Lago di Garda

Garda, incontro tra assessori interregionali per il futuro della pesca

Verrà istituito un nuovo regolamento e studio sul Coregone Lavarello, fondamentale per la sopravvivenza del settore nel bacino 



VENEZIA. L'assessore regionale alla Pesca, Cristiano Corazzari, ha partecipato ad un incontro sulla pesca nel lago di Garda all'incubatoio di Desenzano, con gli assessori alla Pesca della Regione Lombardia, Alessandro Beduschi, della Provincia Autonoma di Trento, Roberto Failoni, e con la Comunità del Garda, rappresentata dalla presidente, Mariastella Gelmini e dal vice presidente Filippo Gavazzoni.

"È stato un incontro positivo per il futuro della pesca sul Lago di Garda. Veneto, Lombardia e Provincia Autonoma di Trento - ha detto - hanno dimostrato di essere in sintonia, non solo a breve arriverà un nuovo regolamento sulla pesca per l'intero lago, frutto di un lavoro congiunto, ma verrà avviato anche uno studio anch'esso congiunto, che servirà a fornire elementi utili per la gestione di alcune specie di grande interesse per il mondo della pesca, come il Coregone lavarello, Agone e Pesce persico. Assieme a Lombardia e a Trento, come Regione del Veneto abbiamo rinnovato la richiesta di vedere riconosciuto il Coregone lavarello come specie parautoctona, considerando la sua importanza per la pesca nel Lago di Garda e dato il plurisecolare acclimatamento nelle acque del lago. Una richiesta che la Regione del Veneto ha formalizzato lo scorso dicembre con una lettera inviata dal Presidente del veneto e indirizzata al Ministro dell'Ambiente".

"Il prossimo passo sarà la sottoscrizione di uno specifico protocollo di intesa per avviare lo studio su Coregone lavarello, Agone e Pesce persico - ha aggiunto - ed è prevista inoltre l'attivazione di un tavolo di consultazione permanente tra le Amministrazioni regionali e la Comunità del Garda. Ringrazio la Comunità del Garda per aver organizzato l'incontro che ribadisce quanto sia alta l'attenzione in tema di governance ambientale e di gestione della pesca lacuale". Beduschi ha sottolineato che la "Regione Lombardia continua a lavorare per sbloccare la questione del divieto di immissione del coregone nel Lago di Garda e in tal senso l'intesa con Veneto e Trentino rafforza la convinzione di voler presentare tutte le evidenze scientifiche utili ad approfondire questa tematica. La pesca del coregone-lavarello è fondamentale per la sopravvivenza del settore nel bacino e proprio per questo verrà fatto di tutto per dimostrare le nostre ragioni e quelle del comparto". 













Scuola & Ricerca

In primo piano

il caso

Il ministro Nordio: «Chico Forti, lavoriamo per il suo ritorno in Italia il prima possibile»

Il Guardasigilli: «Atteso traguardo di consentirgli di scontare la pena nel suo Paese e vicino suoi affetti» (nella foto Chico con lo zio Gianni Forti)

IL PRECEDENTE Nordio: "Gli Usa non dimenticano il caso Baraldini"
COMPLEANNO Chico Forti, 64 anni festeggiati in carcere: "Grazie a chi mi è vicino" 
IL FRATELLO DELLA VITTIMA Bradley Pike: "E' innocente"

CASO IN TV La storia di Chico in onda negli Usa sulla Cbs