cucina

Lo chef Alfio Ghezzi sale a 2500 metri sulle Dolomiti

Al via il 3 dicembre il nuovo progetto in rifugio dello chef trentino nella skiarea di San Pellegrino: "A questa altezza? Una cucina con senso del limite"



TRENTO. Prende il via il 3 dicembre "InAlto Alfio Ghezzi Dolomites", nuovo progetto nelle Dolomiti dello chef Alfio Ghezzi, patron del ristorante Senso Mart, selezionato nella Guida Michelin Italia 2023 con una stella Michelin. La nuova avventura ristorativa sbarca a InAlto, rifugio che sorge a 2.514 m sul Col Margherita e precisamente nella Ski Area San Pellegrino, alla "partenza di una delle più adrenaliniche piste nere del Dolomiti Superski", La VolatA.

La location, integrata alla stazione a monte della funivia Col Margherita che parte dal Passo San Pellegrino (Moena-Trento), è avvolta da un anfiteatro naturale, dalla parete sud della Marmolada, al monte Pelmo, dalla maestosità del Civetta fino alle Pale di San Martino".

A proporre "piatti genuini pensati", sarà il" giovane resident chef Gianluca Pittigher", mentre per le bevande Marco Donazzolo, restaurant manager, ha scelto vini prevalentemente provenienti da viticoltori artigiani, birre locali, distillati della tradizione alpina, solo italiani, e nettari della linea Antologia Alfio Ghezzi. "Cucinare a 2500 metri - afferma Ghezzi - esige il senso del limite, indispensabile per offrire non solo una cucina rassicurante ma principalmente una cucina condivisa con il paesaggio e con le buone pratiche alimentari. Piatti pensati e cucinati con responsabilità rispettando le stagioni e la filiera corta, una cucina onesta e concreta. Tutto ciò si traduce nel mio lavoro con l'idea che la visione semplice del cibo, o meglio l'essenzialità, sia un tratto fondante di tutte le comunità che vivono le terre alte, ma sia anche e soprattutto una chiave per la riflessione e la comprensione del nostro essere cuochi consapevoli". 
 















Cronaca









Dillo al Trentino