choc

Il pilota Marco Melandri: “Ho preso il Covid per scelta”

Rivelazioni choc dell’ex campione MotoGp, 39 anni, trentino d'adozione: “Mi sono contagiato per lavorare, i vaccini non sono un'alternativa valida”. Dopo le polemiche, precisa: "Era una battuta"

LA REAZIONE. Il sottosegretario Sibilia: "Comportamento indegno, ora verifiche sul piano penale"

ROMA. "Ho preso il virus, perché ho cercato di prenderlo e, al contrario di molti vaccinati, per contagiarmi ho fatto una fatica tremenda". E' la rivelazione-choc di Marco Melandri, ex pilota di MotoGp e anche “volto” di tante iniziative in Trentino con Trentino Marketing, a MOW (mowmag.com), il magazine lifestyle di AM Network.

Il pilota ravennate, 39 anni, che da alcuni anni vive in Trentino a Pinzolo, ammette di averlo "fatto apposta, per poter essere in regola almeno per qualche mese e non è stato nemmeno facile. "Mi sono dovuto contagiare per necessità - aggiunge -, dovendo lavorare e non considerando il vaccino un'alternativa valida".

Melandri prosegue, annunciando di star bene e di essere asintomatico. "Chi prende la malattia è molto più protetto dopo. Io sono risultato positivo senza nemmeno accorgermi di avere qualcosa - le sue parole -. Mia figlia non è risultata neanche positiva. Io non ho niente contro i vaccinati, come chiaramente non ho nulla contro i non vaccinati. Io sono contro le violazioni della libertà".

Le polemiche - come era facile prevedere di fronte alle parole di Melandri - divampano. E dopo ore arriva una precisazione attraverso il profilo Instagram del pilota: "Per una battuta ironica è uscita una tempesta...Mi spiace ma non l'ho contratto volontariamente e non sono stato a contatto con un positivo. Schezando dissi 'se saró positivo sarà per necessità cosi avro il Green Pass'".