Dillo al Trentino

«Una discarica a cielo aperto nel cuore dell’Argentario, e lì vicino c’è il Crm»

La segnalazione: «Reti e materassi gettati in via al maso Pezani, alla fine prevale sempre la maleducazione». Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»
 



TRENTO. Di decoro e di degrado, qui su “Dillo al Trentino”, ne abbiamo scritto spesso. E ogni volta ci diciamo che vedere certe immagini fa male al “cuore civico” di chi pensa che questa nostra fantastica terra la dobbiamo difendere tutti insieme, nessuno escluso.

Poi arrivano in redazione nuove foto e le braccia cadono nuovamente, al pensiero che il gesto di un “furbetto” può fare molto più male che i gesti bellissimi della maggioranza silenziosa che cerca di rispettare l’ambiente e il prossimo, ad ogni costo.

La nuova segnalazione arriva dall’Argentario: Fabio ha inviato una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it con le foto che testimoniano il vile gesto di alcune persone che hanno trasformato un angolo della collina di Trentino in una discarica a cielo aperto.

Ecco cosa scrive Fabio: «Buongiorno, vi invio delle foto scattate nella circoscrizione Argentario.

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

Siamo sulla stradina comunale che scende da Martignano verso Melta di Gardolo: oltre che rivelarsi spesso un percorso da gare in salita o discesa, ora si è trasformata in una discarica a cielo aperto.

In via al maso Pezani ho trovato una scena incredibile, con tanto di materasso, reti, letti e quant'altro. Poi, procedendo a valle lungo via maso Sizzo, la sporcizia viene sempre rinnovata da buste gonfie di rifiuti.

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»

E tutto questo nonostante il fatto che a 500 metri ci sia il centro di raccolta e che gli operatori puliscano periodicamente il tragitto. Alla fine, purtroppo, prevale sempre la maleducazione», conclude Fabio.

Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook.

















Cronaca







Dillo al Trentino