Pronta la nuova stagione  del Teatro di Meano 

Presentato il cartellone 2019-2020. Largo alle produzioni professionali trentine Grande attenzione anche alle proposte per famiglie ma anche alla Stand Up Comedy

Meano. È stata presentata ieri la nuova stagione del Teatro di Meano 2019-2020 che abbraccia e condivide il calendario con la proposta stilata da AriaTeatro che ha in gestione lo spazio comunale accanto alle proposte invece condivise fra Circoscrizione e TIM legate al mondo amatoriale. La stagione si compone quindi di sei spettacoli di teatro professionale, che da grande spazio alla produzione professionale trentina leggendo nel Teatro di Meano lo spazio ideale quale incubatore di produzioni locali e residenza artistica, altrettanti sono gli spettacoli di teatro amatoriale, scelti fra le produzioni giudicate più vicine a quelle professionali per qualità. Grande attenzione al teatro ragazzi e famiglie, intravisto come esigenza di comunità ma anche veicolo per dare la sua centralità di catalizzatore culturale al teatro stesso. Si aggiungono due appuntamenti dedicati alla Stand Up Comedy ed infine novità della stagione il Musical, organizzato in collaborazione con Teatro E, che gestisce il Teatro di Villazzano, sull’onda del successo registrato proprio a Villazzano. «Si chiude un ragionamento attorno al Teatro di Meano - spiega Denis Forti di AriaTeatro - in vista della chiusura del mandato, e, in previsione del prossimo bando, si getta con la programmazione della stagione delle ipotesi per progetti futuri. Il progetto è quello di aver visti l’anima del Teatro di Meano come ideale “fabbrica di storie”, luogo di residenze artistiche per produzioni trentine”. Un teatro non facile nella gestione che cerca la sua dimensione di comunità sia all’interno di Meano che in dialogo con la città di Trento di cui fa parte». La stagione inaugura con una due giorni il 14 e 15 settembre, con la presentazione della stagione alla popolazione e associazioni di Meano cui segue il concerto del Duo Salopette in un clima di festa e condivisione. La domenica è dedicata al teatro ragazzi con la presentazione del cartellone, ben otto spettacoli fra novembre e marzo, e poi la messa in scena dello spettacolo di Nicola Sordo che invaderà la cittadina di Meano nelle indagini di “Bill Bizzarro, un caso che scotta a Meano”. La stagione di prosa inaugura con il debutto di EvoèTeatro. Il 2 novembre in “Trilogia, tre atti di vita”, che ha visto un periodo di residenza al teatro. Si prosegue il 15 novembre con “Tempo orfano” spettacolo di AriaTeatro che indaga il tema di attualità assoluta delle migrazioni. Il 18 dicembre arriva sull’onda del successo anche nazionale “Uno di voi” commedia di Roberto Marafante, produzione TeatroE. Si inizia il nuovo anno, l’11 gennaio, con la storia epica della riscrittura contemporanea di Angelo Maria Tronca “Don Chisciotte, l’ultimo viaggio” produzione RaumTraum. Infine in collaborazione con CGL il 31 gennaio Laura Curino porta il suo “Adriano Olivetti il sogno possibile”.

Lo spettacolo segue quello sulla figura di Camillo Olivetti in scena a Pergine il giorno prima. Si chiude con la storia del teatro di narrazione, il 19 marzo con “Kohlhaas” di Marco Baliani e Remo Rostagno dal racconto di von Kleist. Mentre il 4 aprile arriva di Rifiuti Speciali “Due”. Fuori stagione il 13 febbraio AriaTeatro propone “Castagne matte” sul tema della follia. Per StandUp Comedy il 18 ottobre Mario Cagol porta “Stendap” e l’8 febbraio Mario Zucca presenta “Semi di zucca”. Musical protagonista il 16 novembre con “Orario d’ufficio” di CMT Verona, il 29 dicembre con “The golden age of Broadway”, produzione TIM è il musical per ragazzi “Nel grande oceano blu” sempre di TIM del 22 marzo. Stagione amatoriale prevede tre produzioni TIM e poi ospiti la filodrammatica Nino Berti di Rovereto, filo Zivignago 87 e La logeta de Gardolo, inizio 12 ottobre con Onesti se nasse, furbi se deventa.K.C.