Golf: Gareth Bale tra le celebrità torneo Pga Tour

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Dopo aver annunciato il ritiro dal calcio giocato, Gareth Bale sarà tra le celebrità che, dal 2 al 5 febbraio, in California prenderanno parte all'AT&T Pebble Beach, torneo di golf con formula Pro-Am (un professionista e un dilettante) del PGA Tour. Già ambasciatore di R&A, autorità di golf competente in tutto il mondo, fatta eccezione per Stati Uniti e Messico, da due anni supporta il Cazoo Open, evento del DP World Tour che si disputa in Galles. Il green è diventata ormai la grande passione dell'ex calciatore, tra le altre, di Tottenham e Real Madrid. Che presto potrebbe decidere d'intraprendere una nuova carriera, sul green. (ANSA).







Gallerie

Golf: Gareth Bale tra le celebrità torneo Pga Tour

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Dopo aver annunciato il ritiro dal calcio giocato, Gareth Bale sarà tra le celebrità che, dal 2 al 5 febbraio, in California prenderanno parte all'AT&T Pebble Beach, torneo di golf con formula Pro-Am (un professionista e un dilettante) del PGA Tour. Già ambasciatore di R&A, autorità di golf competente in tutto il mondo, fatta eccezione per Stati Uniti e Messico, da due anni supporta il Cazoo Open, evento del DP World Tour che si disputa in Galles. Il green è diventata ormai la grande passione dell'ex calciatore, tra le altre, di Tottenham e Real Madrid. Che presto potrebbe decidere d'intraprendere una nuova carriera, sul green. (ANSA).

California: polizia, armi e munizioni in casa del killer

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - "E' un'indagine complessa, ci sono molte cose che ancora non sappiamo". Lo afferma lo sceriffo della contea di Los Angeles, Robert Luna, aggiornando sullo stato dell'indagine per la strage nella sala da ballo durante i festeggiamenti per il Capodanno cinese. Nella casa del killer sono stati trovate diverse armi e munizioni, e recuperati vari dispositivi elettronici. Almeno una delle armi recuperate in casa del killer era modificata, riferisce la polizia secondo la quale sono state rinvenute alcune prove sul fatto che il killer stesse lavorando manualmente a dei silenziatori. Al momento non ci sono indicazioni di legami fra il killer e almeno una delle sue vittime ma "questo può cambiare. Stiamo sentendo i testimoni", precisa la polizia. (ANSA).

Tennis: Australia; kazaka Elena Rybakina prima semifinalista

(ANSA) - ROMA, 24 GEN - Elena Rybakina, campionessa in carica a Wimbledon, supera per la prima volta la lettone Jelena Ostapenko e si qualifica per la prima volta in carriera per le semifinali dell'Open d'Australia. La kazaka, testa di serie numero 22, ha prevalso lasciando appena 6 game (6-2 6-4) alla campionessa del Roland Garros 2017. Nella semifinale di giovedì Elena Rybakina attende la vincente del match tra Jessica Pegula e Victoria Azarenka. (ANSA).

Un'altra strage in California, spara e uccide 7 persone

(ANSA) - NEW YORK, 24 GEN - Ancora sangue in California. A poche ore dalla strage nella sala da ballo di Los Angeles, un uomo apre il fuoco e uccide sette persone nell'area di Half Bay Moon, nella contea di San Mateo a sud di San Francisco. Il killer è sotto la custodia degli agenti, che lo hanno trovato nel parcheggio di una stazione di polizia nelle vicinanze. L'uomo è stato identificato nel 67enne Zhao Chunli e le vittime, secondo indiscrezioni, sono contadini cinesi. "E' stato fermato senza problemi e l'arma recuperata. Non c'è alcuna minaccia per la comunità", afferma la polizia. Chunli ha aperto il fuoco nel primo pomeriggio in due diverse località non distanti l'una dall'altra. I motivi del gesto folle non sono ancora noti e la polizia sta indagando per cercare di fare luce sull'accaduto. "Due ore fa ero con i miei colleghi a una veglia per le vittime" della sala da ballo di Monterey Park, ma non c'è stato tempo per ricordarle che "si è verificata subito un'altra sparatoria di massa, questa volta a Half Bay Moon", twitta il deputato Marc Berman. Gli fa eco il senatore della California Josh Becker: "farò il possibile per sostenere il Dipartimento dello sceriffo della contea di San Mateo e i funzionari di Half Moon Bay durante questi momenti difficili". Per la California, lo Stato americano con le leggi sulle armi più dure, si tratta della seconda strage in poche ore. Dopo la sparatoria alla sala da ballo di Los Angeles, alcuni senatori democratici hanno introdotto provvedimenti per vietare le armi di assalto e innalzare a 21 anni l'età per l'acquisto di pistole e fucili. Iniziative che hanno incassato il plauso di Joe Biden. "Chiedo al Congresso di agire con urgenza e - ha messo in evidenza il presidente - far arrivare sulla mia scrivania il divieto delle armi d'assalto". (ANSA).

Golf: Rahm inarrestabile, vince ancora ed emula Ballesteros

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Jon Rahm è inarrestabile. Quarta vittoria nelle ultime sei gare giocate per lo spagnolo che in California, con un totale di 261 (64 64 65 68, -27) colpi, ha fatto ancora suo il The American Express già conquistato nel 2018. Un successo, quello arrivato a La Quinta, che gli ha permesso di festeggiare la nona impresa (cifra comprensiva di un Major, lo US Open) in carriera, in 134 apparizioni, sul PGA Tour. Il 28enne basco ha emulato così il suo idolo, l'indimenticato Severiano Ballesteros. Ma non solo: per la prima volta è salito al vertice della classifica della FedEx Cup ma non di quella mondiale dove è passato dalla quarta alla terza posizione. Dopo quello al Sentry Tournament of Champions, alle Hawaii, per Rahm è arrivata la seconda gemma del 2023. In sole due gare giocate del nuovo anno, il golfista di Barrika ha già incassato 4.140.000 milioni di dollari. Perché se nella contea di Maui l'exploit gli ha fruttato 2.700.000, quello in California gliene ha fatti guadagnare 1.440.000. Campione anche d'incassi, è il giocatore più forte e in forma del momento. Una risorsa importante, fondamentale, per il team Europe che, dal prossimo 29 settembre all'1 ottobre a Roma affronterà gli Usa nella 44esima edizione della Ryder Cup. "Tutto quello che posso dire è che sono felicissimo, per come sto giocando e per quanto sto vincendo. E' vero che ho gli stessi titoli di Ballesteros sul PGA Tour, ma lui vinse cinque Major, tra cui tre volte il The Masters e due il The Open. Mentre io attualmente ho conquistato un solo evento del Grande Slam. Ribadisco che se gioco a golf il merito è di Ballesteros. Non solo per l'ammirazione che ho per lui ma perché mio padre si è appassionato a questo sport dopo la Ryder Cup del 1997 a Valderrama in cui Seve era il capitano del Vecchio Continente", la soddisfazione di Rahm. Che a La Quinta ha superato di un colpo l'americano Davis Thompson, 2/o con 262 (-26) davanti ai suoi connazionali Xander Schauffele - medaglia d'oro ai Giochi di Tokyo e protagonista nell'ultimo round di un parziale in 62 (-10), frutto di un albatross e sette birdie - e Chris Kirk, entrambi 3/i con 263 (-25). Che rimpianti per Scottie Scheffler. Lo statunitense ha chiuso la competizione all'11/o posto con 266 (-22) e, all'ultima buca del torneo ha fallito il 'putt' per il birdie che gli avrebbe permesso di tornare al primo posto nel world ranking. Ancora un'opportunità mancata per Scheffler che non è riuscito ad approfittare dell'assenza del nordirlandese Rory Mcllroy che resta così il numero 1. (ANSA).

Strage al Capodanno cinese in California, killer suicida

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - La festa per il Capodanno cinese si è trasformata nel peggiore degli incubi a Monterey Park, in California, dove un uomo di 72 anni ha massacrato dieci persone tra i 50 e i 60 anni in una sala da ballo, si è spostato in un altro locale dove è stato disarmato da clienti-eroi e poi è fuggito a bordo di un furgone all'interno del quale si è suicidato dopo che era stato fermato dalla polizia. L'ennesima sparatoria di massa negli Stati Uniti è la strage più cruenta dalla tragedia nella scuola elementare di Uvalde, in Texas, lo scorso maggio. L'orrore nella cittadina a 13 chilometri da Los Angeles, dove la maggioranza della popolazione è di origine asiatica, è cominciato poco dopo le 22 di sabato sera. Le strade, decorate a festa per salutare l'arrivo dell'Anno del coniglio, erano affollate da migliaia di persone. Un uomo asiatico, Huu Can Tran, ha fatto irruzione nello Star Ballroom Dance Studio armato di un "potente fucile d'assalto", secondo alcune fonti di polizia anche se non c'è ancora una conferma ufficiale, e ha freddato sulla pista cinque uomini e cinque donne. Altre dieci persone sono state ferite e sono ricoverate in ospedale. Gli agenti arrivati sul posto hanno raccontato di aver visto gente terrorizzata scappare dal locale urlando. Scene di orrore e paura troppo frequenti negli Stati Uniti. E il bilancio poteva essere molto più pesante se il killer avesse deciso di premere il grilletto sulla folla in giro per la cittadina per il capodanno lunare. Circa venti minuti dopo la strage l'aggressore si è spostato a tre chilometri dal luogo del massacro, ad Alhambra, ed è entrato in un altro locale cinese, il Lai Lai, con un'arma diversa da quella usata a Monterey, probabilmente una pistola, ma è stato bloccato e disarmato da coraggiosi clienti, "eroi" come li ha definiti il capo della polizia, prima che succedesse il peggio. Quindi è fuggito a bordo di un furgone bianco e ha percorso 50 chilometri prima di essere fermato a Torrance dalle squadre speciali. Gli agenti gli hanno chiesto di uscire e poi hanno sentito uno sparo. Dopo circa un'ora hanno frantumato i finestrini del van e hanno trovato il corpo del killer senza vita riverso sul volante. Il suicidio dell'aggressore renderà più complicato per gli inquirenti stabilire il movente della strage. "Tutte le piste sono aperte", ha dichiarato lo sceriffo della contea di Los Angeles, Robert Luna, che ha parlato di "violenza domestica" ma non ha escluso l'ipotesi del "crimine d'odio" anche se l'origine del killer potrebbe far pensare a un'altra ragione. Negli ultimi anni la comunità asiatica negli Stati Uniti è stata vittima di diversi episodi di violenza, il peggiore dei quali il 16 marzo del 2021, quando otto persone furono uccise, di cui sei donne, in tre diversi centri massaggi ad Atlanta, in Georgia. Mistero anche sulle armi utilizzate per il massacro. Fonti delle forze dell'ordine hanno parlato di un fucile d'assalto, ma lo sceriffo ha spiegato che sono state trovate due armi: una pistola e "una pistola semiautomatica con un'alta capacità di essere ricaricata" recuperata nel secondo locale. Il presidente americano Joe Biden, che da anni si batte contro la violenza delle armi e per l'imposizione di un bando sui fucili d'assalto, ha espresso vicinanze alle famiglie delle vittime e ha ordinato le bandiere a mezz'asta in tutti gli edifici pubblici degli Stati Uniti. "Jill e io stiamo pregando per coloro che sono stati uccisi e feriti nella micidiale sparatoria di massa a Monterey Park", ha detto. Tutte gli eventi programmati nella cittadina per il Capodanno cinese sono stati annullati e da New York a Los Angeles è stata rafforzata la sicurezza per le celebrazioni della festività. La strage in California è la seconda in meno di una settimana nello Stato, dopo l'uccisione di sei persone, inclusa una mamma di 16 anni e un bimbo di 10 mesi, nella contea di Tulare. Ed è la 33ma sparatoria di massa negli Stati Uniti solo nel 2023. L'anno scorso ce ne sono state 648. (ANSA).

Tennis: Australia; Garcia eliminata, Sabalenka ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La 29enne francese n.4 al mondo Caroline Garcia è stata eliminata agli ottavi di finale degli Australian Open di tennis dalla 30enne polacca Magda Linette (n.45), per 7-6(7-3) 6-4. Linette non aveva mai superato il terzo turno di uno slam. Ora affronterà per un posto in semifinale a Melbourne la 30enne ceca Karolina Pliskova (n.31), che ha eliminato la 34enne cinese Shuai Zhang (n.22) col punteggio di 6-0 6-4. Avanza nel primo major della stagione la n.5 al mondo: la 24enne bielorussa Aryna Sabalenka ha battuto 7-5 6-2 la 25enne svizzera Belinda Bencic (n.10) e ai quarti troverà la 26enne croata Donna Vekic (n.64), che ha avuto la meglio sulla 17enne ceca Linda Fruhvirtova col punteggio di 6-2 1-6 6-3. (ANSA).

Maltempo: Norcia e Valnerina umbra sotto 40 centimetri neve

(ANSA) - NORCIA, 23 GEN - Norcia, Cascia, Preci e tutti gli altri borghi della Valnerina a valle dell'Appennino umbro sono sotto 40 centimetri di neve. I Comuni di Norcia e Cascia stamani hanno chiuso tutte le scuole di ogni ordine e grado a causa della difficile situazione sulle strade. Ma la neve, in Umbria, sta cadendo anche a quote molto basse, come ad esempio a Foligno e Spoleto che stamani si sono risvegliate tutte imbiancate. Così come Gubbio. Fiocchi stanno scendendo anche a Terni. A Perugia sta invece piovendo così come sul territorio occidentale della regione, quello che dà sul Trasimeno fino ad arrivare nell'orvietano. Pioggia anche a Città di Castello, nel Tifernate la neve sta cadendo sui valichi di montagna. L'intensa nevicata non sta comunque creando particolari disagi alla circolazione stradale, stando al centro operativo della polizia stradale, tutte le principali arterie della regione sono tutte percorribili. Là raccomandazione è però sempre quella di fare attenzione. (ANSA).

Colapesce e Dimartino, con noi nuova vita al cantautorato

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - l 2021 fu loro, con "Musica Leggerissima". Tra pochi giorni, sempre dal palco dell'Ariston, ci riproveranno. Colapesce e Dimartino sono pronti a tornare "sul luogo del delitto" con il brano dal sapore battistiano "Splash" (con gli arrangiamenti degli archi di Davide Rossi, che aveva già contribuito al successo di "Musica leggerissima", 5 dischi di platino e oltre 150 milioni di streaming). "Non sarà semplicissimo - ammettono i due artisti siciliani -, con Musica leggerissima è successo qualcosa di magico, ma siamo tranquilli. E non abbiamo niente da perdere, anzi. Siamo sicuri che ci porterà solo qualcosa di positivo". Ma, sarà un caso, il brano scritto dai due cantautori e prodotto da Federico Nardelli e Giordano Colombo parla proprio di come affrontare il peso delle aspettative, di come queste influenzano la nostra vita. "Ci riempiamo la vita di orpelli, perché il vuoto ci spaventa. Viviamo il lavoro come rifugio dalle avversità di tutti i giorni, per non pensare veramente a come stiamo", spiegano Lorenzo e Antonio che non nascondono di aver pescato nella storia del cantautorato italiano. "Splash" è un tuffo, metaforico e non, nella memoria collettiva: un omaggio alla coppia Battisti-Mogol, a Domenico Modugno, a Luigi Tenco. "Da sempre camminiamo nel solco della tradizione. Battisti è stato così fondamentale che il 90% della musica ne ha risentito. Quello che cerchiamo di fare - affermano convinti Colapesce e Dimartino - è dare nuova vita al cantautorato, che si è arenato agli anni Settanta e vive di rendita sembrando sempre una copia di qualcos'altro. Attualizzarlo e rigenerarlo, nella produzione e nei temi, che sono stati troppo a lungo autoreferenziali. I giovani non ci si identificano più e il rap oggi è il nuovo cantautorato". Il brano uscirà in una versione in vinile 45 giri che contiene anche "Cose da pazzi", la canzone che fa parte della colonna sonora della serie di Prime Video "The Bad Guy". Perché le immagini di tv e cinema hanno rapito i due. Non solo come musicisti, ma anche come attori. Il 20 febbraio arriva in sala "La primavera della mia vita", il film scritto e interpretato da Colapesce e Dimartino, che segna l'esordio cinematografico della coppia (che ovviamente firma anche la colonna sonora originale). Un viaggio surreale, intriso di poesia e leggerezza, diretto da Zavvo Nicolosi, alla sua opera prima. E' la storia di due amici, Lorenzo e Antonio (guarda caso i nomi dei due artisti all'anagrafe) con un passato musicale in comune e un futuro tutto da scrivere. Dopo la rottura del loro sodalizio professionale e un lungo periodo di silenzio, Antonio (Dimartino) ricontatta Lorenzo (Colapesce) per un nuovo e misterioso progetto, durante il quale dovranno fare i conti con il proprio passato e con se stessi. "I personaggi ci somigliano fino ad un certo punto, sono la nostra versione metaverso - tengono a precisare, entrambi appassionati del grande schermo. Il progetto era nell'aria da tempo: volevamo fare un film addirittura prima di un disco. E abbiamo scelto una Sicilia inedita". La Sicilia, loro terra d'origine, al centro della cronaca di questi giorni per l'arresto di Matteo Messina Denaro. "Siamo contenti della fine della sua latitanza, ma c'è ancora molto da fare sulla questione mafia. Quando fu arrestato Totò Riina si disse che era stato dato un duro colpo, ma non fu così. L'arresto di Messina Denaro è un traguardo, ma non la vittoria". (ANSA).

Il Papa richiama all'unità, troppe discussioni inutili

(di Manuela Tulli) (ANSA) - CITTÀ DEL VATICANO, 22 GEN - C'è un' "unica Chiesa" che è sotto il Vangelo e nessuno può mettere avanti i propri "gusti" o "preferenze" nella fede. Papa Francesco lancia un appello all'unità in questi giorni in cui sembrano più forti le divisioni interne. Dai funerali di Benedetto XVI le polemiche, che sotto traccia ci sono sempre state, sembrano essere infatti esplose. E proprio in questi giorni in cui si celebra la settimana di preghiera per l'unità dei cristiani, il Capo della Chiesa cattolica cerca di serrare le fila: "Questa è la strada che ci ha indicato la Chiesa: tutti, anche i Pastori della Chiesa, siamo sotto l'autorità della Parola di Dio. Non sotto i nostri gusti, le nostre tendenze e preferenze, ma sotto l'unica Parola di Dio che ci plasma, ci converte e ci chiede di essere uniti nell'unica Chiesa di Cristo", ha detto nell'omelia della messa nella basilica vaticana, nella Giornata della Parola di Dio. "Non ci succeda di professare un Dio dal cuore largo ed essere una Chiesa dal cuore stretto; questa sarebbe, mi permetto di dire, una maledizione". Ma soprattutto Papa Francesco invita a rimettere Cristo al centro non "disperdendoci in tante attività secondarie o tante discussioni secondarie". Ai tradizionalisti ribadisce che "la Parola di Dio non è cristallizzata in formule astratte e statiche, ma conosce una storia dinamica fatta di persone e di eventi, di parole e di azioni, di sviluppi e tensioni". L'invito a rifocalizzare il cammino di fede è ribadito anche all'Angelus: "Stare con Gesù richiede il coraggio di lasciare, di mettersi in cammino. Che cosa dobbiamo lasciare? Certamente i nostri vizi e i nostri peccati, che sono come ancore che ci bloccano a riva e ci impediscono di prendere il largo". Ma per il Papa "occorre lasciare anche ciò che ci trattiene dal vivere pienamente, per esempio le paure, lasciare i calcoli egoistici, le garanzie per restare al sicuro vivendo al ribasso. E bisogna anche rinunciare al tempo che si spreca dietro a tante cose inutili", ha sottolineato il Papa. Intanto il Papa si prepara ad affrontare, tra poco più di una settimana un impegnativo viaggio in Africa dove il filo conduttore sarà la pace, sia nella Repubblica Democratica del Congo che in Sud Sudan. Pace che manca però in tanti altri Paesi, dalla "martoriata" Ucraina al Myanmar e Perù, come ricordato oggi nella preghiera mariana nel corso della quale ha ancora una volta teso la mano alla Cina porgendo i suoi auguri per il capodanno lunare. (ANSA).









Montagna









Dillo al Trentino