Trento, ragazza travolta dall'autobus mentre ascolta l'ipod

Una studentessa diciottenne di Mezzolombardo è stata investita in piazza Fiera ed è rimasta con la gamba destra sotto una ruota del mezzo. Gli avvisatori acustici del semaforo purtroppo non sono serviti ad evitare l’investimento

TRENTO. È un incidente dalla dinamica semplice, ma dagli esiti agghiaccianti, quello avvenuto nel primo pomeriggio di ieri in piazza Fiera. Vittima una studentessa diciottenne di Mezzolombardo, investita da un autobus della linea urbana e rimasta con la gamba destra sotto una ruota del mezzo. L’arto ha riportato ferite gravissime e la giovane è stata subito operata.
 Tutto è avvenuto poco dopo le 13 di ieri, all’incrocio tra via Mazzini e la stretta via che sale parallela alle Mura, fino a largo Pigarelli. Un punto dove la convivenza fra mezzi pubblici e pedoni è da sempre assai difficile e dove gli incidenti, più o meno gravi, sono stati numerosi. Per questo, oltre ad un semaforo, lì sono attivi anche degli avvisatori acustici che purtroppo, questa volta, non sono serviti ad evitare l’investimento. Quando la ragazza ha iniziato l’attraversamento della via, infatti, non s’è accorta che un bus della linea 10 stava sopraggiungendo e aveva iniziato la svolta a destra. Dal canto suo, nemmeno l’autista del mezzo - il trentino Marco Pedrotti - s’è accorto della presenza della giovane, che forse all’ultimo momento ha compiuto un disperato tentativo di evitare il bus. Quando l’ha vista era ormai troppo tardi. La ruota anteriore destra del veicolo ha urtato la studentessa che è caduta a terra ed è rimasta con la gamba destra sotto la ruota stessa, davanti agli occhi inorriditi di alcune ragazzine, che hanno subito iniziato ad urlare. Urla che si sono aggiunte a quelle, strazianti, della studentessa intrappolata sotto le tonnellate del bus. Il mezzo le ha letteralmente schiacciato l’arto, provocandole una serie infinite di fratture e ferite sotto il ginocchio. Subito è stato chiesto l’intervento del 118, la cui ambulanza è arrivata sul posto nel giro di pochi istanti, insieme ai vigili del fuoco e due pattuglie dei carabinieri del Radiomobile. La giovane, che ha perso molto sangue ma è rimasta sempre cosciente, è stata trasportata al S.Chiara dove, pochi minuti più tardi, è entrata in sala operatoria. I chirurghi hanno ridotto le fratture e le lesioni vascolari: 60 i giorni di prognosi, ma le lesioni rischiano di avere conseguenze permanenti. Ancora al vaglio dei carabinieri la dinamica dell’investimento: non è escluso che la giovane abbia attraversato con il rosso e che ascoltasse la musica con l’iPod.