Dillo al Trentino

«Rovereto, quel nuovo parco rialzato senza protezioni è troppo pericoloso»

La segnalazione: «In via Abetone una situazione a rischio, l’amministrazione comunale dovrebbe intervenire al più presto». Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»
 



ROVERETO. Una nuova zona commerciale a Rovereto, nuove opportunità di shopping ma anche nuovi spazi dove potersi incontrare, soprattutto se si è giovani e si è in cerca di spazi per trascorrere un po’ di tempo.

Ma cosa succede se questi spazi vengono utilizzati in maniera impropria, causando anche dei rischi di incolumità?

È quello che si chiede Fiorella, che ha inviato una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it per segnalare la situazione di via dell’Abetone dove sono stati aperti i nuovi spazi commerciali, facendo una richiesta aperta all’amministrazione comunale di Rovereto.

Ecco cosa scrive Fiorella: «Buongiorno, sono una signora di Rovereto e abito a Lizzanella vicino alla nuova area commerciale di via Abetone, quella dove ha trovato spazio anche il Tigotà, per intenderci.

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

In quella zona da qualche settimana sono state inaugurate anche delle nuove palazzine e un nuovo parchetto rialzato.

Da quando lo hanno aperto, tutti i giorni e tutte le sere ci sono tanti ragazzi giovanissimi, diciamo tra i 13 anni e i 15 anni, che si mettono seduti sulla ringhiera che dà proprio sul parcheggio dell’area commerciale.

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»

Vi invio anche una foto che ho fatto: quella ringhiera è sprovvista di protezioni e vorrei che questa mio messaggio arrivasse al sindaco Francesco Valduga e ai vertici dell’amministrazione comunale. Non so perché non siano state messe delle protezioni, però credo sia il caso di intervenire al più presto prima che qualcuno si faccia del male», conclude Fiorella.

Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook.

















Cronaca







Dillo al Trentino