Le foto

L'assalto dei fan del Blasco: sorrisi, magliette e tatuaggi senza fine

Sorrisi di chi sta per vivere una giornata a tutta adrenalina, magliette e cartelloni (e qualche tatuaggio) inneggianti al Blasco: viaggio fotografico tra l'esercito dei fan a Trento (foto di Claudio Libera) - GALLERY 1







Gallerie

Moto: Olanda; Espargarò il più veloce nelle terze libere

(ANSA-AFP) - ASSEN (OLANDA), 25 GIU - Lo spagnolo Aleix Espargarò (Aprilia), in 1'32"164, e il francese Fabio Quartararo (Yamaha), in ritardo di 0"041, hanno ottenuto i migliori tempi dopo la terza sessione di prove libere del Gp d'Olanda nella Classe MotoGp, ad Assen. Nonostante una caduta a fine sessione, Espargarò ha dominato la sessione, che è andata in scena sotto il sole e dunque su pista asciutta. Terzo tempo per lo spagnolo Alex Rins, su Susuki, in ritardo di 0"156; quarto il giapponese Takaaki Nakagami, su Honda, a 0"191 e quinto Marco Bezzecchi, su Ducati, a 0"218. Francesco Bagnaia (Ducati) si è dovuto accontentare del sesto crono, a 0"276 da Espargarò. Alle 14,10 la pole. (ANSA-AFP). (ANSA).

Oslo: polizia, sparatoria in discoteca atto terroristico

(ANSA-AFP) - ROMA, 25 GIU - Le autorità norvegesi stanno trattando le indagini sulle sparatorie avvenute la notte scorsa a Oslo, inclusa quella in una discoteca costata la vita a due persone, come un "attacco terroristico": lo ha reso noto la polizia in un comunicato. La persona sospetta arrestata vicino alla discoteca, ha aggiunto, è un cittadino norvegese di origini iraniane. (ANSA-AFP). (ANSA).

Usa: proteste si allargano, manifestazioni anche in Texas

(ANSA) - WASHINGTON, 24 GIU - Mentre non si ferma il flusso di manifestanti davanti alla Corte Suprema a Washington, le proteste contro l'abolizione dell'aborto da parte dei massimi giudici si allargano ad altre città degli Stati Uniti. Denver, Atlanta, Chicago e Philadelphia alcune delle città in cui si stanno svolgendo le dimostrazioni. Ma anche ad Austin, in Texas, uno degli Stati in cui è già in vigore una legge iper restrittiva sull'aborto e che si avvia a vietarlo definitivamente nei prossimi giorni. Al momento tutte le manifestazioni si stanno svolgendo in modo pacifico anche laddove - come nella capitale americana - accanto ai dimostranti pro aborto sono scesi in piazza quelli pro-life che festeggiano la sentenza. (ANSA).

Concerto Vasco Rossi ad Ancona dopo 11 anni, carica 33mila

(ANSA) - ANCONA, 25 GIU - Dopo 11 anni Ancona si appresta di nuovo ad accogliere Vasco Rossi atteso al concerto di domani sera alle 21 allo stadio "Del Conero", da 33mila persone. Già da ieri, negli spazi esterni all'impianto sportivo, sono comparsi i primi fan che hanno scelto di attendere l'evento in tenda. Anche il 'Blasco' è già arrivato in zona; ha scelto di vivere la vigilia dell'evento in un hotel a Portonovo. E' la penultima data del tour iniziato a Trento e che si concluderà il 3 giugno a Torino. Il rocker di Zocca proporrà ai suoi fan i brani del nuovo album, "Siamo qui", ma non mancheranno naturalmente i grandi classici del suo vastissimo repertorio di una carriera di ormai 50 anni: "Un senso", "Gli spari sopra", "Sally", "Toffee" e l'immancabile, e irrinunciabile per Vasco e i suoi fan, chiusura con "Albachiara". Imponente l'organizzazione messa in atto per gestire l'accesso del pubblico al Del Conero, con la predisposizione di parcheggi e bus che copriranno il percorso da questi fino allo stadio anconetano. Ad Ancona sarà Raffi, giovane cantante pesarese, a fare da apripista al concerto della rockstar di Zocca. Come già avvenuto al concerto del 'Blasco' a Bari il 22 giugno scorso, la 23enne Raffi (Raffaella Pierattoni) aprirà la serata insieme alla sua band, XX Energy, eseguendo cinque brani. (ANSA)

le foto

Francesco, l'abbraccio dopo una notte trascorsa da solo nel bosco a nove anni

Francesco, visibilmente spaventato per la notte trascorsa in mezzo al bosco, è stato avvicinato con molta cautela dai tre soccorritori dell'elicottero Drago 149 dei Vigili del fuoco di Venezia. "Andiamo a fare un giro in elicottero?" gli ha chiesto uno dei tre. Il bambino ha accettato subito, vincendo le paure. E' stato imbragato e insieme ad un vigile del fuoco che lo ha abbracciato con il verricello è stato portato in volo sino al campo base, dove lo aspettavano i genitori. (foto vigili del fuoco)

le foto

Cedro abbattuto sul Doss Trento, Ianeselli: "Un cero per San Vigilio"

Gli uomini del Servizio lavori pubblici comunali stanno operando con tre squadre al taglio del grande cedro spezzato dalla saetta ieri sera sul Doss Trento. Il vicesindaco Roberto Stanchina, presente al momento della caduta del fulmine ed ancora scosso da quanto accaduto, ha ribadito al telefono: "Credetemi, si è trattato di un vero e proprio miracolo!". E come ha aggiunto sui social il sindaco Franco Ianeselli, "non sono credente ma in questa occasione un cero a San Vigilio andrebbe acceso!". C.L.

Wimbledon: Berrettini ci riprova, torna in pista Nadal

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Il rientro di Matteo Berrettini sul circuito dopo l'infortunio e l'operazione alla mano è stato da grande campione: due tornei vinti a distanza di una settimana, l'Atp 250 di Stoccarda e l'Atp 500 del Queen's, lanciano la rincorsa del romano a Wimbledon, appuntamento al via lunedì e sogno spezzato un anno fa in finale contro Novak Djokovic. Matteo è carico e la lavagna Snai colloca il 26enne azzurro al secondo posto tra i favoriti per la vittoria del terzo Slam stagionale. Il primo trionfo di un italiano ai Championships vale 6,50: davanti, soltanto il numero uno del mondo, a 1,85. Dopo la vittoria al Roland Garros, torna in pista anche Rafa Nadal, sul gradino più basso del podio a 8,00 e che precede un altro spagnolo, il giovanissimo Carlos Alcaraz, piazzato a 10. Il quinto favorito, il polacco Hurkacz, si gioca a 15, così come l'opzione "Altro" che comprende le possibili sorprese in un torneo che tra i big sarà orfano dei russi Medvedev e Rublev e dell'infortunato tedesco Zverev. Più attardata l'altra speranza del tennis italiano, Jannik Sinner, che però non sembra avere un feeling particolare con l'erba: l'altoatesino campione è a 100. Se il torneo maschile sembra aperto ad altre soluzioni che non siano la vittoria del 'solito' Djokovic, le quote per il tabellone femminile hanno una sola regina, incontrastata: la polacca Iga Swiatek, che lo scorso anno a Wimbledon si fermò negli ottavi di finale. La quota di Swiatek (2,75) è più alta rispetto a quella di Djokovic, ma dietro per rintracciare un altro nome bisogna arrivare ai 10 di Coco Gauff (finalista al Roland Garros) e ai 12 di Ons Jabeur, Simona Halep e dell'opzione "Altro". Chi invece spera in un epilogo romantico all'All England Club può puntare sulla quota (15) per il ritorno al successo di Serena Williams, che a quasi 41 anni non ha intenzione di arrendersi. (ANSA).

Basket

Nba, l'italiano Paolo Banchero prima scelta assoluta

L'italo-americano Paolo Banchero, giocatore proveniente dalla squadra di basket universitario dei Duke Blue Devils, è stato selezionato dagli Orlando Magic come prima scelta al draft Nba in corso a New York. Nei giorni scorsi il giovane ventenne si è detto pronto a giocare anche per la nazionale azzurra dato che e' naturalizzato italiano grazie al padre. Banchero è figlio di atleti: la madre americana Rhonda Smith giocava nella massima lega femminile (Wnba) mentre il padre Mario di origine italiana è un ex giocatore di football americano a livello universitario.

Sorpresa a Pompei,dagli scavi una tartaruga col suo uovo

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Il carapace quasi intonso, la testa intatta come la coda e una delle zampette. E' una piccola tartaruga di terra, incredibilmente conservata con il suo uovo mai deposto, l'ultima sorpresa di Pompei che l'ANSA documenta in anteprima. Gli archeologi l'hanno trovata a mezzo metro di profondità sotto il pavimento in terra battuta di una bottega della centralissima Via dell'Abbondanza, dove una ricerca condivisa tra l'Università Orientale di Napoli, la Freie Universitat di Berlino e l'università di Oxford sta indagando i resti di una casa di gran lusso che dopo il terremoto del 62 d.C. fu misteriosamente demolita e annessa alle Terme Stabiane. "Pompei scrigno di storia che affascina il mondo", applaude il ministro della cultura Franceschini. Si tratta di un ritrovamento importante, spiega il direttore del Parco archeologico, Gabriel Zuchtriegel, "che apre una finestra sugli ultimi anni di vita della città", quelli successivi al terremoto, appunto,"nei quali l'intera Pompei si era trasformata in un grande, pulsante, cantiere edilizio". In questa situazione cambia l'ecosistema della cittadina, sottolinea il direttore, con animali selvatici che trovano il loro spazio nei locali in lavorazione o in botteghe come questa, in pieno centro. La testuggine si era evidentemente introdotta nella taberna "e lì, in un angolo protetto, si era scavata una tana dove deporre il suo uovo", fa notare l'antropologa Valeria Amoretti, "cosa che non le è riuscita e che potrebbe averne causato la morte". Le ricerche ora proseguiranno in laboratorio, ma intanto, con l'aiuto sul campo degli studenti dell'università napoletana, stanno tornando alla luce pavimenti e decorazioni della magnifica casa che in origine occupava quegli spazi. Una dimora di assoluto pregio, sottolineano Marco Giglio dell'Orientale e Monika Trumper dell'Università di Berlino, che tra saloni e cortili si estendeva per oltre 900 metri quadrati in un quartiere centralissimo della città. Con tappeti di mosaico che per la loro complessità e bellezza, fanno notare i professori, possono essere paragonati a quelli della Villa dei Misteri o della Casa di Cerere, resi preziosi da disegni raffinati e rari che in alcuni casi riproducono le meraviglie dell'architettura romana, come il lungo acquedotto apparso sul pavimento del tablinio. Un lusso che gli scavi di queste settimane hanno restituito anche attraverso frammenti di quello che fu: zoccoli in marmo policromo, una piccola, bellissima maschera in terracotta, persino una conchiglia dipinta che doveva fare bella mostra di sé da qualche parte. Delle pareti rimangono purtroppo solo due frammenti, piccoli ma di forte impatto, con elaborate e coloratissime pitture parietali in II stile, quello in voga nel I sec. a C.. E non solo: in un altro angolo della bottega dove è stata trovata la tartaruga, là dove in origine doveva essere l'entrata della domus, gli archeologi hanno trovato una fossa votiva, una buca scavata in occasione della fondazione della casa, con resti di legni bruciati e offerte di buon auspicio per gli dei. Una pratica molto diffusa nel mondo romano, sottolinea Giglio, ma che a Pompei è stato possibile indagare poco. Tra i carboni poi c'era ancora l'olla spezzata che aveva contenuto le offerte insieme ad una piccola lucerna. E proprio da questa, che risale agli inizi del I secolo a.C., spiega Giglio, "è arrivata la prova che questa casa fu effettivamente costruita nella prima metà del primo secolo a. C.". Forse subito dopo l'80 a.C., aggiunge, quando dopo l'assedio di Silla la città subì l'onta della trasformazione in colonia romana. Resta il mistero su chi ne sia stato il ricco proprietario: forse un maggiorente romano, un alto ufficiale dell'esercito o magari un pompeiano che aveva fatto il tifo per Silla? Il professore non si sbilancia: "Di certo un personaggio eminente della vita pompeiana", risponde. "Di più ora non si può dire, speriamo nella prossima campagna di scavi, nel 2023, di capirne di più". Così come rimane da capire perché, 150 anni dopo la sua costruzione, questa splendida dimora sia stata rasa al suolo. Anche in questo caso si può ragionare solo su ipotesi: forse il terremoto l'aveva danneggiata al punto da renderne poco conveniente la ristrutturazione; o forse, com'è documentato in altre situazioni a Pompei, la paura vissuta con il terremoto ha convinto i proprietari a trasferirsi in una situazione ritenuta più sicura. Senza contare che la famiglia che l'aveva fondata poteva nel frattempo essere decaduta. Di certo al momento c'è solo che tutto quel fasto, complice i prezzi del mercato immobiliare crollati dopo il terremoto, passò nella proprietà dell'amministrazione cittadina che lo mise a disposizione delle terme sulle quali si decise di investire molto costruendo una nuova grande piscina dotata di acqua corrente, scenografici ninfei, ambienti per l'epoca modernissimi e super tecnologici. Trumper e Giglio non hanno dubbi: "Qui si costruiva senza sosta e si guardava con fiducia al futuro. Nessuno davvero aveva idea della catastrofe che di lì a poco sarebbe arrivata su Pompei". (ANSA).









Cronaca









Dillo al Trentino