Depp vs Heard: lei, solo Johnny pensa op-ed sia su di lui

(ANSA) - NEW YORK, 17 MAG - Soltanto Johnny Depp pensa che nell'op-ed del 2018 sul Washington Post la sua ex moglie parlasse di lui. Lo ha detto, al processo per diffamazione in corso a Fairfax, Virginia, Amber Heard da cui la star di 'Pirata dei Caraibi' vuole 50 milioni di dollari di danni. L'attrice, che è al centro del controinterrogatorio dei legali di Depp, ha detto anche che Johnny, negli ultimi tempi del loro matrimonio, soffriva di allucinazioni durante i loro alterchi. "Parlava con persone che non erano nella stanza. Era spaventoso. Non sono sicura se era arrabbiato con me o se era convinto che il tizio che diceva di avere visto con me era nella stanza", ha detto Amber, alludendo alla gelosia dell'allora consorte. (ANSA).

Gallerie

Depp vs Heard: lei, solo Johnny pensa op-ed sia su di lui

(ANSA) - NEW YORK, 17 MAG - Soltanto Johnny Depp pensa che nell'op-ed del 2018 sul Washington Post la sua ex moglie parlasse di lui. Lo ha detto, al processo per diffamazione in corso a Fairfax, Virginia, Amber Heard da cui la star di 'Pirata dei Caraibi' vuole 50 milioni di dollari di danni. L'attrice, che è al centro del controinterrogatorio dei legali di Depp, ha detto anche che Johnny, negli ultimi tempi del loro matrimonio, soffriva di allucinazioni durante i loro alterchi. "Parlava con persone che non erano nella stanza. Era spaventoso. Non sono sicura se era arrabbiato con me o se era convinto che il tizio che diceva di avere visto con me era nella stanza", ha detto Amber, alludendo alla gelosia dell'allora consorte. (ANSA).

Musica: Baglioni,da ottobre in tour con Dodici Note Solo Bis

(ANSA) - ROMA, 16 MAG - Nel giorno del 71/o compleanno, lunedì 16 maggio Claudio Baglioni torna in concerto al Teatro di San Carlo di Napoli, con Dodici Note Solo, a distanza di 21 anni dall'ultima volta, nel 2001 per il tour InCanto tra pianoforte e voce. Il tour arriverà anche a Milano (Teatro Lirico - 22 maggio) e Varese (Teatro di Varese - 23 maggio). L'appuntamento è l'occasione per l'artista per annunciare che il tour di grande successo Dodici Note Solo tornerà questo autunno con nuove date live a partire da ottobre. Dodici Note Solo Bis vedrà nuovamente Baglioni, voce, pianoforte e altri strumenti, con le composizioni più preziose del suo repertorio, sui palcoscenici dei teatri lirici e di tradizione più prestigiosi del Belpaese. Dal 3 giugno, inoltre, Baglioni sarà protagonista di Dodici Note - Tutti su!, i concerti previsti alle Terme di Caracalla di Roma (dal 3 al 19 giugno), al Teatro Greco di Siracusa (15 e 16 luglio) e all'Arena di Verona (26 e 27 luglio). L'artista dividerà il palco con 110 tra musicisti e coristi e 12 performer, per dar vita a una proposta musicale e spettacolare inedita e innovativa. (ANSA).

ESC: Eurovision-mania a Torino, la città attende la finale

(ANSA) - TORINO, 14 MAG - E' Eurovision-mania a Torino dove, in attesa della finale di questa sera al Pala Olimpico, migliaia di persone si sono riversate nel centro a caccia delle star della musica che da qualche giorno hanno preso casa sotto la Mole. Presi di assalto gli alberghi, in attesa di vedere i propri beniamini musicali entrare o uscire, i più cercati sono i Maneskin, vincitori della scorsa edizione e ospiti questa sera della finalissima. Davanti all'Nh Hotel Santo Stefano centinaia di fan sono assiepati da ore per vedere Damiano e la sua band. Grandi le attese anche per Blanco e Mahmood: dopo che la loro presenza ieri sera all'Eurovillage è sfumata, c'è chi spera di vederli ancora una volta spuntare da qualche parte, come hanno fatto nei giorni scorsi quando si sono esibiti a sorpresa in piazza San Carlo o piazza Vittorio. L'aria è quella di festa che ha caratterizzato quest'ultima settimana, tra i flash mob e le esibizioni improvvisate dalle 40 delegazioni provenienti da tutto il mondo. "Siamo molto orgogliosi e felici di ospitare l'evento. E siamo contenti che questa atmosfera incredibile abbia contagiato tutta la città, al parco del Valentino come in centro. Sono tutti impazziti", ha detto non a caso il sindaco di Torino Stefano Lo Russo, intervenendo ieri in conferenza stampa al press centre del PalaOlimpico. "Grazie per l'energia che trasmettete con questo fantastico evento - ha aggiunto rivolgendosi a Laura Pausini, Mika e Alessandro Cattelan -. Siamo entusiasti dell'effetto che sta avendo l'evento, soprattutto sul pubblico più giovane". (ANSA).

Libro del giorno: Jovanotti e Crocetti, Poesie da spiaggia

(ANSA) - ROMA, 12 MAG - La poesia "è come la luce, come l'aria" e più che capirla è importante sentirla. Dopo aver recitato i versi di 'Bello Mondo' di Mariangela Gualtieri al Festival di Sanremo 2022, Jovanotti ci mostra di nuovo il suo legame speciale con le parole dei poeti a cui questa volta ha pensato di dedicare un'antologia. E quando ha proposto l'idea all'editore Nicola Crocetti, il "mito" della poesia in Italia, lui ha subito accettato. Ha preso corpo così 'Poesie da spiaggia', che esce il 12 maggio, si apre con Costantino Kavafis e si chiude con Pablo Neruda e sarà presentato in un atteso evento al Salone del Libro di Torino il 19 maggio alle 18.30. Nel libro trovano posto, tra le altre, poesie di Arthur Rimbaud, Mario Luzi, Ezra Pound, Sandro Penna, Eugenio Montale, Marina Cvetaeva, Robert Frost, Rainer Maria Rilke, Antonella Anedda e anche Friedrich Nietzsche. Altro che 'Poesie da spiaggia', sono componimenti dei massimi poeti di ieri e di oggi, ma il titolo non vuol avere nulla di provocatorio. "Ho immaginato che qualcuno si porti davvero questo libro in spiaggia, e che insieme al 'giallo' dell'estate o al romanzo del momento nello zainetto ci sia anche questo oggetto magico, un libro di poesie bellissime legate al mare, al viaggio, all'avventura, all'amore, alla vita" spiega Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, nella doppia intervista a mo' di introduzione al libro, in cui lui fa domande a Crocetti e viceversa. E poi sulla spiaggia c'è anche il Jova Beach Party che parte il 2 luglio per 21 date e "noi siamo due tipi da spiaggia a pubblicare un libro di poesie in un tempo come il nostro, siamo come due bagnini per le anime, a nostra volta naufraghi" dice Lorenzo parlando di lui e Crocetti. "Nelle sere d'estate andrò per i sentieri,/pizzicato dal grano, pestando i fili d'erba;/ne sentirò, sognante, il fresco sotto i piedi./E al vento lascerò bagnare la mia testa" scrive Rimbaud in 'Sensazione'. Nella scelta, più della metà delle poesie e dei poeti proposti da Crocetti e Jovanotti coincidevano. Si è stabilita un'alchimia speciale tra "un maestro e un allievo". E benché Lorenzo Cherubini si definisca "illetterato", il "giardino segreto" della poesia lo conosce bene. "Il vero incontro folgorante fu con i futuristi" intorno ai 14 anni, racconta. E lo 'Zang Tumb Tumb' di Marinetti, le poesie visive di quel momento" sono state "più forti di un disco, di un concerto, e ci ho costruito una passione, una vocazione per le parole che suonano e battono, prima ancora di quello che significano". Ma perché, chiede all'editore, "hai accettato di fare un libro con un 'tipo da spiaggia' come me?". "Perché hai tutto quello che serve per 'convincere', per diffondere e far amare la poesia: la conosci bene, la leggi da tanti anni, hai entusiasmo, passione, simpatia" dice Crocetti che nel 2020 ha completato la traduzione integrale del capolavoro di Nikos Karantzakis, Odissea apparsa come "un dono" a Jovanotti che da quella lettura ha cominciato a immaginare l'antologia. 'Poesie da spiaggia' è un viaggio "pieno di conoscenze e d'avventure" in cui augurarsi "che sia lunga la via" come dice Kavafis in 'Itaca" e in cui la letteratura è, nella visione di Jovanotti "una religione aperta" dove "si entra e si esce quando si vuole" (ANSA).

Libro del giorno: Giorgia Soleri, io Signorina Nessuno

(ANSA) - ROMA, 10 MAG - ''Chi è la signorina Nessuno? Era in principio un alter ego per scrivere di Damiano (Ndr. David, frontman dei Maneskin) quando la nostra relazione era ancora riservata, poi ha preso una sua dimensione, è diventata una persona vivente ed era il mio modo per distaccarmi da quello che provavo, per guardalo dall'esterno e comunicarlo. E' un universo''. Ora la ''La signorina Nessuno'' è il titolo del primo libro di poesie di Giorgia Soleri, 26 anni, modella, influencer, ''femminista guastafeste'', come si definisce lei. Ma anche attivista impegnata nella battaglia per fare chiarezza sulla malattia che l'ha tormentata, l'endometriosi, ed ora promotrice della proposta di legge per il riconoscimento di vulvodinia e neuropatia del pudendo nei Livelli essenziali di assistenza del Sistema sanitario nazionale. Una battaglia di cui Damiano, con cui ha una relazione da ben 8 anni, si è schierato al suo fianco. Il dolore è uno dei temi portanti del resto di questo bel libro di versi - arricchito dalle illustrazioni di Emma Passarella - in cui le problematiche che affliggono ragazzi e ragazze ci sono tutte: autolesionismo, anoressia, suicidio, anche l'aborto, insomma il disagio emotivo in tutte le sue forme. '''In tante cose la vita è stata magnanima con me - racconta Giorgia, in versione acqua e sapone e dal sorriso dolcissimo - però mia mamma dice che per le persone l'amore a 5 anni o a 50 è diverso perchè è diversa la consapevolezza che hai di te, ma il dolore è sempre uguale. Non c''è gerarchia del dolore. E scrivere è un modo per esprimerlo in una società che ci vuole iperproduttivi ed ha perso la capacità di metabolizzarlo''. Dolore fisco ma anche disagio sociale che sembra tanto simile a quello di artiste come Frida Kahlo ad Antonia Pozzi, che pure combattevano i limiti che sentivano venire dal loro essere donne. Non è cambiato nulla dagli anni Venti? ''Non siamo a questo punto - dice con passione - anche e soprattutto grazie alle battaglie delle donne e delle femministe. Anche se non siamo al punto in cui avrebbero pensato loro di arrivare 50 anni dopo. Io sono cresciuta con le ninnananna delle suffraggette che mi cantava mia madre per addormentarmi, e vedo anche non volendo con una lente femminista che mette in luce le criticità rispetto alla parità di genere. Essere femminista è riuscire a vedere il proprio privilegio - sono una donna bianca di famiglia borghese - ma insieme schemi di oppressione e intersezioni tra le oppressioni che ci sono e permangono''. Madre che nomina spesso e a cui dedica il libro e una poesia commovente: ''''Cosa vuoi essere da grande?/ Chiedono a me le signore/''Mia madre''/ dico io''. ''Un modo di distaccarmi da me'', così descrive la sua passione per la poesia ''nata quando avevo 10 anni'', rivela: ''qui i versi più vecchi sono del 2016 ma la maggior parte le ho scritte tra il 2017 e il 2019''. ''Poetessa no non mi piace, preferisco poeta ma non mi offendo'', ma i suoi più amati sono la stessa Pozzi, Franco Arminio, Patrizia Cavalli, 'Mariangela Gualtieri, Livia Candiani....'Ho sempre lavorato per la mia immagine, sono stata modella da quando avevo 16 anni e volevo distaccarmi da questo, non lavorare con il contenitore ma comunicare attraverso il corpo. Come fanno gli attori. E poi sono diventata influencer per poter avere un filo diretto con le persone''. Sua è infatti una ''estrema urgenza di comunicare''. ''Ho tantissime passioni e quasi tutte sono riuscita a renderle un lavoro, a parte le foto anche se amo fotografare. Che farò domani? Voglio provare linguaggi artistici a 360 gradi''. E del resto ''comunicativa'' è la parola che secondo lei la descrive meglio. Ma al momento tra i suoi tanti progetti nega che ci sai qualcosa in pentola con i Ferragnez: ''la foto insieme? Eravamo a Milano con Damiano che ha conosciuto Federico a X Factor li ha chiamati e ci siamo visti ma così, solo in amicizia''. Ma lei e il suo compagno è chiaro che volano alto non a caso ne La signorina Nessuno ad accumunarli non sono solo le tante, bellissime pagine d'amore, ma anche una figura mitologica: Icaro. ''Chi è Icaro? Icaro è una persona che ho amato e che amo molto, un ambizioso che vuole volare vicino al sole. Quando l'ambizione lo frena e gli fa paura arriva la signorina Nessuno a fare uno scambio. Avrei usato il nome ma Icaro ha un significato più complesso. Sole poi da sempre è il mio soprannome , da Soleri ovviamente, e per anni mi sono sempre presentata così. Insomma c'è anche il gioco di parole''. Sono pagine queste del resto intrise di amore (''riuscire a vivere in massima relazione con gli altri è la massima liberazione che si può avere'') ma 'amore romantico non è in contrasto con il femminismo? ''Quella dell'amore in senso romantico è una visione etero e patriarcale. Se fosse tra due donne sarebbe oggettificante? In queste pagine c'è l' amore in senso lato, salvifico nel momento in cui entri in relazione con l'altro perchè la vera felicità è condividere il viaggio''. ''Il contrario della morte/non è la vita,/no/è l'amore./amor(t)e'', scrive. (ANSA).

Cinema: incassi; Doctor Strange risolleva il botteghino

(ANSA) - ROMA, 09 MAG - Con un incasso di 6.238.305 euro, decisamente favoloso in questi tempi di crisi nera per le sale italiane, è Doctor Strange nel Multiverso della Follia, secondo capitolo del blockbuster della Marverl con Benedict Cumberbatch, a risollevare il magrissimo box office italiano. Distribuito su 543 schermi, il film diretto da Sam Raimi-che tanto per dare un'idea negli Usa, in questo stesso fine settimana, ha incassato la bellezza di 185 milioni di dollari- si piazza al quarto posto della classifica assoluta italiana. Per tutti gli altri, del resto lontani anni luce, soltanto spiccioli. A cominciare dal secondo in classifica, che è Animali Fantastici : I segreti di Silente, terzo film della saga scritta da J. K. Rowling e prodotta da Warner Bros con Eddie Redmayne e Jude Law: questa settimana ha incassato solo 359.639 euro, il 44% in meno rispetto allo scorso weekend, e questo a dispetto di una distribuzione forte di 319 copie. Lo segue Downton Abbey 2, al momento un flop, che in una settimana ha perso il 35%: era programmato su 450 schermi, ha raccolto una media magrissima di 608 spettatori per sala con un incasso di 273.554 euro, in tutto 839.356 in due settimane. In quarta posizione c'è Sonic 2- il film , che guadagna un gradino nella classifica cinetel, con un incasso di 207.514 euro, 3,9 milioni in 5 settimane di programmazione in Italia. Negli Usa, tanto per rendere l'idea, il fine settimana ha reso 6 milioni di dollari, 170 in 5 settimane. Segue, al quinto posto la commedia di Leonardo Pieraccioni Il sesso degli angeli con 141.388, per un totale di 1.423.970 in tre settimane. Al sesto posto una new entry tutta italiana, Settembre, la delicata commedia diretta da Giulia Steigerwalt con Fabrizio Bentivoglio e Barbara Ronchi, distribuita in 272 sale, che porta a casa 138.327 euro. Segue The Northman con 112.030 e poi ancora una novità con Gli Stati Uniti contro Billi Holiday (108.220). Chiudono la top ten The lost City e Hopper il tempio perduto. In totale l'incasso del weekend è stato di 8 milioni 162.100, in netta risalita rispetto al disastroso fine settimana del Primo Maggio fermo a 2 milioni 643.762. (ANSA).

Bono e The Edge a Kiev, concerto nella metropolitana

(ANSA) - ROMA, 08 MAG - Bono e David Howell Evans (The Edge) degli U2 sono arrivati a Kiev e intorno alle 13 italiane hanno improvvisato un concerto nella stazione della metropolitana di Khreshchatyk. Il frontman e il chitarrista della mitica band irlandese hanno cantato classici del loro repertorio: 'Sunday Bloody Sunday', 'Desire' e 'With or without you'. L'apparizione a sorpresa è arrivata mentre le sirene d'allarme aereo risuonavano nella capitale ucraina. (ANSA).