vigiliane

Pronti via per il Palio dell'Oca

Con il fiume Adige a livello negativo storico (la portata è di 151 mc al secondo) è partito il palio dell'Oca di Trento. Primo equipaggio a partire quello di Cognola, simbolo il muflone. Il tratto di fiume da Roncafort al ponte di San Lorenzo ed oltre fino all'altezza del piazzale Sanseverino riservato al cantiere di costruzione delle zattere, viene controllato dai mezzi anfibi dei Vigili del fuoco, del 2* Reggimento Genio Guastatori dell'esercito e da Trentino Wild e Scuola nazionale di formazione Rescue Project, consulenti per il Palio dell'Oca. C.L.







Gallerie

vigiliane

Pronti via per il Palio dell'Oca

Con il fiume Adige a livello negativo storico (la portata è di 151 mc al secondo) è partito il palio dell'Oca di Trento. Primo equipaggio a partire quello di Cognola, simbolo il muflone. Il tratto di fiume da Roncafort al ponte di San Lorenzo ed oltre fino all'altezza del piazzale Sanseverino riservato al cantiere di costruzione delle zattere, viene controllato dai mezzi anfibi dei Vigili del fuoco, del 2* Reggimento Genio Guastatori dell'esercito e da Trentino Wild e Scuola nazionale di formazione Rescue Project, consulenti per il Palio dell'Oca. C.L.

vigiliane

Palio dell'Oca, sfida tra 47 equipaggi: si costruiscono le zattere

Saranno 47 domani (19 giugno) gli equipaggi in gara sull'Adige, tra cui i trionfatori dello scorso anno, Spini di Gardolo, per il Palio dell'Oca: ognuno composto da sei zatterieri in costume, che dovranno superare nove prove di abilità nel minor tempo possibile. Oggi in piazzale Sanseverino la tradizionale costruzione delle zattere. LE FOTO (di Claudio Libera)

LEGGI ANCHE. Domenica tornano sull'Adige Palio e Tonca

l'annuncio

Giovanni Allevi si ferma: ho scoperto di avere un mieloma

ROMA. "Non ci girerò intorno: ho scoperto di avere una neoplasia dal suono dolce: mieloma, ma non per questo meno insidiosa. La mia angoscia più grande è il pensiero di recare un dolore ai miei familiari e a tutte le persone che mi seguono con affetto". Lo scrive sulle sue pagine social Giovanni Allevi.

Il 53enne pianista e compositore, che da giorni lamentava forti mal di schiena, è costretto così a fermarsi e a sospendere i suoi impegni lavorativi. "Ho sempre combattuto i miei draghi interiori in concerto insieme a voi, grazie alla Musica. Questa volta perdonatemi, dovrò farlo lontano dal palco", ha aggiunto nel post pubblicato, al quale ha allegato anche una foto in cui ha 'tradotto' in musica la parola mieloma.









Cronaca









Dillo al Trentino