criminalità

Rissa in piazza Santa Maria: due persone aggredite dal “branco”

Ma non hanno sporto denuncia. Polemica la Lega: «L'ennesima dimostrazione che a Trento esiste un serio problema di sicurezza»



TRENTO. I carabinieri sono intervenuti ieri, mercoledì 10 agosto, verso le 23.30 in piazza Santa Maria Maggiore a Trento per una segnalazione di una rissa arrivata alla Centrale operativa. Quando sono giunti sul posto, i militari hanno trovato due uomini, entrambi del Camerun, di 37 anni e 27 anni, che hanno raccontato di essere stati malmenati da un gruppo di persone, anche queste straniere, che poi si sono allontanate prima dell'arrivo dei carabinieri.

I due aggrediti - a quanto si apprende - non hanno riportato gravi lesioni, non sono stati portati in ospedale e non hanno sporto denuncia. Sull'episodio interviene anche la Lega, con una nota: "La mega rissa con lancio di bottiglie tra immigrati di questa notte in piazza Santa Maria Maggiore è l'ennesima dimostrazione che a Trento esiste un serio problema di sicurezza dove bande di spacciatori lottano per capeggiarsi il mercato della droga", sostengono il commissario della Lega Trentino Diego Binelli ed il consigliere provinciale Devid Moranduzzo.

Gli esponenti della Lega riferiscono anche di "immagini dei video che circolano sui social in queste ore dimostrano che il sindaco ignora il problema o peggio ancora fa finta di nulla in nome del solito buonismo di sinistra che non punterebbe mai un dito nei confronti di un immigrato anche se criminale della peggior specie", conclude la nota. 

















Cronaca







Dillo al Trentino