Volley

L'Itas lotta fino alla fine ma si deve arrendere a Civitanova

Giannelli e compagni tentano in ogni modo di sbarrare la strada alla Lube dell'ex Juantorena ma cedono il passo

TRENTO. Grande Itas. Nonostante tutto, grande Itas. In finale ci va la Luve Civitanova dell'ex Juantorena ma Giannelli e compagni non hanno sfigurato, anzi. Il 3-0 finale non rende giustizia allo sforzo compiuto dai campioni trentini soprattutto nel terzo set quando il match stava per svoltare. Alla fine la Lube vince 25-19, 25-23, 25-23 e va in finale scudetto contro Perugia.

La cronaca di gara 4. La lettura degli starting six non riserva sorprese; l’Itas Trentino si presenta quindi con Giannelli in regia, Nimir opposto, Lucarelli e Kooy schiacciatori, Lisinac e Podrascanin al centro e Rossini libero. La Cucine Lube Civitanova risponde con De Cecco al palleggio, Rychlicki opposto, Juantorena e Leal schiacciatori, Simon e Anzani centrali e Balaso libero.

In avvio gli ospiti fanno subito intendere le loro intenzioni, partendo sparati con Juantorena e Simon (1-4) e poi pure con Rychlicki (2-6), momento in cui Lorenzetti decide di interrompere il gioco. Alla ripresa è ancora l’opposto lussemburghese a regolare il ritmo della fase di break (3-9 e 4-11), costringendo il tecnico trentino ad usufruire di un nuovo time out. Il set è irrimediabilmente compromesso, ma l’Itas Trentino prova quantomeno a giocare e ad attivarsi sulle ricostruite come effettivamente accade (da 5-14 a 10-14 con Lucarelli efficace a rete). Il muro di Simon su Lisinac riallarga la forbice (11-17), poi Nimir scalda il braccio dalla linea dei nove metri e porta i suoi sul meno tre (16-19), coadiuvato da Michieletto (subentrato a metà set per Kooy). La Cucine Lube non scherza col fuoco ed un nuovo doppio block di Simon chiude il conto sul 19-25.

L’Itas Trentino torna in campo con un altro piglio nel secondo set; Lorenzetti conferma fra i titolari Michieletto ed è proprio Alessandro a firmare il break del 5-2 che apre il parziale; in seguito ci pensano Nimir con un attacco e Podrascanin con un muro su Rychlicki ad allargare la forbice (8-3), costringendo Blengini a fermare il gioco. Alla ripresa, Civitanova (con Yant in campo al posto di Leal) ci mette pochi minuti a tornare in carreggiata, sfruttando la vena realizzativa di Juantorena e le difficoltà in ricezione dei gialloblù (9-7), che proseguono anche in seguito tant’è vero che la Lube con l’ace di Simon arriva al meno uno (12-11). Il pareggio arriva a quota sedici, con un muro di Juantorena su Nimir, ma Trento riparte grazie ad uno dei rari errori in attacco nella serie (18-16). Un errore dello stesso opposto olandese ed un ace di Juantorena su Lucarelli invertono la situazione (18-19) e fanno decidere Lorenzetti per un time out. Nel finale gli ospiti accelerano ancora con l’ace di Yant (21-23) e difendono il break con Juantorena: 23-25 e 0-2.

La battaglia punto a punto riprende nella terza frazione (3-3 e 5-5), prima che la Lube non si esalti di nuovo in fase di break (5-8) con gli spunti di Rychlicki. L’Itas Trentino prova a replicare con Nimir (8-10) e poi con Michieletto (ace per il 10-11). Tre block consecutivi gialloblù (due di Lisinac e uno di Giannelli) consentono di mettere per la prima volta il naso avanti ai padroni di casa (12-11, time out Blengini), che poi accelerano con un altro muro, stavolta di Lucarelli (14-11). Simon col servizio ricuce lo strappo (14-13) e poi è Rychlicki con uno slash semplice semplice per Anzani ad offrire la parità a quota 17. L’Itas Trentino trova un altro spunto (20-18), che ancora Simon contrae (22-22); allo sprint è ancora la formazione marchigiana ad alzare le braccia: invasione di Lucarelli a rete dopo un attacco e ricostruita a segno per Rychlicki (23-25). Il match si chiude già sullo 0-3, la serie invece termina 1-3.

TABELLINO

Itas Trentino-Cucine Lube Civitanova 0-3 (19-25, 23-25, 23-25)

ITAS TRENTINO: Giannelli 1, Lucarelli 12, Lisinac 9, Nimir 11, Kooy 2, Podrascanin 4, Rossini (L); Michieletto 9, Sosa Sierra, Sperotto, Argenta. N.e. Cortesia, Bristot, De Angelis. All. Angelo Lorenzetti.

CUCINE LUBE: Anzani 3, De Cecco 1, Juantorena 15, Simon 17, Rychlicki 12, Leal 2, Balaso (L); Kovar, Marchisio, Yant 4, Diamantini. N.e. Falaschi, Larizza, Hadrava. All. Gianlorenzo Blengini.

ARBITRI: Boris di Vigevano (Pavia) e Puecher di Rubano (Padova).

DURATA SET: 31’, 30’,, 34’; tot 1h e 28’.

NOTE: partita giocata a porte chiuse. Itas Trentino: 8 muri, 4 ace, 13 errori in battuta, 7 errori azione, 49% in attacco, 51% (33%) in ricezione. Cucine Lube: 9 muri, 7 ace, 12 errori in battuta, 3 errori azione, 54% in attacco, 37% (13%) in ricezione. Mvp Juantorena.