LA PETIZIONE

Coronavirus in Trentino, 641 firme contro l'obbligo per i contagiati di trasferirsi nei Covid hotel

Appello al presidente della Provincia di Trento: "Deve restare una scelta"



TRENTO. Un gruppo di cittadini trentini esprime la propria contrarietà a qualsiasi obbligo da parte dei pazienti di Covid-19 a lasciare le loro case per trasferirsi negli alberghi messi a disposizione da Provincia e albergatori.

In un documento-appello con 641 firme inviato al presidente della Provincia di Trento Maurizio Fugatti, i promotori dell'iniziativa affermano che «la messa a disposizione di alberghi per la quarantena è iniziativa encomiabile, ma trasferirsi lontano dalla propria famiglia deve restare una scelta e non certo un obbligo che potrebbe assumere dimensioni drammatiche qualora riguardasse minori, disabili, coppie di genitori o persone in situazione di debolezza o disagio».

















Cronaca

le foto

Cedro abbattuto sul Doss Trento, Ianeselli: "Un cero per San Vigilio"

Gli uomini del Servizio lavori pubblici comunali stanno operando con tre squadre al taglio del grande cedro spezzato dalla saetta ieri sera sul Doss Trento. Il vicesindaco Roberto Stanchina, presente al momento della caduta del fulmine ed ancora scosso da quanto accaduto, ha ribadito al telefono: "Credetemi, si è trattato di un vero e proprio miracolo!". E come ha aggiunto sui social il sindaco Franco Ianeselli, "non sono credente ma in questa occasione un cero a San Vigilio andrebbe acceso!". C.L.







Dillo al Trentino