Giada, dopo gli studi lunghi è diventata Lady Chef a Drena

Nata nel 1989, Giada Miori (26 anni) viene da una famiglia di ristoratori ma, dopo il diploma come Tecnico dei servizi alberghieri e della ristorazione, ha portato le sue doti nell'azienda dei...

Nata nel 1989, Giada Miori (26 anni) viene da una famiglia di ristoratori ma, dopo il diploma come Tecnico dei servizi alberghieri e della ristorazione, ha portato le sue doti nell'azienda dei genitori, facendole fare un salto di qualità. Diplomata nel 2007, con il 100 (il massimo dei voti per un professionale dell'epoca), Giada ha frequentato l'Istituto alberghiero di Riva del Garda (Enaip) per quattro anni, optando quindi per il corso di studi più “lungo”. «Dopo la scuola, non ho avuto la possibilità di fare esperienze lavorative in famosi e pluristellati ristoranti» ­ racconta. «L'azienda di famiglia necessitava di manodopera e di nuove visioni, quindi mi sono subito messa in gioco lì. Questo ha significato, per me, da un lato dover fare scelte di responsabilità e sacrifici, mentre, dall'altro, si è trattato di un processo di crescita personale». Una forza d'animo che l'ha portata, oggi, ad essere contitolare, col fratello Sebastiano e la madre Marinella, del ristorante tipico “La Casina”, a Drena, dove ricopre però anche il ruolo di Lady Chef. «Ho deciso di frequentare la scuola alberghiera proprio per la grande ammirazione che ho sempre avuto per il territorio trentino, la sua storia, le sue tradizioni, ma soprattutto i suoi prodotti. Lì ho appreso le basi di cucina, ma poi ­ sono convinta ­ il successo si guadagna anche attraverso la passione e la capacità di mettersi alla prova» ­ continua. «Non mi sono mai adagiata sugli allori, ho sempre cercato di valorizzare al meglio la mia azienda. E la strada giusta l'ho trovata tre anni fa, quando ho capito che il segreto stava proprio nel nostro territorio: da allora la proposta de “La Casina” si è modificata per valorizzare i prodotti a chilometro zero, come le fragole, i piccoli frutti o i maroni di Drena».