Bolzano, dall'opera di Fontana a Miss Upim: addio all'Hotel Alpi

  • La ceramica policorma di Lucio Fontana venduta all’asta da Christie’s nel 2011 per 630 mila euro
  • Lo splendido bancone bar
  • I divanetti in velluto della zona bar
  • Lo staff in servizio l'ultimo giorno di apertura nel dicembre 2012
  • L'elezione di Miss Upim nella sale dell'Hotel
  • La firma di Lucio Fontana sulla base dell'opera
  • L'elezione di Miss Upim nella sale dell'Hotel
  • Un'iniziativa del Circolo universitario cittadino negli anni '60
  • La colonna dopo la rimozione dell'opera di Lucio Fontana
  • Lo staff in servizio l'ultimo giorno di apertura nel dicembre 2012
  • L'elezione di Miss Upim nella sale dell'Hotel
  • Un'opera d'arte esposta nel salone al piano terra
  • Le decorazioni della toilette delle signore al piano terra
  • Rifugio per migranti dopo la chiusura dell'albergo
  • Un'iniziativa del Circolo universitario cittadino negli anni '60

Le ruspe hanno iniziato a demolire l'Hotel Alpi. Sparisce così un pezzo di storia della Bolzano del dopoguerra. L'Hotel, inaugurato nel 1957,  è stato per decenni un punto di riferimento della comunità cittadina, tra opere d'arte (come la ceramica di Lucio Fontana nell'atrio), alla sfilata di Miss Upim, al ristorante "tempio del pesce". Leggi la storia dell'Hotel Alpi