SICUREZZA

Il cittadino segnala comportamenti sospetti: rinnovato il protocollo «Mille occhi sulle città»

I Comuni di Trento e Rovereto alleatik con il Commissariato del governo (foto Ansa)

TRENTO. È stato rinnovato, tra il Commissariato del governo ed i Comuni di Trento e Rovereto, per il prossimo biennio, il Protocollo d'intesa «Mille occhi sulle città». Una sorta di controllo sociale, in cui anche i cittadini che si accorgono di un comportamento inusuale diventano delle antenne per le forze dell’ordine. Segnalando subito ogni sospetto, ogni presenza strana così da garantire una copertura capillare del territorio. 

Nel corso dell'incontro con i sindaci Alessandro Andreatta e Francesco Valduga, il prefetto Sandro Lombardi ha sottolineato l'utilità della collaborazione delle istituzioni locali, che grazie alla loro spiccata coscienza civica, segnalano alle forze dell'ordine non solo il compimento di reati, ma anche il verificarsi di situazioni sospette.

Entrambi i sindaci - riferisce una nota - hanno elogiato l'iniziativa, accolta favorevolmente già dal 2011, ponendo l'accento su come la stessa costituisca uno degli strumenti utili per garantire la sicurezza dei cittadini, sia quella «reale» che quella percepita.