Manovra: Messa, tempi certi per rilancio Cnr

(ANSA) - ROMA, 30 DIC - Con le modifiche introdotte in Parlamento, il Piano di riorganizzazione e rilancio del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), senza il quale l'ente non potrà avvalersi di 20 milioni di euro stanziati per il 2022, ha tempi ancora più certi e forme di coinvolgimento degli organi interni più chiare, per valorizzare l'autonomia dell'ente in questa sua particolare fase. Sarà il consiglio di amministrazione del Cnr stesso - dopo aver coinvolto anche la propria rete scientifica e la parte amministrativa - a dove adottare, entro sei mesi dall'entrata in vigore della legge, il piano che verrà poi approvato con decreto del ministro dell'Università e della Ricerca di concerto con quello dell'Economia e delle Finanze. Lo rende noto il ministro per l'Università e la Ricerca Cristina Messa.

Prima dell'approvazione, sarà chiamato a fornire il proprio parere il Comitato strategico per il rilancio dell'ente, composto da cinque esperti nominati con decreto del ministro dell'Università e della Ricerca: due sono individuati tra otto nominativi proposti dal presidente del Cnr, due tra otto nominativi proposti dal comitato di selezione dei presidenti e dei componenti dei consigli di amministrazione degli enti di ricerca di designazione governativa, uno è nominato d'intesa con il ministro dell'Economia e delle finanze. (ANSA).