l'indagine

Truffe luce e gas, oltre 3 milioni di vittime negli ultimi 12 mesi In Italia: e il Nord Est è tra le zone più colpite

Call center e porta a porta le modalità d'inganno più diffuse. Sottratto oltre mezzo miliardo di euro, una media di 162 euro a persona



BOLZANO. Sono circa 3,1 milioni gli italiani che negli ultimi 12 mesi hanno subito una truffa nell'ambito delle utenze luce e gas, con un danno economico complessivo stimato di oltre 505 milioni di euro (danno medio pari a 162 euro per truffato).

È quanto risulta da un'indagine commissionata dal sito facile.it agli istituti mUp Research e Norstat.

Le utenze luce e gas sono la voce di spesa familiare, tra quelle analizzate nell'indagine, dove gli italiani sono caduti in trappola con più frequenza (il 7,1% di chi ha risposto ha dichiarato di aver subito una truffa in questo ambito); seguono le carte elettroniche (6,5%), la telefonia mobile (5,2%), mentre l'assicurazione auto/moto, da alcuni ritenuta una delle aree più a rischio, in realtà è tra i campi analizzati quello dove in percentuale gli italiani sono caduti in trappola con meno frequenza (1,4%).

Tra i canali più usati dai truffatori ci sono i finti call center (44%) e le visite porta a porta (31%). Il 54% di chi cade in trappola non denuncia la frode, valore addirittura più alto rispetto alla media rilevata nelle altre voci di spesa familiare oggetto di indagine, dove chi non denuncia è il 41,5% dei truffati.

Le vittime predilette dei truffatori sono soprattutto gli uomini (8,9% rispetto al 5,3% del campione femminile) e, a dispetto di quanto si possa pensare, i rispondenti con un titolo di studio universitario (9,9% rispetto al 5,6% rilevato tra i non laureati).

Dal punto di vista anagrafico emerge che, a cadere in trappola nell'ambito delle utenze luce e gas, sono più di frequente i rispondenti nella fascia di età 35-44 anni (9,2%) mentre, a livello territoriale, sono i residenti nel Nord Est (9,6%).

















Cronaca

LE FOTO

Ossana dei 1600 presepi: c'è quello dedicato agli eroi della pandemia

Oltre 1.600 presepi si snodano tra i vicoli e nelle case di Ossana, realizzati da artisti e residenti con materiali spesso inconsueti come sementi , stoffe, legno e cera d'api. Spicca quello dedicato a operatori sanitari e volontari che, durante la pandemia, hanno salvato delle vite sacrificando la propria. LE FOTO







Dillo al Trentino