Impianti

Il Trentino come l’Alto Adige. Failoni: «Anche da noi piste aperte ai residenti»

L’assessore annuncia che è allo studio una via originale per la ripresa dell’attività in Trentino. «Sarebbe un segnale anche psicologico per i lavoratori»

Trento. Piste da sci, il Trentino copia l’Alto Adige che ha deciso di riaprire gli impianti da lunedì 18 gennaio per i residenti. 

«Pensiamo a una via trentina alla riapertura degli impianti sciistici per dare un segnale anche psicologico agli operatori e ai lavoratori del settore. Aspettiamo la conferenza Stato-Regioni e la riunione del Cts e poi decideremo in giunta».

L’assessore provinciale al turismo Roberto Failoni è chiaro: anche il Trentino punta a riaprire gli impianti, anche solo per i residenti, ma meglio se ci saranno anche i visitatori provenienti dalla regioni gialle, sull’onda di quello che già è stato annunciato dal presidente altoatesino Arno Kompacher.

Failoni spiega che ci sono due passaggi da fare per verificare anche quante persone potrebbero usare gli impianti: «Domattina (14 gennaio) si terrà la riunione Stato-Regioni e noi porremo con forza la questione della libertà di movimento tra regioni in fascia gialla. In questo modo gli impianti potranno avere un numero più ampio di utilizzatori rispetto a quanto accadrebbe se i confini della provincia dovessero restare chiusi. Poi venerdì mattina tornerà a riunirsi il Cts (comitato tecnico scientifico) che speriamo approvi il protocollo di sicurezza”. 

Tutto sul Trentino in edicola