Ciclabile

Ciclovia del Garda, costi alle stelle: presentato un secondo esposto alla Corte dei Conti

Il Coordinamento Interregionale per la tutela del Garda non ci sta: costi lievitati fino a tre volte il preventivo iniziale


Daniele Peretti


LAGO DI GARDA. Un nuovo esposto, questa volta depositato dal Coordinamento Interregionale per la tutela del Garda, alla Corte dei Conti evidenzia come i costi dei 5,5 chilometri che tramite la ciclabile collegherebbero Limone a Riva siano lievitati da 25 a 70 milioni. Alla base l’aumento esponenziale delle materie prime che rischia però di diventare una costante negativa dal momento che il progetto avanza a rilento causato dalla messa in sicurezza del tracciato: oltre alle verifiche anche i lavori per le nuove gallerie ed il posizionamento della rete paramassi.

Se i tempi di realizzazione si allungano, si fa concreto il rischio di ulteriori aumenti di spesa. La stessa situazione rischia di crearsi per l’intero tracciato: sono valutati in 344 milioni di euro, ma senza una quantificazione definitiva. Le principali associazioni che hanno creato il Coordinamento Interregionale sono Italia Nostra, Wwf, Legambiente, Tavolo Ambiente Garda, Gaia e Sal pone una serie di interrogativi: Perché nel tratto Limone Riva c’è la necessità di effettuare ulteriori rilievi in parete dopo le tre perizie allegate al progetto? Recentemente la Giunta provinciale trentina ha approvato l’aggiornamento del Documento di programmazione portando a 13.991.523 euro lo stanziamento per il solo tratto di 1,6 chilometri per collegare il sottopasso del sentiero Ponale allo Sperone. Il Comitato rileva come i 98 metri dal confine lombardo alla galleria Limniadi in un trimestre siano aumentati 2.180.000 euro dello scorso luglio a 2.662.516 di ottobre. Inoltre sono stati stanziati 10.352.191 per il solo chilometro che porta dallo Sperone alla foce Ponale; mentre per i nemmeno 3 chilometri dalla Ponale al confine lombardi ci sia uno stanziamento di 45.462.008 euro. Ancora il Comitato: “I previsti 344 milioni per tutto l’anello lungo circa 160 chilometri sono destinati almeno a triplicare a causa dell’aumento dei costi delle opere edili e dalla necessità di costruire ulteriori barriere paramassi e gallerie artificiali per mettere in sicurezza le pareti rocciose: le opere di manutenzione, ingenti e proiettate nel tempo, non sono ancora state quantificate”.













Scuola & Ricerca

In primo piano

immagini

Valentina Valenti di Lana è Miss Sarnonico. Una reginetta che parla quattro lingue

Dopo un pomeriggio uggioso e ricco di prove, la serata di ieri, domenica 21 luglio, a Sarnonico si è svolta sotto un cielo stellato ed ha visto sfilare venti ragazze che hanno deciso di mettersi alla prova e provare una nuova esperienza, per riuscire a portare a casa la corona ed il diritto di accedere alle Finali regionali. La sfilata è cominciata alle 21, grazie alla collaborazione del Comune di Sarnonico, con il vicesindaco Carlo Zambonin in prima linea, della Pro Loco e di numerosi sponsor locali che hanno allestito palco e passerella agli impianti sportivi della rinomata località nonesa. La serata si è aperta con una vivace sigla curata dalla coreografa Cristiana Bertelli, in cui le miss si sono fatte conoscere dalla giuria ballando, per poi sfilare con il loro abito da sera e con il nuovo outfit sportivo Givova, partner del Concorso, per la parte dedicata alla votazione. L’ evento ha accolto anche un momento di gioco con i più piccoli che si sono sfidati in una improvvisata passerella e che hanno strappato sorrisi ed applausi al pubblico grazie alla loro simpatia e spontaneità. Durante la serata le ragazze sono state curate nel look dalla professionalità dello staff del Salone Michela Style di Largaiolli Michela Dimaro. Salone Hair Studios di Paola Foldi Bolzano per il marchio Framesi, nuovo marchio entrato nella famiglia di Miss Italia. La serata ha visto sette vincitrici elette dalla giuria, di cui due a parimerito; tutte accedono alle finali regionali. La giuria, presieduta dalla sindaca Emanuela Abram, ha decretato come vincitrice Valentina Valenti, una diciottenne italo cubana, studentessa al liceo linguistico, che parla quattro lingue, residente a Lana, che si è aggiudicata il titolo di “Miss Sarnonico” ed una passerella con la preziosa corona Miluna. Valentina è una ragazza sorridente, che ha praticato danza classica e moderna per diversi anni e vorrebbe coronare il suo sogno di studiare moda. La medaglia d’argento, con la fascia di Miss Rocchetta, è stata conquistata dalla raggiante Sharon Borgia, ventitré anni, residente a Bolzano. Sharon ama giocare a pallavolo ed il suo motto è quello di “vivere la vita a mille”. Il terzo posto, con la fascia di Miss Framesi, porta il nome di Anna Laura Tataru, una studentessa di diciannove anni, amante della palestra e residente a Trento. Il suo sogno è quello di diventare poliziotta. Quarta classificata è Alessandra Bolzon; Alessandra è una diciannovenne di Trento che pratica atletica leggera, studentessa in biotecnologie, che ambisce a fare carriera nel mondo della moda. Al quinto posto è stata eletta la bionda Krystal Montibeller, diciannove anni, residente a Levico Terme. Krystal è una studentessa di odontoiatria molto ambiziosa e con la passione per l’uncinetto, con il sogno di diventare un’attrice. Seste classificate a parimerito per le finali regionali sono state con la fascia di Miss Radio Nbc, Irene Pezcoller, studentessa di lingue di diciott’anni, residente a Calliano e con il sogno di diventare una cantante, assieme ad Algena Cenga, diciottene di Merano, studentessa di giurisprudenza che ambisce a diventare avvocato. Molto apprezzato il discorso della sindaca Emanuela Abram, che ha analizzato il Concorso e le partecipanti del giorno d’oggi, plaudendo il coraggio, la forza e la naturalezza con cui le ragazze si avvicinano a questa esperienza. Le finali regionali si terranno a partire dal 7 agosto ad Andalo. A seguire il 9 agosto Fiera di Primiero, 13 agosto San Leonardo in Passiria, il 16 agosto a Folgaria ed a Bressanone, in piazza Duomo, domenica 18 agosto. Presente in giuria anche la madrina Alexia Quaglia, 19 anni di Bolzano, ballerina professionista che la giuria aveva eletto Miss Sarnonico l’estate del 2023. Alexia dopo il successo di Sarnonico ha proseguito arrivando alle prefinali nazionali con il titolo di Miss Sudtirol. Molto ambiziosa e preparata, studia per entrare nei corpi di ballo più importanti d’Italia. Il tour 2024 in Trentino Alto Adige prevede i i seguenti appuntamenti delle selezioni provinciali: prossimo appuntamento domani, martedì 23 luglio al Bar alla Spiaggia Campolongo, sabato 27 luglio a Pinzolo, martedì 30 luglio a Canazei, mercoledì 31 luglio ad Arco e domenica 4 agosto a Spormaggiore. La finalissima Regionale del Concorso Nazionale Miss Italia per eleggere Miss Trentino Alto Adige sarà ospitata nuovamente nella suggestiva ed elegante piazza Duomo di Bressanone domenica 18 agosto. In questa, che sarà la serata più importante ed attesa, voluta dalla Associazione Turistica e dal Comune di Bressanone, dedicata alla moda ed allo spettacolo, verrà eletta la ragazza più bella della nostra regione (di Claudio Libera)