Atalanta piega lo Spezia e continua corsa per l'Europa

(ANSA) - LA SPEZIA, 08 MAG - L'Atalanta risponde alla Lazio andando a vincere al Picco, 3-1 sullo Spezia. Partita non senza difficoltà per gli uomini di Gian Piero Gasperini, che nel secondo tempo trovano il gol del sorpasso quando i padroni di casa sembravano aver imbrigliato Muriel e compagni. Il colombiano graziato dall'arbitro Maresca per un colpo rifilato ad Amian in occasione di un fallo di reazione. Per la prima mezz'ora c'è praticamente solo l'Atalanta in campo, che sfugge al pressing dei padroni di casa con una ragnatela di passaggi e gioca sempre nella metà campo avversaria. Dopo un illusorio palo di Bastoni, al sedicesimo il vantaggio nerazzurro con Muriel, che conclude un'azione insistita al limite dell'area con un dribbling su Kiwior e tiro imparabile. La partita riprende con lo stesso...

Gallerie

Atalanta piega lo Spezia e continua corsa per l'Europa

(ANSA) - LA SPEZIA, 08 MAG - L'Atalanta risponde alla Lazio andando a vincere al Picco, 3-1 sullo Spezia. Partita non senza difficoltà per gli uomini di Gian Piero Gasperini, che nel secondo tempo trovano il gol del sorpasso quando i padroni di casa sembravano aver imbrigliato Muriel e compagni. Il colombiano graziato dall'arbitro Maresca per un colpo rifilato ad Amian in occasione di un fallo di reazione. Per la prima mezz'ora c'è praticamente solo l'Atalanta in campo, che sfugge al pressing dei padroni di casa con una ragnatela di passaggi e gioca sempre nella metà campo avversaria. Dopo un illusorio palo di Bastoni, al sedicesimo il vantaggio nerazzurro con Muriel, che conclude un'azione insistita al limite dell'area con un dribbling su Kiwior e tiro imparabile. La partita riprende con lo stesso canovaccio, ma alla mezz'ora Maggiore, che già aveva imbeccato Bastoni, trova un lancio perfetto per Verde che parte al di qua della linea di metà campo, beffa la difesa altissima di Gasperini, evita Musso e mette in porta per il pareggio. La partita cambia trama, la squadra di Thiago Motta prende coraggio e traghetta l'1-1 fino all'intervallo. Al rientro in campo entrambe devono cambiare un centrale di difesa. Hristov nello Spezia e Palomino nell'Atalanta hanno ricevuto due colpi duri nel corso del primo tempo. Motta perderà anche Bastoni e Agudelo per infortunio, passando al 4-2-3-1 con Manaj. Gasperini richiama invece Malinovsky e Freuler, entrambi ammoniti, per Hateboer e Boga. Il match però è ora equilibrato. Al quarto d'ora Muriel prova prima a trovare l'incrocio e poi a farsi buttare fuori. Brutto il fallo di reazione su Amian, Maresca è ad un passo ma lo grazia letteralmente sventolandogli solo il giallo. Per rompere l'equilibrio servono i centrali di difesa, che svettano su un calcio di punizione dalla trequarti: Demiral per Djimsiti che accorre di testa e fa 1-2. Lo Spezia ora sente la stanchezza, ma ha la forza di trovare l'ultima occasione a cinque dalla fine, con Gyasi che manda fuori dal cuore dell'area. A chiudere la partita ci pensa Pasalic a due minuti dal novantesimo, dopo che anche Boga aveva provato ad entrare nel tabellino centrando solo la traversa. Bergamaschi in piena corsa Europa. Liguri che a due giornate dalla fine del campionato rischiano ancora di essere risucchiati nella lotta per non retrocedere. (ANSA).

le foto

L'orgoglio degli alpini trentini all'Adunata

Sono stati 4500 gli alpini trentini che hanno sfilato oggi (8 maggio) all'Adunata di Rimini. Con Paolo Frizzi, presidente dell'ANA trentina, anche il consigliere nazionale Mauro Bondi, il comandante del 2° reggimento genio guastatori Alpini presso la caserma "Cesare Battisti" del nostro capoluogo colonnello Michele Quarto, il governatore Maurizio Fugatti e molti sindaci tra cui quello di Trento Franco Ianeselli. LE FOTO (P.Tagliente)

il concerto

Bono e The Edge suonano nella metropolitana di Kiev

Concerto a sorpresa di Bono e David Howell Evans (The Edge) degli U2 nella metropolitana di Khreshchatyk a Kiev. Il frontman e il chitarrista della mitica band irlandese hanno cantato classici del loro repertorio: 'Sunday Bloody Sunday', 'Desire' e 'With or without you'. L'apparizione a sorpresa è arrivata mentre le sirene d'allarme aereo risuonavano nella capitale ucraina. LE FOTO (Ansa)

Atletica: Jacobs-Tamberi, Italia sogna altro anno d'oro

(di Alessandro Castellani) (ANSA) - ROMA, 08 MAG - Tutti in pista o in pedana, comincia il 2022 dell'atletica. Per l'Italia, reduce dai trionfi dei Giochi di Tokyo, maggio è cominciato con la buona notizia che Yeman Crippa, fresco primatista europeo dei 5 km su strada, è stato scelto come 'Atleta del Mese' di aprile essendo risultato il più votato nel sondaggio social promosso dai profili della 'European Athletics'. Meno buone le notizie su Marcell Jacobs, che ieri avrebbe dovuto correre i suoi primi 100 metri della stagione, nel meeting Kip Keino a quota 1800 di Nairobi, ma è stato fermato da un virus gastrointestinale che lo ha costretto a passare una notte in ospedale. La gara e' stata vinta dal keniano Ferdinand Omanyala in 9.85, con un vento a favore che ha aumentato i rimpianti di Jacobs, davanti all'americano Kerler (9.92), argento a Tokyo. E in Giappone e' tornato a correre un 100, vincendo con un tempo non particolarmente brillance, Chris Coleman: l'americano e' reduce da 16 mesi di stop per mancata presentazione al controllo antidoping, finora aveva corso - e perso con Jacobs - i 60, ora il percorso verso i mondiali di Eugene e' ancora lungo. Per Jacobs invece, che in inverno ha vinto i 60 metri ai Mondiali indoor, l'appuntamento con l'esordio all'aperto è rimandato a mercoledì 18, quando a Savona sarà ai blocchi della gara dei 200, distanza che non gradisce particolarmente ma in cui ha deciso, spinto da coach Paolo Camossi, di cimentarsi almeno in questa occasione. "Ragazzi che rabbia - il messaggio social dell'olimpionico - per un banale virus intestinale. Ma l'appuntamento e' solo spostato. A Savona, il 18 maggio". Ma il top per lo sprinter di Desenzano, in attesa di Mondiali ed Europei, sarà quello del 28 maggio, quando sulla pista di Eugene che in estate ospiterà anche la rassegna iridata Jacobs gareggerà sui 100 del meeting 'Prefontaine Classic', in cui dovrà affrontare tutti i migliori americani in circolazione (escluso il 18enne prodigio Erriyon Knighton). Contro l'olimpionico di Tokyo ci saranno l'avversario che nei 100 del Giappone ha preso l'argento, Fred Kerley, il canadese oro dei Giochi nei 200 (e bronzo dei 100) Andre De Grasse, i due statunitensi 'domati' da Jacobs nella finale iridata dei 60, Christian Coleman e Marvin Bracy. E poi Kenny Bednarek e Noah Lyles, argento e bronzo a Tokyo sui 200. Sintetizzando, saranno presenti oro, argento e bronzo dei 100 e oro, argento e bronzo dei 200 dell'ultima Olimpiade. E anche oro, argento e bronzo dei 60 dei Mondiali indoor di Belgrado. Un vero e proprio festival dei velocisti. Prima della gara dell'anno in Oregon, il 13 maggio ci sarà la prova sui 200 a Doha, riunione che è la prima tappa della Diamond League. Filippo Tortu (ieri settimo nei 100 di Nairobi) sfiderà De Grasse, Kerley e Lyles, oltre a Jereem Richards. Per Tortu un banco di prova super probante, in un contesto agonistico unico. Dalla marcia, con l'altro campione olimpico Massimo Stano, sono già arrivati segnali molto incoraggianti, a conferma della bontà della scuola italiana, mentre la speranza azzurra Larissa Iapichino, erede di mamma Fiona May sulla scena del salto in lungo, ma sulla quale forse gravano troppe aspettative, vista la giovane età lavora soprattutto in prospettiva Parigi 2024. Però vorrebbe prendersi qualche soddisfazione fin da ora, magari andando in finale ai Mondiali. C'è grande attesa, ovviamente, anche per Gianmarco Tamberi, che dopo il bronzo mondiale indoor nella sua prima gara dell'anno sarà protagonista al Golden Gala del 9 giugno, dove ritroverà l'amico-rivale Mutaz Barshim, con cui ha condiviso l'oro dei Giochi nipponici. A Roma 'Gimbo', che l'anno scorso si è imposto anche nella classifica finale della Diamond League, andrà alla ricerca del terzo successo nel meeting intitolato a Pietro Mennea, ma gli obiettivi principali della stagione sono anche per lui, come per Jacobs, i Mondiali di Eugene e gli Europei di Monaco. Intanto, la prima uscita all'aperta' sarà venerdi' prossimo nella prima tappa della Golden League, a Doha: Gimbo e' in partenza nelle prossime ore. Insomma, sarà un anno di atletica da non perdere, e magari da godere. Se non come nel 2020, andandoci vicino: le eccellenze azzurre fanno ancora sognare. (ANSA).

Macron, impegno per pianeta più vivibile e Francia più forte

(ANSA) - ROMA, 07 MAG - L'impegno per un pianeta "più vivibile" e una "Francia più forte" ha chiuso il discorso del presidente francese, Emmanuel Macron, incaricato ufficialmente per altri cinque anni all'Eliseo dopo la vittoria contro la candidata del Rassemblement National, Marine Le Pen, nel ballottaggio presidenziale del 24 aprile. In un breve intervento in occasione della cerimonia ufficiale di investitura questa mattina all'Eliseo, Macron ha lanciato un appello ad "agire senza sosta" affinché la Francia diventi "una nazione più indipendente" e per "costruire le nostre risposte francesi ed europee alle sfide del nostro secolo". Durante il discorso di circa dieci minuti, il neo rieletto presidente ha espresso la sua ambizione di voler presiedere con "un nuovo metodo", "pianificando, riformando e associando" i francesi alle sue scelte per il Paese. Si è inoltre impegnato a lasciare un pianeta più vivibile e "una Francia più forte". Intanto, a Aubervilliers, alle porte di Parigi, si tiene la convention d'investitura della 'Nouvelle Union populaire écologique et sociale' (Nupes), la neonata unione della gauche fortemente voluta dal leader della France Inoumise, Jean-Luc Mélenchon, per strappare la maggioranza al presidente Macron nelle elezioni legislative di giugno. Forte del suo 22% nel primo turno delle presidenziali del 24 aprile, Mélenchon punta ora a diventare "primo ministro", nella scommessa di una 'coabitazione' con Macron dopo il voto per il rinnovo dell'Assemblea Nazionale il 12 e 19 giugno. La gauche spera, in pratica, di ottenere la maggioranza tra i 577 deputati e giungere ad una sorta di coabitazione con l'attuale presidente oggi ufficialmente investito del suo secondo incarico all'Eliseo. (ANSA).