l’annuncio

Da lunedì in Trentino vaccinazioni aperte senza limite di età

Le prenotazioni (dai 12 anni in su) saranno limitate alle 20mila dosi che sono attualmente a disposizioni. Fugatti: da lunedì, salvo sorprese, Trentino in zona bianca

Oggi ancora nessun decesso: i dati

TRENTO. «I dati Covid ci portano a dire che il vaccino funziona. Il calo dei ricoveri e delle terapie intensive sta a dimostrare proprio questo. Domani (venerdì 11) è giornata di classificazione. La nostra incidenza è inferiore ai 50 e quindi salvo sorprese dovrebbe portare il Trentino in zona bianca».

Così il presidente della Provincia Maurizio Fugatti in conferenza stampa.

«Per quanto riguarda la campagna vaccinale, noi abbiamo sempre lavorato sui vaccini presenti, sulle scorte che abbiamo e abbiamo anche sempre seguito il criterio definito dal governo e il protocollo  di vaccinazione per età.

Liberi dal virus, liberi di vivere: la campagna della Provincia

Imprenditori, commercianti, insegnanti, addetti alle pulizie o ai servizi alla persona, operatori sanitari o sociali, impiegati e commessi. Persone reali che vivono e lavorano in Trentino. Sono loro i protagonisti di una nuova campagna di sensibilizzazione, al via in questi giorni, a sostegno delle vaccinazioni nata su input del Tavolo Covid-Lavoro, dove sono presenti, oltre ad Assessorato e Dipartimento provinciale della Salute, l’Azienda sanitaria e i rappresentanti dei sindacati e delle organizzazioni degli imprenditori.

Su AstraZeneca abbiamo sempre considerato quanto previsto dal protocollo e quindi non abbiamo fatto le vaccinazioni di massa ai giovani viste altrove. Attendiamo la decisione sulla validità del vaccino in questione anche sotto i 40 anni.

E questo spiega i numeri diversi che abbiamo rispetto ad altre regioni

Abbiamo in deposito circa 20 mila dosi di Moderna e Pfizer, e quindi lunedì apriremo le iscrizioni per tutte le età».

Popolazione vaccinata, Trentino in penultima posizione

I grafici settimanali della Fondazione Gimbe evidenziano come la provincia di Trento sia al penultimo posto per la popolazione vaccinata: il 22,9% ha ricevuto solo la prima dose, il 19,4% ha ricevuto il ciclo completo: solo la Sicilia è messa peggio di noi. Ecco tutti i grafici della Fondazione Gimbe con i dati dell'ultima settimana.

"Si parla di 20 mila posti - ha spiegato il dottor Ferro - quindi 20 mila prime dosi. Fra le 22 e le 23 di lunedì si potranno fare le prenotazioni al portale".

Per quanto riguarda le 11 dosi "sbagliate" "sono state messe in evidenza da un controllo qualità molto forte. Si tratta di un errore umano come è stato evidenziato immediatamente dall'indagine interna. Errore umano di un'assistente sanitaria che lavora da diverso tempo con noi. Pensava di aver prelevato dal frigo di Moderna e invece lo ha fatto da quello di Astrazeneca. Entrambi i flaconi hanno all'interno 11 dosi.

Si è risaliti immediatamente a chi ha avuto il vaccino da quel flaconcino e ci siamo messi a disposizione delle persone che hanno ricevuto le dosi".