Per Uvive prosecco Doc, 'mercati precari, cercare nuovi sbocchi'



(ANSA) - TREVISO, 22 FEB - La produzione del Prosecco Doc nel 2023 è diminuita del 3,5% rispetto all'anno precedente ma il fatturato rimane inalterato grazie all'aumento del 7% dei prezzi di vendita, una situazione che per ora "non preoccupa troppo benchè sia necessario fare attenzione ai mutamenti in atto sugli scenari geopolitici". Lo rileva l'Unione dei Consorzi vini veneti Doc e Docg (Uvive) sulla base dei dati degli osservatori interni. "Nel mondo del Prosecco doc - evidenzia il presidente, Pierclaudio De Martin - si plaude spesso al grande successo dell'export verso Stati Uniti, Inghilterra e Germania, tre mercati che da soli valgono per il 70% delle esportazioni.
    Ma la dipendenza rispetto a questi tre paesi a lungo andare può diventare una forte criticità, essendo sufficiente che uno di essi entri in crisi per mandare in tilt l'intero sistema della doc". "In un contesto di forte precarietà - chiude De Martin - bisogna cercare e consolidare nuovi mercati che possano dare garanzia di stabilità". (ANSA).
   









Scuola & Ricerca



In primo piano

Grandi Carnivori

Dro, arriva il "No" del Tar, Fugatti: "Siamo stupiti". Nel frattempo posizionate quattro trappole

Il presidente insieme a Failoni insiste: «lo Statuto di autonomia che attribuisce al presidente della Provincia il ruolo di garante nella gestione degli orsi»
ENPA "L'orso non è stato identificato"
PROVINCIA "I cittadini hanno diritto a vivere in sicurezza"
LA DECISIONE Bloccato l'abbattimento dell'orsa KJ1 dal TAR
LA PROTESTA Raffica di rincorsi contro il Tar, la risposta animalista