Il dramma

Tragedia del lago di Garda, il motoscafo-killer viaggiava quattro volte più veloce del consentito

Per la prima volta in aula a Brescia entrambi gli imputati, i manager tedeschi Christian Teismann e Patrick Kassen. Nel terribile scontro tra imbarcazioni persero la vita Greta Nedrotti e Umberto Garzarella

LA CRONACA Umberto e Greta, uccisi di notte sul lago di Garda
IL PROCESSO Le testimonianze: "Nella camera dei due tedeschi un forte odore di alcol"

IL PAPA' DI UMBERTO "Ha chiesto scusa, ma non lo perdono"
LA PETIZIONE L'ex pornostar Sasha Grey e quelle 125.000 firme

LAGO DI GARDA. Per la prima volta dall'inizio del processo sull'incidente nautico nelle acque del Lago di Garda in cui l'estate scorsa persero la vita Greta Nedrotti e Umberto Garzarella, in corso davanti al tribunale di Brescia, in aula si è presentato anche il tedesco Christian Teismann, uno dei due imputati che, con l'amico e connazionale Patrick Kassen, deve rispondere di omicidio colposo, naufragio e omissione di soccorso.

Teismann, manager e vicepresidente di Lenovo, una delle più grandi aziende al mondo che produce computer, è il proprietario del motoscafo Riva.

Al processo fra le testimonianze c’è stata anche quella del capitano Diego Ammirati, consulente tecnico della procura, che ha riferito come l’imbarcazione viaggiava a circa 20 nodi, e cioè quattro volte più veloce del consentito.

Teismann si rifiutò di sottoporsi all'alcol test e all'esame del Dna, mentre Kassen fin da subito si prese la responsabilità della guida del motoscafo al momento dello scontro.

La tragedia di Salò: ecco come si è arrivati all’arresto del manager tedesco

Per la tragedia di Salò la svolta è arrivata lunedì 5 luglio, con l’arresto di Patrick Kasser, il manager tedesco che era alla guida del motoscafo che ha investito e ucciso Umberto Garzarella, 37enne caldaista di Salò, e Greta Nedrotti, 25 anni, studentessa universitaria di Toscolano Maderno. Kasser si è consegnato alle autorità italiane al Brennero. Ecco tutte le tappe della vicenda.

Prima di Natale Teismann aveva raccolto l'invito del padre di Umberto Garzarella e aveva incontrato il genitore del 37enne al cimitero di Saló, sulla tomba del giovane.

Il prossimo 2 febbraio i due tedeschi parleranno in aula.