politica

Finalmente la giunta Fugatti bis: prima seduta con Gerosa vice, presente (per ora) anche Cia

Varato il nuovo esecutivo dopo il braccio di ferro con Fdi per le deleghe e il rimpasto di ieri (foto Ansa)

"RIBELLE" ESTROMESSO. “Le deleghe di Cia andranno alla leghista Giulia Zanotelli”

IL RIMPASTO. Gerosa la spunta, a lei la vicepresidenza

URZI' ESULTA. «Fdi protagonista dei prossimi cinque anni»

CONSIGLIO. Nominati i capigruppo dei partiti



TRENTO. Decolla la giunta Fugatti bis, dopo la battuta d'arresto delle scorse settimane e il braccio di ferro con Fdi per le deleghe e il rimpasto di ieri. Alle prime sedute gli assessori meloniani non avevano infatti partecipato. La sospensione dei lavori del consiglio provinciale ha comportato anche la modifica della programmazione delle sedute della Giunta provinciale di Trento: la riunione di lunedì pertanto è stata anticipata a questo pomeriggio.

Hanno partecipato all'esame dell'ordine del giorno, accanto al presidente Maurizio Fugatti, la vicepresidente Francesca Gerosa e gli assessori Roberto Failoni, Mattia Gottardi, Achille Spinelli e Mario Tonina. Presente anche Claudio Cia, sebbene Fugatti abbia annunciato che nei prossimi giorni le sue deleghe verranno affidate all'assessore della Lega Giulia Zanotelli.

E' stata anche l'occasione per impostare il lavoro di programmazione legato alla presentazione delle delibere e all'iter conseguente.

Fra le delibere approvate figurano alcune disposizioni in materia di cure intermedie, le collaborazioni per il soccorso sanitario extraospedaliero con la Provincia di Verona, le attività dell'Iprase, un concorso per assistenti di laboratorio scolastico, la promozione di Sky family, lo scioglimento del Consiglio comunale di Predazzo (a seguito delle dimissioni del sindaco Maria Bosin ora eletta in Consiglio provinciale), alcune attività nel settore della Formazione professionale.













Scuola & Ricerca

In primo piano

il caso

Il ministro Nordio: «Chico Forti, lavoriamo per il suo ritorno in Italia il prima possibile»

Il Guardasigilli: «Atteso traguardo di consentirgli di scontare la pena nel suo Paese e vicino suoi affetti» (nella foto Chico con lo zio Gianni Forti)

IL PRECEDENTE Nordio: "Gli Usa non dimenticano il caso Baraldini"
COMPLEANNO Chico Forti, 64 anni festeggiati in carcere: "Grazie a chi mi è vicino" 
IL FRATELLO DELLA VITTIMA Bradley Pike: "E' innocente"

CASO IN TV La storia di Chico in onda negli Usa sulla Cbs