A Castel Sant'Angelo 'spunta' il giovane profugo di Jago

Installato stanotte In Flagella Paratus Sum poi asta benefica

ROMA


(ANSA) - ROMA, 06 AGO - Sul Ponte di Castel Sant'Angelo a Roma c'è un giovane profugo che dorme in strada. E' la nuova opera, una scultura in marmo a dimensioni naturali, che il celebre street artist Jago ha installato questa notte. S'intitola In Flagella Paratus Sum - Sono pronto al flagello. La scultura dopo un mese in mare e dopo essere stato messo al centro dello Stadio olimpico come per un abbraccio, prosegue il suo viaggio sul selciato del ponte tra gli sguardi dei santi lapidei del Bernini e da oggi delle centinaia di turisti che vi transitano. Il luogo, scenografico, non è casuale: il giovane rifugiato senza casa e in cerca di futuro è nel crocevia tra la Basilica di San Pietro e l'antica prigione di Castel Sant'Angelo. L'opera sarà venduta all'asta e il ricavato tutto verrà donato ad una associazione che aiuta i profughi. E ha una base d'asta di 1,250 milione di euro. Jacopo Cardillo in arte Jago, nato a Frosinone 35 anni fa, è ormai uno scultore di fama: giusto un mese fa si è chiusa a Palazzo Bonaparte a Roma una prima grande mostra dedicata all'artista, scoperto dalla storica dell'arte Maria Teresa Benedetti e che partecipò alla Biennale di Venezia a soli 24 anni, selezionato da Vittorio Sgarbi. (ANSA).

















Cronaca







Dillo al Trentino