Dillo al Trentino

«Boom di turisti con le bici, ma nascondono la targa del furgone»

La segnalazione: «Non è possibile che ci siano furgoni che girano in modalità “fantasma”». Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»
 



ROVERETO. Sulle strade del Trentino il flusso di turisti che arrivano per le vacanze è iniziato. Dalla statale fra Rovereto e Riva del Garda, così come in A22, tanto per citare alcuni esempi, le code di veicoli soprattutto il fine settimana è interminabile.

Se da una parte dopo due anni di pandemia e di lockdown più o meno totali i turisti mancavano (soprattutto gli stranieri) ecco che ora percorrere una strada magari per lavoro può diventare complicato e bisogna mettere in conto di partire in largo anticipo.

In mezzo ai turisti in coda, gli appassionati delle due ruote sono numerosissimi. Ed ecco che sono sempre di più i turisti che caricano le loro bici sull’auto, sopra l’auto o dietro l’auto per portarle nella località di vacanza prescelta e pedalare in mezzo alle nostre campagne, alle nostre montagne, ai nostri laghi.

Non tutti, però, sistemano le biciclette come si dovrebbe. Edoardo ha mandato una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it corredata da una foto dopo essersi imbattuto in un furgone che dopo aver posizionato le bici aveva la targa completamente nascosta.

LA MAPPA INTERATTIVA DELLE SEGNALAZIONI

Scrive Edoardo: «Buongiorno, stavo guidando a Rovereto nella zona di Sant’Ilario quando davanti a me si è materializzato un furgone di turisti appassionati delle due ruote.

Che fossero amanti delle biciclette era chiaro visto che hanno piazzato le due biciclette nella zona posteriore del furgone.

Quello che è sicuramente meno chiaro è di dove fossero, visto che la targa era completamente nascosta.

TUTTI GLI ARTICOLI DI «DILLO AL TRENTINO»

Purtroppo ne ho viste parecchie di situazioni così, che rendono praticamente impossibile l’identificazione dei veicoli.

E se uno di questi furgoni dovesse compiere una manovra azzardata, magari fare del male a qualcuno e poi proseguire la sua corsa? Nessuno sarebbe in grado di riuscire a risalire alla sua identità.

Mi auguro che le nostre forze dell’ordine possano intervenire più spesso in situazioni simili, per far riportare nella norma questi turisti “fantasma”», conclude Edoardo.

Avete una segnalazione? Mandate una mail a dilloaltrentino@giornaletrentino.it oppure mandateci un messaggio in direct sulla nostra pagina Facebook.

















Cronaca







Dillo al Trentino