l'orrore

La polizia Iran spara ai genitali delle manifestanti

Il Guardian: "Colpite anche agli occhi e al petto da distanza ravvicinata"

ROMA


TEHERAN. Le forze di sicurezza iraniane sparano da distanza ravvicinata alle donne durante le manifestazioni contro il regime colpendole al volto, agli occhi, al petto e ai genitali, secondo medici e sanitari intervistati dal Guardian in tutto il Paese.

I medici, che trattano i feriti in segreto per evitare l'arresto, hanno detto di aver notato che le donne spesso arrivano con ferite diverse rispetto agli uomini, colpiti da pallini di fucile nelle gambe, nelle natiche e nella schiena.













Scuola & Ricerca

In primo piano