Alessandra, lesbica e mamma al Dolomiti Pride: "Siamo qui per il nostro bimbo"

Da Bressanone alla manifestazione di Trento con la sua famiglia: "Soprattutto in questo momento storico è importante esserci", dice. "Il nostro piccolo esiste nonostante il fatto che lo Stato italiano alle volte pensi che non sia così". La vita quotidiana non è sempre facile: "Per cose per altre famiglie banali come l'iscrizione alla scuola materna o il rinnovo della carta d'identità qualche preoccupazione c'è. Ma anche se vogliamo andare in all'Ikea in Austria ci chiediamo se è possibile farlo". "Diventare mamme? Sarebbe bello che questo sforzo fosse supportato alla società, cosa che al momento assolutamente non è" (videointervista di Luca Marognoli)



Video

Lo zio Gianni: "Se siamo arrivati qui è grazie alla tenacia di Chico"

Parla in un videomessaggio (pubblicato sui social) lo zio di Chico Forti, Gianni: "Oggi è un giorno di festa, per Chico, per la famiglia e gli amici storici. L'esempio di resistenza e tenacia di Chico ci ha stimolati a tenere alta l'attenzione su di lui e a far sì che un giorno potesse rimettere piede nel suo Paese". E aggiunge: "L' accordo con gli Usa era difficile, grazie al governo che ha gestito bene questo passo". IL VIDEO

Voci di rinascita dopo la sofferenza. A Trento la mostra "Crisalidi"

Ieri, venerdì 4 maggio, l'inaugurazione dell'esposizione, organizzata dall’associazione Ama di Trento e in programma fino a domenica 2 giugno a Cappella Vantini, in via delle Orne 1. Nove le opere grafiche, accompagnate da una traccia audio e dedicate a storie di vita su temi spesso tabù come depressione, ritiro sociale, suicidio e dolore pelvico cronico. Le storie sono raccontate da persone entrate nei gruppi di auto mutuo aiuto, molte delle quali sono diventate poi "facilitatrici" per aiutare gli altri. La mostra sarà visitabile da martedì a venerdì dalle 15 alle 19, sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 19. A illustrarla Miriam Vanzetta, direttrice di Ama, e Linda Tovazzi, coordinatrice del progetto (videoservizio di Luca Marognoli)

Don Cristelli, l'ultimo abbraccio. Tisi: "Graffiante ma pieno di speranza. Voleva una Chiesa inquieta"

Nella chiesa di Miola di Piné, venerdì 26 aprile, tanti colleghi e amici del mondo del giornalismo, della solidarietà, dell'impegno civile e della politica hanno partecipato al funerale del sacerdote ex direttore di Vita Trentina. L'arcivescovo: "Le provocazioni della sua penna felice profumavano di Vangelo. La sua libertà gli permetteva di sferzare i poteri forti"









Scuola & Ricerca



In primo piano

Fotogallery

Passo Rombo: tanta neve in alta quota, la sorpresa è la polvere sahariana

Siamo arrivati a metà giugno, ma in alta quota la neve continua a essere una presenza costante: a Passo Rombo registrati 3,6°. Oltre le temperature, quello che risalta è il grande quantitativo di pulviscolo sahariano. L'apertura del Passo è stata fissata quest'anno al 14 giugno. (Dati e foto di Giampaolo Rizzonelli)