Scuola

Unitrento collabora con i territori locali: firmato l’accordo con la Val di Fiemme

L’intesa è tra l’ateneo trentino e la Fondazione Fiemme Per, che vuole lo sviluppo di progetti in quattro ambiti di interesse, con focus sui giovani e sulle collaborazioni con aziende e imprese



TRENTO. Ambiente e green community, mobilità sostenibile, transizione energetica e residenzialità: sono quattro gli ambiti principali di interesse su cui è costruito l'accordo quadro firmato oggi tra l'Università di Trento e la Fondazione Fiemme Per. Un programma di collaborazione quinquennale che raccoglie, riorganizza e struttura le iniziative avviate dall'ateneo in valle da alcuni anni, sotto il profilo della didattica, della formazione continua e della ricerca.

A siglare l'accordo nel palazzo della Magnifica comunità è stato oggi pomeriggio il rettore Flavio Deflorian insieme al presidente della Fondazione Mauro Gilmozzi. L'accordo quadro - sottolinea una nota - prevede la realizzazione di azioni mirate alla promozione dell'imprenditorialità e del lavoro nelle aree montane e l'organizzazione di iniziative formative e culturali sui temi della sostenibilità, della conciliazione e del benessere organizzativo.

Cornice di queste attività sarà la "Fiemme Academy", un'accademia di comunità che si occuperà di promuovere studi e ricerche e di favorire l'attivazione di una ampia comunità sul territorio con particolare attenzione al tema delle fragilità sociali e al supporto ai giovani. Sullo sfondo, gli Obiettivi dell'Agenda Onu 2030 di sviluppo sostenibile che fanno da punto di riferimento comune sia per il programma della Fondazione Fiemme Per, sia per il Piano strategico dell'Ateneo trentino per il quinquennio 2022-27. 













Scuola & Ricerca

In primo piano

Sport

Sci: niente Coppa del Mondo? Zermatt chiude ai professionisti

In estate le squadre 'elite' non si alleneranno sul ghiacciaio, «Il comprensorio Zermatt Bergbahnen punta in futuro a dedicarsi con la massima attenzione agli ospiti nazionali e internazionali, per migliorare l'offerta e dare maggiore spazio alla forte domanda»