IL CASO

Decine di svastiche sulla strada per la festa

Besenello, sono comparse nella notte su strada, prati, sassi e alberi. I ragazzi del Gruppo giovani costretti a ripulire denunciano tutto su Facebook: "Ci contatti chi ha visto"

BESENELLO. Il prato, gli alberi, la strada, persino i sassi segnati da svastiche disegnate con la bomboletta. E' quanto hanno trovato i residenti di Besenello al loro risveglio, domenica.

Il gesto, compiuto da ignoti, è stato immediatamente condannato da ragazze e ragazzi, che quasi si sono scusati pubblicamente perché sono stati costretti, per rimuovere quei simboli, a togliere parti di corteccia delle piante.

Quelli del Gruppo giovani avevano promosso nel fine settimana un incontro sulla montagna del paese, Scanuppia, prima della tradizionale messa alla chiesetta prima di Ferragosto.

A notte inoltrata degli ignoti, forse alticci (e, stando a quello che hanno disegnato, verrebbe da sperare lo fossero) hanno imbrattato con delle bombolette spray tutta l'area con delle svastiche. La domenica mattina ci sarebbe stata la messa, e ragazze e ragazzi non hanno avuto dubbi su cosa c'era da fare. Per loro è stato un lavoro penoso quanto faticoso, ma tutto è stato cancellato in pochissimo tempo.

Il gesto ha però colpito molto quelli dell'associazione, tanto che il giorno successivo hanno voluto denunciare pubblicamente l'accaduto sulla loro pagina Facebook. Senza dare soddisfazione però agli autori della bravata: le foto delle svastiche non sono state pubblicate. «È stato superato il limite, non abbiamo bisogno di persone come quelle responsabili dei fatti accaduti, siano un atto di goliardia o di vero e proprio odio razziale, quindi oltre a prendere le distanze dai fatti accaduti e condannarli chiediamo agli autori di non presentarsi più alle nostre iniziative. Nel caso qualcuno riuscisse ad individuare gli autori lo preghiamo di contattarci». (m.s.)