Personaggi

Maria Callas e il lago di Garda: tra amore, storia e leggende

Il mito della lirica e il suo rapporto con Sirmione, fortissimo ancora oggi. Tanto che per tutta l’estate ci saranno tantissime iniziative, in attesa del centenario della nascita che cadrà nel 2023


Daniele Peretti


SIRMIONE. “Vorrei terminare i miei giorni a Sirmione e qui essere sepolta”, potrebbe partire da questa frase la descrizione di quel rapporto di amore, storia e leggenda che lega la più grande cantante lirica della storia Maria Callas a Sirmione

La prima leggenda? Maria Callas potrebbe essere stata sepolta in forma anonima al cimitero di Colombare o le sue ceneri potrebbero essere state sparse nelle acque del lago.

Maria Callas arrivò a Sirmione all’apice della sua carriera nel 1952 quando era la moglie dell’imprenditore veronese Giovan Battisti Meneghini proprietario di una villa a tre piani con 21 camere che si sviluppavano nei 780 metri quadrati di superficie pagata sessanta milioni di lire.

Fu in quelle stanze che ebbe luogo anche l’addio con Anna Maria Cecilia Sophia Kalogheròpoulos in arte Callas ad annunciare a Giovan Battisti Meneghini di essersi innamorata dell’armatore greco Aristotele Onassis, presente all’incontro e della sua volontà di separarsi e così fu. Si narra di una cena silenziosa alla quale fece seguito una violenta lite che portò ad una tragica separazione.

Villa Meneghini-Callas fu venduta dopo poco tempo e divisa in una serie di appartamenti privati.

Alla Callas piaceva molto la cucina del Garda e quando cantava all’Arena di Verona si faceva servire i “bigoli con le sarde” al ristorante Gardesana di Torri del Benaco proveniente da Sirmione. Racconta il titolare Giuseppe Lorenzini che la Callas chiese l’aggiunta dell’uva sultanina di Corinto ed ancora oggi i Bigoli alla Callas sono presenti nel menù storico del ristorante Gardesana.

Per la Callas Sirmione era un’isola felice dove rifugiarsi lontano dal caos della celebrità e dalla vita mondana anche se il suo arrivo fece un gran chiasso, ma poi in poco tempo a vincere fu la normalità del paese e a Sirmione c’è ancora chi se la ricorda cantare sul balcone della Villa Meneghini-Callas.

Amava i bagni termali, passeggiare nelle viuzze di Sirmione per fare acquisti nelle botteghe e passare del tempo al Caffè Grande Italia.

Sembrava un sogno, ma come tale era destinato a finire. La Callas si innamorò dell’armatore Ggeco Onassis che la portò via da Sirmione e morì a Parigi nel 1977.

Di certo Maria Callas non si dimenticò di Sirmione e lo stesso Sirmione non si è mai dimenticato di lei.

A lei è dedicato un palazzo comunale che si trova nella centralissima Piazza Carducci sede di mostre e eventi, c’è un ristorante, la Tavernetta Maria Callas e non manca nemmeno il Parco Callas, sul quale si affacciava la villa nella quale abitava.

A settembre ci sarà il festival “La Divina Emozione. Sirmione Callas”: sette serate che racconteranno Maria Callas anche nei rapporti con gli altri artisti.

Insomma Sirmione non dimentica e non smette di rendere omaggio alla “divina”, anche in vista del centenario della nascita previsto nel 2023. 

Tante le iniziative previste durante questa estate.

A partire dal grande concerto di apertura “Tre donne per Maria - una voce e quattro mani” in programma per il 24 giugno al Prato delle Noci all’interno delle Grotte di Catullo. Spazio alle interpreti femminili con tre figure d’eccezione, la soprano Laura Giordano e le pianiste Mirca Rosciani e Sabina Concari.

Tra i fiori all’occhiello spicca la rinnovata collaborazione con Magnum Photos che quest’anno proporrà a Sirmione il “Secondo Atto” de “La Divina Emozione”, una mostra unica e inedita dal titolo “La voce delle mani - Maria Callas e gli Italiani”. Una mostra che si ispira e fa riferimento alla gestualità teatrale, di Maria Callas in particolare, e a quella degli italiani in generale.

La fotografa Cristina de Middel è stata affascinata dal "dizionario dei gesti" di Maria Callas e da questi ha tratto ispirazione nel suo lavoro originale che presenterà esclusivamente a Sirmione al primo piano di Palazzo Callas Exhibitions. “La voce delle mani” si completa con un suggestivo legame attraverso le fotografie di Richard Kalvar che si è concentrato sulla seconda lingua italiana, quella parlata con le mani. La mostra sarà aperta dal 23 luglio al 6 novembre.

Dall’11 luglio a 6 novembre in arrivo una grande novità: Divinæ Light, due installazioni luminose immersive che raccontano Maria Callas da un nuovo e straordinario punto di vista.

La prima sarà allestita presso Viale Gennari, mentre la seconda prenderà vita su uno dei muri di cinta esterni della celebre Villa Callas. Un mix di luci e suoni che si completerà con contenuti musicali che evocheranno la presenza di Maria nei luoghi in cui ha vissuto.

Torna anche tutto il fascino della XXII edizione della rassegna “Omaggio a Maria Callas”, curata da Michele Nocera nella direzione artistica e da Elena Trovato nella direzione organizzativa. In programma sei grandi incontri musicali dedicati alla “Divina” allestiti in alcuni luoghi tra i più spettacolari del territorio sirmionese. Tra questi un inedito “Vi racconto Maria”, concerto e conversazione con Michele Nocera che si terrà a Villa Callas, affascinante dimora sirmionese della cantante e del marito.

Il “Concerto finale con i vincitori del Premio Callas” del Concorso Lirico Internazionale Mario Orlandoni di Como, in programma il 23 settembre alla la Spiaggia delle Muse, chiuderà la rassegna con una vetrina di giovani talenti della lirica.

Siginificative novità porterà la XXIII edizione della rassegna internazionale di teatro di figura “Sirmione in Scena” a cura di Maurizio Corniani che si terrà dal 4 al 6 luglio.

Quest’anno la rassegna cambia pelle, assumendo la forma di un vero e proprio festival su più giornate. Il 6 luglio la tre giorni culminerà con la messa in scena di un testo originale, uno spettacolo inedito dedicato a Maria Callas e intitolato “Maria sono io”. L’opera teatrale per attori, burattini e musica dal vivo è una co-produzione del Comune di Sirmione, del Centro Teatrale Corniani, de Le stanze di Igor e del Gruppo Caronte. Durante i 3 giorni, dal tardo pomeriggio alla sera, andrà in scena un susseguirsi di divertenti spettacoli di burattini per bambini e genitori. La rassegna proseguirà fino alla fine di agosto con altri spettacoli e due laboratori in cui si insegnerà l’antica arte della costruzione dei burattini.

Si rinnova con una produzione originale la “Mostra con il Panorama più bello del Mondo” dal 9 luglio al 6 novembre a Punta Grò. Ad arricchire questo luogo - tra i più suggestivi di Sirmione - “Connections”, progetto fotografico e mostra site specific di public art a cura di 5 giovani fotoreporter. Arianna Bonaita, 23 anni, Eleonora Pecoraro, 22 anni, Davide Rancan, 28 anni, Federica Scaroni, 24 anni e Francesca Vezzoli, 22 anni, attraverso le loro immagini racconteranno le relazioni che rimandano alle connessioni tra persone, natura e paesaggio; connessioni che in pochi luoghi si realizzano così compiutamente come a Sirmione.

Altra novità del 2022 è certamente “Callas, Arie On Air”: le più belle arie interpretate da Maria Callas in 10 tappe, alla scoperta di iconici, caratteristici e poco conosciuti luoghi della penisola, dalla Casa del Pescatore a Punta Grò a San Pietro in Mavino.

A partire dal 3 luglio, in ogni tappa, cittadini e turisti troveranno una grafica che riporta il nome dell’aria e un QR code da inquadrare con il proprio smartphone per poter ascoltare l’interpretazione di Maria Callas.

Un itinerario dalla doppia percorrenza: guidati dalla musica sarà possibile scoprire i meravigliosi paesaggi di Sirmione e seguendo i luoghi, tappa dopo tappa, immergersi e godere dello straordinario mondo musicale di Maria. Il progetto è stato realizzato con la consulenza artistica e musicale dello studioso e giornalista Fabio Larovere.

Incontri letterari e culturali completano il già ricco programma: in calendario le conversazioni con gli scrittori e giornalisti Maurizio Crosetti, Massimo Tedeschi e l’inglese Tim Parks e altri prestigiosi incontri in fase di definizione.

















Cronaca







Dillo al Trentino