il dramma

Colpito da un sasso sulla ferrata: è in fin di vita

Niklas Fritz, tedesco di 26 anni, centrato da una pietra all’attacco dell’Amicizia: sta lottando con la morte al Santa Chiara

RIVA. Aveva appena attaccato la prima scala della ferrata dell’Amicizia quando è stato centrato in pieno da una pietra, in testa. Niklas Fritzl giovane turista tedesco di 26 anni in vacanza in un campeggio a Torbole con alcuni amici, indossava il casco e il set da ferrata: ha perso la presa a causa dell’impatto con il sasso ed è precipitato a terra, visto che in quel breve tratto percorso non c’erano fermi sul cordino. Gravissime le ferite provocate dalla pietra e dall’impatto con il terreno: il giovane sta ora lottando tra la vita e la morte nel reparto di terapia intensiva del Santa Chiara.

Il gravissimo incidente è avvenuto ieri poco dopo mezzogiorno, in una giornata in cui la panoramica ferrata è stata presa d’assalto dagli escursionisti. Il giovane ha riportato ferite importanti al capo e sul volto, provocate sia dall’impatto del sasso (che alcuni testimoni hanno definito «grande come uno boccia»), sia dalla caduta. La caduto di un sasso è un evento sempre probabile quando si frequenta la montagna, ma non si può escludere che l’episodio sia stato provocato da una delle moltissime persone che ieri hanno affrontato il percorso attrezzato e che precedevano il giovane ferito.

A dare l’allarme sono stati i tre amici (anche loro ben attrezzati, hanno sottolineato i soccorritori) che si trovavano con lo sfortunato ventiseienne. Capita la gravità della situazione, la centrale operativa del 118 ha subito inviato l’elisoccorso: quando i sanitari sono arrivati sul posto hanno capito che la situazione era molto critica ed è stato così deciso il recupero ed il trasporto immediato di Fritz all’ospedale Santa Chiara di Trento. Nel frattempo sono stati allertati i tecnici del soccorso alpino di Riva del Garda, che hanno raggiunto gli amici del ferito, comprensibilmente sotto choc per quanto avvenuto. Il gruppetto è stato accompagnato a piedi fino alla base della Rocchetta, dove ad attenderli c’era un mezzo del campeggio di Torbole dove sono ospiti in questi giorni. Gli accertamenti eseguiti al Santa Chiara hanno confermato le condizioni gravissime del giovane, che è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva del nosocomio del capoluogo. Sull’episodio sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri di Riva.

Ieri i soccorritori notavano come a memoria non si ricordino incidenti così gravi sulla ferrata dell’Amicizia, un percorso attrezzato molto esposto ma tecnicamente non difficilissimo. Si ricorda una vittima nel luglio 2006, quando perse la vita un turista belga che perse la vita precipitando non dalla ferrata, ma da cima Sat.

©RIPRODUZIONE RISERVATA