le immagini

Da Francesca a Francesco: nuovo documento di laurea a Urbino

Dopo la laurea il percorso di transizione e dunque una nuova identità di genere: per questo l'Università di Urbino ha deciso di conferire un nuovo certificato di laurea all'ex dottoressa Francesca ora dottor Francesco. E' la prima volta di una cerimonia di conferimento di un certificato di laurea a una persona trans e l'evento si è tenuto a sei anni di distanza dal conseguimento del titolo in Lingue e culture straniere, nel 2018, e a seguito del percorso di transizione. Protagonista Francesco Cicconetti, oggi divulgatore e creator molto conosciuto sui social, in tv e sulla stampa, voce affermata del movimento Lgbtqia+, emozionato di tornare nel suo Ateneo "seduto dall'altra parte". "Potrò finalmente appenderla - ha scherzato Francesco . L'Università non può rivoluzionare la società, ma può attuare delle pratiche per le persone trans". Ieri, in occasione della Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia e della presentazione del libro "Scheletro Femmina" scritto da Francesco, che racconta la sua storia, è avvenuta la consegna della pergamena da parte del rettore dell'Università di Urbino, Giorgio Calcagnini e del prorettore alla didattica Giovanni Boccia Artieri. "Abbiamo avviato da tempo la costruzione di un progetto sulla sostenibilità - ha affermato il rettore - termine che normalmente viene associato all'ambiente. Noi la consideriamo la caratteristica di una comunità aperta e che cresce. Riteniamo inoltre che le differenze siano un valore. Se stiamo riuscendo in questo obiettivo è grazie alla professoressa Viganò, prorettrice alla Sostenibilità e alla Valorizzazione delle Differenze, e al personale tecnico amministrativo" (Ansa foto)



Gallerie

le foto

Incendio in segheria, 120 vigili del fuoco impegnati a Grumes

Circa 120 vigili del fuoco sono impegnati, dalle 3 di questa mattina (19 giugno) nelle operazioni di spegnimento di un furioso incendio divampato in una segheria a Grumes, in val di Cembra. Ad intervenire i corpi di Grumes, Faver, Cembra, Albiano, Cavalese, Grauno, Valda, Capriana. Sul posto anche il corpo permanente. All’arrivo dei vigili del fuoco le fiamme avevano già completamente avvolto la struttura. Un intervento, il loro, decisivo per contenere l’incendio e per salvare parte del materiale stoccato nel deposito. LE FOTO (Federazione vvff volontari)









Scuola & Ricerca



In primo piano