il caso

Donna uccisa, la pm di Rovereto: «Chiesto un elenco di possibili soggetti pericolosi»

L’aggressore "non poteva essere espulso per le misure cautelari". Viviana Del Tedesco: “Non c'è una legge che obbliga queste persone a curarsi”

LE INDAGINI. Possibile tentativo di rapina

LA VITTIMA. Implorava aiuto, lui l'ha massacrata

LA COMUNITA'. Una fiaccolata per ricordare le due donne uccise a Rovereto

LA PROVINCIA. Fugatti: “Servono regole più stringenti



ROVERETO. "Ho chiesto a tutte le stazioni di carabinieri e di polizia di redigere un elenco di soggetti che hanno commesso reati o che tengono condotte che possono denotare una tenuta sociale per capire quante persone possono compiere atti violenti da un momento all'altro". Lo ha detto la pm di Rovereto, Viviana Del Tedesco, intervistata dal Tgr Rai di Trento sull'uccisione della 61enne Iris Setti, avvenuta la sera del 5 agosto.

In merito alle misure cautelari applicate all'aggressore della donna, la pm ha rilevato come sia per quanto riguarda gli arresti domiciliari, sia l'obbligo di firma "in atto da sette, otto mesi non aveva mai dato nessun tipo di problema, solo nei giorni scorsi non aveva ottemperato ad un obbligo di firma, che le forze dell'ordine avevano segnalato immediatamente, ed era in atto un approfondimento su questo episodio".

"Niente di più si poteva fare. Questo soggetto non poteva essere espulso per le misure cautelari in atto. La presenza di soggetti con queste problematiche è sempre più massiccia, non esistono strutture di accoglienza che possono garantire la sicurezza e se vi sono non c'è una legge che obbliga queste persone a curarsi. Il Tso è applicabile solo in determinate situazioni", ha detto Del Tedesco.













Scuola & Ricerca

In primo piano

Viabilità

Quanta neve sullo Stelvio: si complica la riapertura anche per la prossima settimana

Nuovamente a rischio slittamento l’accesso al traffico. Si lavora per sgomberare la neve e installare la segnaletica, c’è da valutare la situazione atmosferica per i prossimi giorni

IL GIRO La tappa per il Giro d’Italia era già saltata per la neve

GIUGNO Il mese di giugno è stato caratterizzato proprio dalla quantità di precipitazioni e neve abbondanti – il video 

LA SITUAZIONE Riaperto invece il 14 giugno Passo Rombo