IL PRECEDENTE A LUGLIO

ROVERETO. L’ultimo episodio legato con tutta probabilità al gruppo anarchico roveretano risale a pochi giorni fa: la notte tra il 24 e il 25 luglio, in piazza Rosmini. Poco dopo le 4 del mattino un...



ROVERETO. L’ultimo episodio legato con tutta probabilità al gruppo anarchico roveretano risale a pochi giorni fa: la notte tra il 24 e il 25 luglio, in piazza Rosmini. Poco dopo le 4 del mattino un forte boato ha svegliato i residenti del centro storico. A provocarlo, un ordigno - forse una bomba-carta, ma sui reperti stanno ancora lavorando gli uomini della scientifica del Ris di Parma - che ha mandato in pezzi lo sportello bancomat del gruppo Unicredit. Distrutta l’apparecchiatura per i prelievi di danaro e annerito dalla filiggine il locale dove è custodita. Ad una decina di metri dal luogo dell’attentato su una vetrata degli uffici Unicredit è comparsa la scritta “Afrin libera”, pressoché uguale a quella apparsa in giugno sulle vetrate della Deutsche Bank di via Fontana, danneggiate con un punteruolo metallico. L’istituto bancario tedesco è ritenuto dai gruppi antagonisti finanziatore del genocidio che il presidente turco Erdogan sta portando avanti contro la gente di Afrin.

















Cronaca

pagamenti elettronici

Da oggi le multe per chi non accetta il Pos

Dai baristi ai negozianti agli artigiani e professionisti: ecco chi deve consentire di pagare con la carta. Sanzione di 30 euro (+4% della transazione rifiutata). I commercianti: «Per noi costi ancora troppo alti»







Dillo al Trentino