da un "Tutti a scuola". "Ci sembrava giusto, visto che proprio in questi giorni i ragazzi sono tornati in classe - spiega -. E poi, l'ho scoperto con il tempo, questo è un programma che piace davvero a ogni età, dai grandi ai piccini. Io a scuola? Sono stato bravissimo fino al primo anno delle superiori. Poi ho cominciato a concentrarmi seriamente sulla danza e - sorride - diciamo che sfruttavo le mie grandi dosi di improvvisatore e me la cavavo. Oggi mi rifaccio con mio figlio quando lo aiuto nei compiti: siamo all'analisi logica e grammaticale". Ma ad attendere De Martino in questa stagione tv c'è anche la seconda edizione di Bar Stella, da novembre in seconda serata, esperimento super riuscito che firma anche come autore, e poi il riadattamento del game show musicale That's my Jam, negli Usa ideato e condotto da Jimmy Fallon. "E' un gioco musicale in cui cantanti e musicisti si mettono in gioco, provano anche canzoni dei colleghi, Un po' come capita alle cene fra artisti - dice -. Sto studiando come ritagliarlo e adattarlo il più possibile a me. È un po' come tradurre un'opera". Ma ora che la vita privata sembra tornata a gonfie vele (è di qualche giorno fa la sua tenera dedica sui social alla moglie Belen Rodriguez a suggellare il ritrovato amore), De Martino il 3 ottobre festeggerà per il compleanno? "Non lo faccio quasi mai, proprio perché, come a lavoro, non amo essere io in primo piano. Quando è capito - sgrana gli occhi - sono stato tutto il tempo in apprensione per gli ospiti. Quest'anno, poi - sorride - ho la scusa del lavoro. Un regalo? Mi piacciono le sorprese, anche piccole, ma pensate". (ANSA).

Biden celebra Elton John, sua musica rende liberi

(ANSA) - WASHINGTON, 23 SET - "La nostra famiglia ama la sua musica, le sue canzoni rendono speciale ogni giorno della vita, liberano le emozioni e così liberano le persone". Lo ha detto Joe Biden prima dell'esibizione di Elton John alla Casa Bianca. "La sua musica ha cambiato le nostre vite", ha detto ancora il presidente americano ringraziando la star britannica per aver "parlato all'anima della nostra nazione". L'evento 'A Night When Hope And History Rhyme', spiega l'amministrazione, vuole celebrare "il potere unificante e curativo della musica, rendere omaggio alla vita e all'artedi Sir Elton John e onorare gli eroi di tutti i giorni: insegnanti, infermieri, lavoratori in prima linea, militari, studenti, sostenitori dei diritti LGBTQ+ e tanti altri". Circa 2.000 gli ospiti presenti nel South Lawn della Casa Bianca, tra cui il marito dell'artista David Furnish, l'ex First Lady Laura Bush e l'ambasciatrice britannica a Washington Karen Pierce. Nella serata di sabato la pop star britannica si esibirà in un concerto tutto esaurito a Washington nonostante i prezzi dei biglietti alle stelle: da un minimo di 150 dollari fino a un massimo di oltre 6.000. (ANSA).

Fiorello scalda i motori, è pronto per Rai1 e Radio2

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Fiorello scalda i motori per l'atteso ritorno in tv con un suo show. In attesa di scoprire se ha davvero chiuso con Sanremo, come ripete tra il serio e il faceto, o se, dopo tre edizioni, cederà ancora, per la quarta volta, alla corte di Amadeus e sarà presente, in qualche modo, al Festival, lo showman è al lavoro per la nuova versione del suo morning show che andrà in onda su Rai1 e, in contemporanea, su Radio2, difficilmente prima di novembre, secondo quanto apprende l'ANSA. Mentre non compare il nome di Fiorello nei palinsesti e l'ad Rai Carlo Fuortes, ad una domanda sul suo ritorno, risponde laconico "diamo tempo al tempo", la squadra è già al lavoro per confezionare un nuovo programma di intrattenimento ritagliato sulle caratteristiche artistiche, ma anche sul bioritmo di Fiorello, molto mattiniero, per dare la sveglia agli italiani a suon di buonumore, musica, news, giovanilismo, spontaneità e divertimento. Dopo la chiusura all'Arena di Verona del trionfale tour 'Fiorello presenta' andato in scena nei teatri di tutta Italia dove ha collezionato decine di sold out, Fiorello non ufficializza la partenza del nuovo show, ma semina indizi, nel suo stile, con l'intenzione di far passare la mareggiata della campagna elettorale e delle elezioni. Intercettato di passaggio negli studi di via Asiago insieme alla moglie manager Susanna, lo showman - catapultato in diretta da Andrea Delogu e Silvia Boschero nel programma 'La versione delle due' - ha ribadito la voglia di tornare alla radio e in tv aggiungendo "spero presto" e ha confessato il desiderio di "ravvivare un po' la via antistante". In via Asiago 10 Fiorello, del resto, ha fatto di tutto negli anni: dalla trasmissione cult Viva Radio2 con Marco Baldini, con interventi esilaranti con compagni di viaggio come Mike Bongiorno e Andrea Camilleri, all'originale varietà Viva RaiPlay!, concepito per lanciare la nuova piattaforma web della Rai, fino allo show del mattino Viva Asiago10!, modellato sull'esperienza di Edicola Fiore e in onda dal 'glass studio', un box trasparente all'esterno della storica sede di Radio Rai. Dopo il Festival di Sanremo 2020, il primo targato Amadeus, Fiorello avrebbe voluto riprendere questo show, ma la pandemia da Covid-19 e il lockdown lo hanno impedito. Ora, dopo aver tagliato il traguardo dei 60 ed essersi eclissato sui social da un paio d'anni, sembra pronto a ripartire con entusiasmo per una nuova avventura. (ANSA).

Prima sfilata nuovo corso Marras apre Milano Fashion Week

(ANSA) - MILANO, 21 SET - È la prima sfilata di Antonio Marras dopo l'acquisizione dell' 80% dell'azienda da parte dell'ad del gruppo Calzedonia, Sandro Veronesi, quella che apre oggi ufficialmente la Milano Fashion week. "È il primo step di un grande cambiamento, l'arrivo di una grande azienda cambia le prospettive e le esigenze - racconta Antonio Marras - ma non il mio modo di procedere, cambia semplicemente la restituzione, con una visibilità che prima non c'era. Il cambiamento - sottolinea lo stilista di Alghero - è dettato dal connubio tra un pragmatico e visionario come Veronesi e un folle come sono io. É un amalgama esplosivo ed eccitante, l'inizio di un percorso di esistenza e lavoro. Veronesi ha una visione straordinaria dello sviluppo del Retail così - scherza Marras - non mi sentirò più chiedere dove possono comprare i miei abiti". Quella di un partner come Veronesi è stata "una scelta fatta dopo anni di incontri, mi è sembrata l'azienda che potesse avere rispetto del mio lavoro e darmi visibilità e diffusione" anche grazie all'apertura di nuovi negozi. In passerella, anche con la nuova proprietà, non cambia la visione poetica che da sempre accompagna il lavoro di Marras: questa volta l'ispirazione della collezione è l'immaginaria ricerca di un teatro abbandonato nel cuore della Sardegna invaso dalla natura che si è riappropriata dei suoi spazi . Ecco quindi giacche, calze, abiti con ricami, stampe e jacquard tutti a motivi floreali, tagliati da coulotte e top a costine. Per lui bermuda e kway nelle stesse fantasie. E poi tanti lunghi e preziosi abiti da sera tutti seta, tulle e ricami, fino al gran finale con sette capi speciali dedicati a Maria Callas realizzati dalla sartoria del Piccolo Teatro. (ANSA).

Brad Pitt debutta come scultore con una mostra in Finlandia

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Brad Pitt debutta come scultore in un museo in Finlandia, nell'ambito della prima mostra d'arte pubblica dell'attore che ha colto di sorpresa il Paese nordico. Situato a Tampere, terza città della Finlandia, è la prima volta che la star statunitense, "in gran parte autodidatta", presenta le sue sculture al pubblico, si legge in una nota del Sara Hildén Art Museum. Le sculture di Pitt sono state svelate dallo stesso attore 58enne sabato scorso nell'ambito di collettiva dell'artista britannico Thomas Houseago, insieme a una serie di ceramiche del musicista australiano Nick Cave. "Per me e Nick questo è un nuovo mondo e la nostra prima volta. Ci sembrava il momento giusto", ha dichiarato Pitt all'emittente finlandese Yle durante la cerimonia di apertura. Tra le sculture, anche un pannello in gesso raffigurante la scena di uno scontro a fuoco, nonché varie sculture a forma di casa in silicone trasparente, ciascuna delle quali è stata colpita da munizioni di diverso calibro, rivelandone la traiettoria e bloccando, nella materia plastica, il movimento distruttivo. (ANSA).

Kate Winslet, infortunio sul set del film 'Lee' in Croazia

(ANSA) - NEW YORK, 19 SET - Kate Winslet si è infortunata sul set del suo nuovo film 'Lee' in lavorazione in Croazia ed è finita in ospedale. Lo riporta l''Hollywood Reporter'. La 46enne attrice nel film diretto da Ellen Kuras ha la parte della fotografa Lee Miller che lavorò come corrispondente di guerra per 'Vogue' durante la Seconda Guerra Mondiale. Nel cast anche Marion Cotillard, Jude Law, Andrea Riseborough e Josh O'Connor. La Winslet è scivolata ed è stata portata in ospedale "per misura precauzionale su richiesta dalla produzione", ma "sta bene e tornerà sul set come previsto questa settimana", ha detto un portavoce. (ANSA).









Cronaca

il dopo voto

Resa dei conti nel centrodestra trentino, FdI attacca Tonina (e Fugatti)

Cia: «Voleva candidarsi contro la nostra coalizione, chiarisca. Il governatore si confronti con noi». A Milano la Lega conferma la fiducia a Salvini (foto Ansa)

I COLLEGI UNINOMINALI: Centrodestra a Roma con de Bertoldi, Biancofiore, Testor e Cattoi. Patton strappa Trento

IL PROPOZIONALE: Dentro Ferrari, Ambrosi e Steger in Parlamento. Fuori Binelli

TERZO POLO. Mario Raffaelli non ce la fa nel Lazio

 









Dillo al Trentino