il caso

Portela, Tovazzi denuncia: “Ancora un’aggressione con minaccia di morte al supermercato”

Il titolare dell’esercizio commerciale di via Torre Vanga posta il video di un dipendente: “Un individuo non volendo aspettare il turno per pagare e non avendo soldi gli ha dato un pugno”


di Daniele Peretti


TRENTO. Ancora episodi di violenza alla Portela. La denuncia, l’ennesima, viene dal titolare del supermercato di via Torre Vanga, Alberto Tovazzi, che posta un video girato dalle telecamere a cicuito chiuso, che ritrae “l’ennesima aggressione con minaccia di morte” a un suo dipendente. Un individuo – scrive il commerciante – “dopo aver comprato per tutto il giorno solo birre alle 18:07 non volendo aspettare il turno per pagare e non avendo soldi ha minacciato di morte un mio dipendente e gli ha dato pure un pugno!”. Nel filmato si vede lo straniero minacciare il cassiere avvicinandogli la mano al volto, poi il dipendente spostargli la mano e l’uomo reagire con un manrovescio.

Non è finita lì: “Poi sono arrivati altri loro 15 connazionali a difenderlo e quasi mi rompevano con i pugni la vetrata”, aggiunge Tovazzi. Che conclude con un appello: “Basta alcol in piazza Portela. Divieto per sempre però”.













Scuola & Ricerca

In primo piano

il caso

Il ministro Nordio: «Chico Forti, lavoriamo per il suo ritorno in Italia il prima possibile»

Il Guardasigilli: «Atteso traguardo di consentirgli di scontare la pena nel suo Paese e vicino suoi affetti» (nella foto Chico con lo zio Gianni Forti)

IL PRECEDENTE Nordio: "Gli Usa non dimenticano il caso Baraldini"
COMPLEANNO Chico Forti, 64 anni festeggiati in carcere: "Grazie a chi mi è vicino" 
IL FRATELLO DELLA VITTIMA Bradley Pike: "E' innocente"

CASO IN TV La storia di Chico in onda negli Usa sulla Cbs