IL CASO

Gli assessori delle Regioni alpine chiedono il via della stagione bianca con le festività natalizie

Con il prossimo DPCM, il Governo non sembra però intenzionato ad adottare questa soluzione

LEGGI ANCHE: I sindaci di Vermiglio e Campitello: "Sì alla riapertura con responsabilità" - La proposta di Kompatscher: "Valutare l'apertura solo per i residenti" - L'appello di Alberto Tomba: "Riaprite le piste. Facile applicare il distanziamento sugli impianti" - Federica Brignone: "Aprire per Natale o ci sarà un danno irreparabile" - I sindacati: "Fare il possibile per garantire l'attività"



TRENTO. È necessario «darsi una data comune per l'avvio della stagione bianca, tenuto conto del quadro sanitario che andrà a delinearsi nelle prossime settimane». È quanto chiedono in una nota congiunta gli assessori con delega agli impianti di risalita delle Regioni alpine.

«Molte realtà imprenditoriali legate alla stagione bianca - tra cui scuole di sci, noleggi, aziende di trasporto, hotel e ospitalità in genere, ecc. - aspettano risposte per programmare la stagione invernale», scrivono gli assessori di Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, Provincia di Trento, Provincia di Bolzano, Veneto e Friuli Venezia Giulia. 

Intanto, in sede di Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, questa mattina (23 novembre) sono state approvate le linee guida per l’utilizzo degli impianti di risalita nelle stazioni e nei comprensori sciistici da parte degli sciatori amatoriali.

Il documento individua tutte le misure di prevenzione del contagio da SARS-CoV-2 da predisporre per l’utilizzo in sicurezza degli impianti di risalita all'interno di stazioni, aree e comprensori sciistici nella stagione invernale.

Alla luce delle notizie riguardanti le misure che il Governo intende adottare nel prossimo DPCM, secondo le quali si esclude la possibilità di aprire gli impianti a fune per le festività natalizie, gli assessori delle regioni alpine chiedono al Governo di rivedere questa scelta che metterebbe in crisi un intero sistema, che porta un notevole indotto economico, lavorativo e sociale per l’intero Paese.

«Siamo tutti ben coscienti delle difficoltà del momento - evidenziano gli assessori agli impianti a fune delle regioni alpine - ma vogliamo e dobbiamo guardare al futuro con atteggiamento positivo, consapevoli soprattutto dell’importanza che l’industria dello sci ricopre per l’economia italiana. Grazie all'approvazione delle linee guida per gli impianti sciistici potremo garantire un avvio in sicurezza della stagione invernale».

I firmatari

Daniel Alfreider (Vicepresidente Provincia Autonoma di Bolzano)

Luigi Giovanni Bertschy (Vicepresidente Regione Valle d’Aosta)

Sergio Bini (Assessore al Turismo Regione Friuli Venezia Giulia)

Martina Cambiaghi (Assessore allo Sport Regione Lombardia)

Federico Caner (Assessore al Turismo Regione Veneto)

Roberto Failoni (Assessore al Turismo Provincia Autonoma di Trento)

Fabrizio Ricca (Assessore allo Sport Regione Piemonte)

















Cronaca







Dillo al Trentino