i riconoscimenti per l’atleta e il dirigente 

Gli sportivi dell’anno sono Pozzatti e Tomasi

PERGINE . Pubblico delle grandi occasione nella sala polivalente del #Kairos per la premiazione di Gianluca Pozzatti, ventitreenne interprete del Triathlon, tesserato per il Cus Trento, e per Guseppe...


di Fernando Valcanover


PERGINE . Pubblico delle grandi occasione nella sala polivalente del #Kairos per la premiazione di Gianluca Pozzatti, ventitreenne interprete del Triathlon, tesserato per il Cus Trento, e per Guseppe Tomasi, interprete in gioventù dell’Enduro e del Motocross, e da 17 anni presidente del Moto Club Pergine. Sono rispettivamente l’atleta e il dirigente dell’anno 2016.

A consegnare la targa del Comune la vicesindaco Daniela Casagrande, gli assessori Carlo Pintarelli e Franco Demozzi, quest’ultimo organizzatore della manifestazione. L’assessore allo sport, presente l’ex presidente del Coni, Giorgio Torgler, ha fornito alcuni dati dell’impegno del Comune per le 77 le società sportive, con 68 mila euro distribuiti per la gestione, 1.200.000 euro investiti nelle strutture, 13.000 euro nell’organizzazione delle varie manifestazioni. I profili dei due premiati.

Gianluca Pozzatti: tesserato per il Cus Trento Triathlon, è componente della Nazionale assoluta, ha partecipato nel 2016 ai Campionati Europei Elite di Lisbona in Portogallo, agli Europei U23 svoltisi a Burgas in Bulgaria e ai Campionati Mondiali U23 a Cozumel in Messico. Rilevante il bilancio dei risultati individuali conseguiti: 11° assoluto ai Campionati Europei, il 19° Campionati Europei U23 ed 17° ai Mondiali U23. Infine il 5° posto nella gara a squadre a staffetta mista per Nazioni, e 1° posto all’European Triathlon U23 a Burgas. É tra i primi 100 triatleti del mondo.

Giuseppe Tomasi: presidente del Moto Club Pergine, ha praticato in gioventù l’Enduro per poi approdare al motocross con buoni risultati all'età di 50 anni, meritandosi il soprannome di “Higlander l'ultimo degli immortali”. Fondatore e presidente del Mc Tridentum, è stato artefice della riapertura del tracciato di motocross di Canezza di Pergine, diventando nel 2001 presidente, carica che riveste tuttora.

















Cronaca

le foto

I cani del Soccorso alpino veneto nel fango di Casamicciola

Hanno cercato nel fango e tra le macerie tracce di vita insieme ai soccorritori dopo la frana che si è abbattuta su Ischia. Domenica era arrivata la richiesta di poter avere sull'isola 3 unità cinofile del Soccorso alpino Veneto. Loris e Kira sono stati accompagnati assieme a Carlo Apollo e Flò, Ucrc della Calabria, all’aeroporto Marco Polo di Mestre, per essere imbarcati e trasportati a Pratica di Mare e da lì in volo notturno a Ischia, destinazione Casamicciola. LE FOTO (Cnsas)







Dillo al Trentino