primiero

Malga Venegiota, icona delle Dolomiti: ecco come sarà ristrutturata, senza cambiare l’architettura

Il Comune ha approvato il progetto: intervento conservativo, cucina e magazzini saranno interrati. Nuovi servizi igienici e miglioramento dell’area esterna



TRENTO. Malga Venegiota, una delle icone delle Dolomiti ai piedi delle Pale di San Martino, sarà ristrutturata ma senza intaccare l’architettura dell’edificio.
La giunta del Comune di Primiero ha approvato lo studio di fattibilità tecnico economica redatto dall'architetto Roberto Ben (che è stato incaricato del progetto definitivo) e suddiviso in tre stralci funzionali.
L’amministrazione comunale e la società concessionaria (Malghe e Pascoli Tonadico) a fine estate 2021 avevano condiviso la necessità di effettuare una ristrutturazione strutturale e generale del fabbricato principale con uno studio di riqualificazione degli spazi esterni e delle pertinenze finalizzate a migliorare la qualità dei servizi offerti, delle attività di alpeggio ed agrituristica e, in particolare, ad assicurare l’eliminazione delle barriere architettoniche e l’adeguamento dei servizi igienico sanitari funzionali all’attività ricettiva.
L’intervento sarà di tipo conservativo, «andrà di fatto a migliorare le caratteristiche strutturali della malga senza influire sulla conformazione architettonica dell’edificio, autentica icona delle Dolomiti», spiega il Comune.
Verranno ridistribuiti gli spazi interni a piano terra, ampliando la volumetria con l’interramento di cucina e magazzini, quindi senza una reale percezione dell’ampliamento stesso. Nella zona dell’ampliamento interrato verranno rifatti i servizi igienici, con un nuovo servizio per disabili e il fasciatoio per i neonati.
La sistemazione riguarderà anche la razionalizzazione dell’area esterna, che sarà resa coerente con una zona valanghiva. Saranno infine razionalizzati ed in parte eliminati i fabbricati accessori esistenti.
La tempistica dell’intervento sarà concordata con la gestione della malga.













Scuola & Ricerca

In primo piano

Mobilità

Trento è "ComuneCiclabile" Fiab per la settima volta

Il capoluogo trentino ha ottenuto la simbolica bandiera gialla che premia le amministrazioni più virtuose in termini di mobilità sostenibile riuscendo a migliorare il punteggio dello scorso anno passando da 3 a 4 bikesmile.