Dillo al Trentino

«Nel nostro condominio di Rovereto risse, schiamazzi e droga: ora basta»

La segnalazione di un gruppo di residenti del complesso Europa in via Lungoleno Sinistro: «Stiamo raccogliendo le firme per mandare una protesta al sindaco Valduga». Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»



ROVERETO. Quando si vive in un grande condominio, i problemi rischiano di essere altrettanto grandi.

Se da un lato è sempre più difficile riuscire a seguire delle regole di buona convivenza tra vicini quando i vicini sono tanti (c’è chi si deve svegliare presto e chi invece deve andare a dormire tardi, ad esempio, per non parlare dell’utilizzo delle parti comuni), ancora più difficile è riuscire a controllare quello che avviene negli scantinati o nei garage.

Ne sanno qualcosa gli abitanti del complesso Europa di via Lungoleno sinistro 24 a Rovereto. Si tratta di un grande agglomerato di condomini che dà sul parco di Santa Maria, dove soprattutto quando scende la notte si accendono i problemi: risse, schiamazzi, ma anche droga

I cittadini sono ormai esasperati in una mail inviata a dilloaltrentino@giornaletrentino.it annunciano l’avvio di una raccolta firme per portare il problema al sindaco Francesco Valduga.

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

Ma ecco cosa scrive una dei residenti: «Buongiorno, scrivo a nome dei condomini del complesso Europa di via Lungoleno Sinistro 24A a Rovereto.

Da quasi un anno ci sono persone di colore che entrano dal parco di Santa Maria e scendono nella scala di accesso al locale caldaie del nostro condominio.

Ormai abbiamo fatto una decina di chiamate alla Polizia senza avere interventi in tempo per sorprendere le persone presenti.

Lo scorso dicembre un episodio che ancora adesso ricordiamo: una di queste persona si è messa ad urlare chiamando aiuto: un condomino ha chiamato la Polizia ma gli agenti sono arrivati dopo 29 minuti e nel frattempo se n’erano tutti andati.

Nei giorni scorsi abbiamo trovato il portello dell'impianto di illuminazione divelto e all'interno una scatola per una bilancia di precisione e una scatola di bicarbonato.

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»

Ho chiamato la Polizia alle ore 17.45 e mi sono sentita rispondere che in quel momento nessuna pattuglia di Polizia, Carabinieri e Finanza era libera per un intervento immediato. Mi hanno richiamato attorno alle 19.30 e a quel punto ho detto loro di lasciar perdere.

Stiamo raccogliendo le firme dei condomini da consegnare al sindaco di Rovereto Francesco Valduga sotto forma di protesta perché non vediamo purtroppo soluzioni al problema. Per noi ci sono solo le spese per riparare i danni che fanno, oltre a dover pure raccogliere le immondizie di ogni genere che queste persone lasciano sul posto», conclude la residente.

Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook.

















Cronaca

Il caso

L'autista nega la corsa autobus a madre e figlio con cane

G.T. ipovedente di 44 anni e la madre 74enne sono stati lasciati a terra con il piccolo Joker a Levico. «L’autista non ha voluto sentire ragione, nonostante l’ora serale e le mie condizioni. Per lui saremmo potuti tornare a Trento solo lasciando a terra il nostro cane, vi sembra possibile?»


Daniele Peretti






Dillo al Trentino