Il Brenta inizia a spaventare la Valsugana

Valsugana. E’ il Brenta il sorvegliato speciale di questa ondata di maltempo. Il fiume ha iniziato ad ingrossarsi già dalla mattinata di ieri, arrivando a livelli d’attenzione in particolare a Levico...

Valsugana. E’ il Brenta il sorvegliato speciale di questa ondata di maltempo. Il fiume ha iniziato ad ingrossarsi già dalla mattinata di ieri, arrivando a livelli d’attenzione in particolare a Levico e Borgo. Proprio nel capoluogo della Bassa Valsugana, dove il fiume attraversa il centro storico del paese, i vigili del fuoco sono usciti per monitorare la situazione e porre in atto i primi interventi previsti dal piano di sicurezza.

«Nel nostro distretto al momento non sono stati segnalati smottamenti od allagamenti, la preoccupazione principale riguarda il Brenta- confermava ieri in serata l’ispettore distrettuale dei vigili del fuoco volontari Emanuele Conci -. Dopo che nel pomeriggio la situazione pareva stabilizzata, la pioggia si è fatta più intensa e l’acqua ha ricominciato a salire tanto che alle 17 è stata raggiunta l’altezza di 1.10 metri».

Si tratta della prima soglia, al cui raggiungimento è prevista l’installazione delle paratie lungo i portici. La soglia successiva, ovvero 1.20, prevede la chiusura del ponte che collega piazza Degasperi con piazza Dante Alighieri.

«Le previsioni non sono confortanti, la pioggia continuerà per l’intera notte», conclude Conci. Per i vigili del fuoco si prospettano ore di apprensione. M.C.