Sentiero Avisio-doss Paion deroga urbanistica in aula 

Il progetto. È parte del parco fluviale, di cui si discute da 20 anni, che potrebbe trasformare  il greto del fiume. Se tutto va bene, i lavori dovrebbero iniziare entro la prossima primavera

di DANIELE ERLER

Lavis. Torna in consiglio comunale il progetto del nuovo sentiero storico e naturalistico fra l’Avisio e il doss Paion. Questa volta per una deroga urbanistica che avvicinerà la data dei lavori. L’obiettivo è di realizzare un percorso che parte sulla sponda destra dell’Avisio, affianca i Ciucioi e raggiunge poi le colline fra Lavis e Giovo, dove sarebbe costruito un affascinante punto panoramico. Enzo Marcon, il consigliere comunale che ha la delega su questo progetto, spiega che già in autunno potrebbe essere pronta la gara d’appalto. Se tutto va bene, i lavori inizierebbero quindi fra l’inverno e la primavera, nella speranza che siano conclusi entro l’estate 2020. Se ne parlerà in municipio, questa sera o più probabilmente domani.

Il nuovo percorso

Il progetto è in realtà solo una parte di un sogno, il “parco fluviale”, che avrebbe dovuto trasformare il greto dell’Avisio: se ne iniziò a parlare una ventina di anni fa. Solo alcune delle opere immaginate ai tempi sono state nel frattempo realizzate dai servizi provinciali. L’attuale amministrazione ha deciso di riprendere in mano l’idea, riadattando il progetto approvato 15 anni fa. Il sentiero, lungo 1.250 metri, unisce il comune di Lavis e quello di Giovo e ha ottenuto il patrocinio del Bim dell’Adige. Probabilmente l’aspetto più affascinante sarà la realizzazione di un punto panoramico sulla collina, il doss Paion, all’altezza del vascone del vecchio acquedotto. Lo si potrà raggiungere con una scala in acciaio zincato. «Da una parte si potrà vedere la forra dell’Avisio, con uno sguardo sulla Val di Cembra. A ovest si potrà ammirare il castello dei Ciucioi», spiega Marcon. Per realizzarlo serve però la deroga al piano regolatore.

Un volano turistico

Al di là dell’aspetto tecnico, l’ambizione per Lavis è di riuscire ad avere un nuovo volano turistico, da affiancare al giardino dei Ciucioi che sarà inaugurato fra due mesi. Sarà infatti realizzato un nuovo ingresso al torrente, da piazza Loreto. In questo modo dalle passeggiate sulla sponda destra dell’Avisio, si potrà uscire e raggiungere il giardino. Oppure si potrà proseguire lungo il nuovo sentiero, Passerà alla destra dei Ciucioi, dove c'è l'attuale ingresso al giardino. Salirà sul doss Paion fino ad arrivare al punto panoramico, dove in futuro si potrà realizzare un museo naturale. Da lì si potrà poi scendere verso il paese e il Pristol o raggiungere le colline avisiane.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.