«Chico, Di Maio alzi la voce negli Usa»

Trento. «Di Maio a Washington, invece di parlare dei guai interni al M5S e magari cercare sponde per la resistenza al governo, si faccia portavoce presso le istituzioni Usa dell'amarezza e del...

Trento. «Di Maio a Washington, invece di parlare dei guai interni al M5S e magari cercare sponde per la resistenza al governo, si faccia portavoce presso le istituzioni Usa dell'amarezza e del disagio italiano sul caso di Chico Forti, all'ergastolo negli Usa per un omicidio senza prove per il quale si è sempre detto innocente». Lo affermano, in una nota congiunta, la deputata di Forza Italia e coordinatrice regionale del Trentino Alto Adige Michaela Biancofiore, e Gabriella Giammanco, vice presidente del gruppo di Forza Italia al Senato, annunciando una mozione «affinché le nostre istituzioni , di concerto con la Provincia autonoma di Trento e la Regione, chiedano la revisione del processo per addivenire alla riconosciuta innocenza di Chico, della quale siamo certe». Le due parlamentari fanno sapere poi di avere già preso contatto con l'entourage del presidente Trump «affinché il problema sia posto all'attenzione del Presidente Usa e del governatore della Florida, l'italo-americano di origini abruzzesi Ron DeSantis, che speriamo di incontrare al più presto e che voglia fare un gesto di giustizia per il Paese di sua provenienza. Con la collega italo americana Fucsia Fitzgerald, coinvolgeremo anche la potente Niaf, affinché prenda a cuore la questione di un italiano, che come i suoi membri, ha creduto nel sogno americano realizzato e finito nel tunnel buio di un carcere ».