Da cappelli alla ceramica, viaggio in botteghe artigiani toscani



FIRENZE - Le botteghe di artigianato artistico toscane aprono le porte per mostrare al pubblico i segreti del mestiere dal 27 marzo al 2 aprile per le Giornate europee dei mestieri d'arte 2023, la manifestazione nata in Francia e promossa dall'Institut national des metiers d'art di Parigi, organizzata in Toscana da Artex in collaborazione con Oma, Unicoop Firenze, Cna Toscana, Confartigianato imprese Toscana.
    Per tutta la settimana delle Gema (www.artex.firenze.it/Gema2023), i maestri artigiani accoglieranno i visitatori nei loro atelier, sparsi in tutta la regione, per raccontare le loro storie, illustrare le tecniche di lavorazione e mostrare le opere che nascono tra le loro mani.
    Terranno gratuitamente laboratori, organizzeranno aperture straordinarie e visite guidate. Le botteghe coinvolte vanno da Anghiari a Firenze, da Vicchio a Massa Marittima (Grosseto), da Montepescali a Livorno, da Viareggio (Lucca) a Pietrasanta, da Bientina (Pisa) a Prato e Chiusi (Siena), spaziando dalle ceramiche ai restauro dei mobili e dei tappeti antichi, dal mestiere dell'argentiere a quello di pellettiere, dal ricamo alla pasticceria, dalla pittura alle cornici, dai bijoux alle maschere del Carnevale di Viareggio e ai cappelli. (ANSA).
   









Scuola & Ricerca



In primo piano