ricerca

La realtà virtuale che cura le demenze senili

A Trento si sperimentano tecniche innovative di assistenza. Grazie ad un progetto europeo



TRENTO. La realtà virtuale come opzione per la cura delle demenze. È questa una tra le innovazioni al centro del seminario scientifico in corso a Trento. L'incontro è stato occasione, grazie a finanziamenti europei, di studio e sperimentazione per i professionisti sanitari e sociali, impegnati in case di riposo e strutture di cura per anziani.

Alzheimer, demenza senile e altri deficit cognitivi sono malattie che spesso accompagnano la vita dell’anziano. Il Gruppo Spes di Trento, che gestisce residenze per anziani, servizi semiresidenziali e domiciliari sperimenta nuovi approcci alla malattia sfruttando l’intelligenza artificiale e ausilii innovativi. Un aiuto per gli operatori del settore (dal personale amministrativo a sanitario) per migliorare la vita degli anziani.

A Trento la prima sperimentazione di attività formative ad alta innovazione fa parte di un progetto europeo Erasmus+, “Intense”, realizzato grazie alla capoprogetto Socialit - società informatica e di consulenza - e tre università europee di Dublino, Maastricht e Halle Wittenberg.

"Tramite vari strumenti abbiamo simulato i sintomi cognitivi della demenza e di altre malattie legate all'invecchiamento (deficit percettivi, di memoria, di orientamento). Sperimentazioni hi-tech, realtà virtuale e altri strumenti permettono di capire come si sente la persona", spiega Marianna Riello, psicoterapeuta e ricercatrice. “Ci aspettiamo di coinvolgere sempre più professionisti del settore per migliorare la loro capacità di entrare in empatia con la persona seguita. L’obiettivo finale è di arrivare ad una cura migliore per i disturbi cognitivi, ad esempio nel caso dell’Alzheimer in cui anche chi è affetto dalla malattia possa sentirsi più a suo agio e di conseguenza mantenere più a lungo, se non addirittura migliorare, la sua capacità cognitiva.

I partecipanti del training sono coloro che lavorano nel campo della demenza. Non solo sanitari come neurologi, geriatri, infermieri ed operatori, ma anche il personale amministrativo che lavora nelle residenze sanitarie”.

















Cronaca

il dopo voto

Resa dei conti nel centrodestra trentino, FdI attacca Tonina (e Fugatti)

Cia: «Voleva candidarsi contro la nostra coalizione, chiarisca. Il governatore si confronti con noi». A Milano la Lega conferma la fiducia a Salvini (foto Ansa)

I COLLEGI UNINOMINALI: Centrodestra a Roma con de Bertoldi, Biancofiore, Testor e Cattoi. Patton strappa Trento

IL PROPOZIONALE: Dentro Ferrari, Ambrosi e Steger in Parlamento. Fuori Binelli

TERZO POLO. Mario Raffaelli non ce la fa nel Lazio

 







Dillo al Trentino