Scuola

Il Trentino e le sue (giovani) eccellenze: venti studenti trentini a tu per tu con il Cern di Ginevra

Venerdì 1 aprile al Polo Ferrari di Unitn la Masterclass in fisica delle particelle per analizzare i dati provenienti dagli esperimenti condotti nel famoso tunnel con l’acceleratore Lhc



TRENTO. Sono circa 20 le studentesse e gli studenti delle scuole superiori del Trentino Alto-Adige che stanno facendo esperienza diretta di come funzionano le ricerche in fisica delle particelle del Cern di Ginevra. La sezione di Trento dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) in collaborazione con l’Università degli Studi di Trento partecipa all’iniziativa internazionale delle Masterclass in fisica delle particelle, coordinata in Italia dall’Infn.

Grazie a questa iniziativa, le ragazze e i ragazzi saranno accompagnati da ricercatori e ricercatrici in un viaggio alla scoperta delle proprietà delle particelle ed esploreranno i segreti di Lhc (Large Hadron Collider) del Cern.

Dopo i primi due incontri teorici online il 24 e il 25 marzo, domani, 1 aprile, si terrà la Masterclass presso il Polo Ferrari 1 dell’Università di Trento e verterà sull’esperimento Atlas, uno degli esperimenti condotti nell’acceleratore Lhc del Cern, all’interno del tunnel di 27 chilometri sotto Ginevra in cui le particelle si scontrano quasi alla velocità della luce.

Gli studenti e le studentesse avranno l’occasione di seguire lezioni e seminari sulla fisica delle particelle e analizzare in prima persona i dati provenienti dall’esperimento Atlas.

Alla fine della giornata si terrà un video-collegamento con ricercatori e ricercatrici del Cern di Ginevra e con altri studenti e studentesse delle scuole di Graz, Iași, Prešov e Lavras che hanno svolto gli stessi esercizi degli studenti italiani.

L’iniziativa, giunta alla 18° edizione, fa parte delle Masterclass internazionali organizzate da Ippog (International Particle Physics Outreach Group) e, in Italia, dall'Infn.

Le Masterclass si svolgono contemporaneamente in 60 diversi paesi, coinvolgono oltre 200 tra i più prestigiosi enti di ricerca e università del mondo e più di 13.000 studenti delle scuole secondarie di II grado. Per l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare quest'anno sono presenti le sezioni di Bari, Bologna, Cagliari, Cosenza, Ferrara, Firenze, Genova, Lecce, Milano Bicocca, Milano, Napoli, Padova, Parma, Pavia, Perugia, Pisa, Sapienza Università di Roma, Roma Tor Vergata, Roma Tre, Salerno, Torino, Trieste, Trento e Udine, e i Laboratori Nazionali di Frascati (LNF).

















Cronaca







Dillo al Trentino