Slavina / L’allarme

Valanga in Trentino, 3 coinvolti: uno estratto dalla neve incosciente

La chiamata ai soccorritori è arrivata da uno dei componenti del gruppo, semisepolto nella neve, che non riusciva però ad aiutare nella localizzazione



MADONNA CAMPIGLIO. Una valanga si è staccata intorno alle 13 in val Gelada, a 2200 metri di quota fra Malga Mondifrà e la bocchetta dei Tre Sassi. È stato coinvolto un gruppo di 3 scialpinisti francesi, tutti vivi. La chiamata è arrivata da uno dei componenti del gruppo, semisepolto nella neve, che non riusciva però ad aiutare nella localizzazione. Fortuitamente altri due scialpinisti, membri del soccorso alpino, si trovavano nelle stesse zone e hanno potuto raggiungere l'uomo e procedere nella ricerca degli altri due componenti del gruppo, tramite Artva: uno è stato estratto vigile e l’altro incosciente, nonostante respirasse.

Al momento sembrerebbero essere coscienti tutti e tre, ma in stato d’alterazione da shock. L’elicottero è partito ma non ha potuto recarsi sul target per via della scarsissima visibilità ed è dunque rientrato a valle. I sanitari si stanno spostando verso il target via terra, con personale delle stazioni di Tione e Campiglio, supportati dal SAGF della Guarda di Finanza.

Si sta valutando se ci siano altre persone oltre alle tre già individuate, dunque i due soccorritori presenti già sul posto stanno procedendo ad una bonifica della zona per accertarsene.













Scuola & Ricerca

In primo piano

il caso

Il ministro Nordio: «Chico Forti, lavoriamo per il suo ritorno in Italia il prima possibile»

Il Guardasigilli: «Atteso traguardo di consentirgli di scontare la pena nel suo Paese e vicino suoi affetti» (nella foto Chico con lo zio Gianni Forti)

IL PRECEDENTE Nordio: "Gli Usa non dimenticano il caso Baraldini"
COMPLEANNO Chico Forti, 64 anni festeggiati in carcere: "Grazie a chi mi è vicino" 
IL FRATELLO DELLA VITTIMA Bradley Pike: "E' innocente"

CASO IN TV La storia di Chico in onda negli Usa sulla Cbs